Magazine Diario personale

Il cinema nostalgico o a corto di idee? Fitzgerald se la ride

Creato il 16 febbraio 2012 da Cuoredilattice @cuoredilattice

“Così remiamo, barche controcorrente, risospinti senza sosta nel passato”

Così si conclude il romanzo più celebre di Fitzgerald, Il grande Gatsby, il libro più consumato e amato della mia libreria,non che il migliore per le citazioni ad effetto.

I critici letterari hanno a lungo disquisito sul concetto romantico che sta dietro le magnifiche righe finali del romanzo ma io non sono una critica letteraria perciò andrò al sodo: perché certi individui non sono capaci di lasciar andare il passato? Perché mitizzano le storie d’amore,gli affetti o persino le semplici comparse del loro vissuto e deformano i ricordi per adattarli meglio a quella che per loro è diventata ormai un’ideologia?  Insomma, chi di noi non ha una Daisy da mettere su un piedistallo,per cui faremmo di tutto anche sacrificare la possibilità di una nuova vita? Quel sentimento terribbile che ci fa venire quell’insopportabile torcicollo a furia di guardare indietro è la nostalgia (canaglia!) e, grazie a lei, sono state creati i migliori romanzi e i migliori film. 

I film,appunto, nostalgici non sono stati mai così numerosi come quest’anno. Ben 3 opere cinematografiche,candidate agli Oscar, ruotano attorno al concetto gatsbyano del passato idilliaco da recuperare a tutti i costi: Midnight in Paris, The Artist e Hugo. Addirittura in Midnight in Parsi Fitzgerald è uno dei protagonisti (guardate questo film!).

Il cinema nostalgico o a corto di idee? Fitzgerald se la ride
Il cinema nostalgico o a corto di idee? Fitzgerald se la ride

Il cinema nostalgico o a corto di idee? Fitzgerald se la ride
Tra i tre ci sono delle sensibili differenze, però.

Nel film di Allen, il protagonista – scrittore e amante della letteratura, ennesimo alter ego dell’autore – a mezzanotte (a Parigi) si tuffa in passati mitici da esplorare e da vivere per sopperire ad un presente non così entusiasmante. Un inno ai sognatori, agli scrittori scapestrati e agli inguaribili romantici! Ma il finale cerca di riscattare il presente e c’è la volontà di liberarsi di un passato glorioso che però non ci appartiene più : “Ecco com’è il presente: un po’ insoddisfacente. Perché la vita è un po’ insoddisfacente” .

Mentre negli altri due film – che si occupano strettamente di metacinema -  il passato perduto è un’ossessione per entrambi i protagonisti che li porta a compiere gesti estremi,proprio come Gatsby ,anche se ,mai come in questi due film, il cinema è la macchina dei sogni per cui entrambi si meritano il loro bel finale.

Il cinema nostalgico o a corto di idee? Fitzgerald se la ride

L’ossessione romantica per il passato è sancita come ormai perduta, allo stesso tempo,è glorificata (paradigmatica la scena della proiezione del montaggio dei primissimi film in Hugo Cabret) e non smitizzata come in Allen. Perché? Sono meccanismi della psiche umana che si muovono nel mondo del dionisiaco fatto di paure e soprattutto bisogni,il bisogno di credere,il bisogno di esempi paradigmatici. Da qui il gesto apollineo (razionale) di costruire delle proiezioni mitiche nel passato da inseguire nel presente. Pensate a un cane che si morde la coda!  Questo tipo di letteratura e di cinema nasce ovviamente in contrapposizione all’idea di progresso come linea retta fatta di serrati e continui passi in avanti.

Mai come nell’era della tecnologia si sentiva il bisogno di tirar fuori una celebrazione di un cinema diverso (quello muto in The Artist) ma,nonostante tutto, morto. Sarà sicuramente questo che farà ottenere la statuetta al film francese. Agli Academy piacciono le cose vecchie,meglio ancora morte. The Artist è un ottimo film,intendiamoci. Ma tutto sommato cosa lo distingue da un qualsiasi film muto e in B/N ? Il fatto che sia stato riproposto oggi? E allora? Preferisco di gran lunga Hugo che associa all’ideale romantico,il progresso tecnologico del cinema che oggi ,grazie al digitale e alla terza dimensione, può fare pressoché qualsiasi cosa.

Il cinema nostalgico o a corto di idee? Fitzgerald se la ride

Martin Scorsese non ne sbaglia una

Il cinema nostalgico o a corto di idee? Fitzgerald se la ride
Ma quanto questo tono nostalgico il è frutto di un atteggiamento romantico e malinconico e quanto invece contiene del passatismo? Un po’ come gli anziani qualunquisti che non fanno altro che ripetere “ai miei tempi le cose andavano diversamente…”. Aggiungerei anche che  ultimamente il cinema è a corto d’idee o vogliamo considerare una coincidenza il fatto che ben undici film,tra quelli candidati, sono tratti da opere letterarie

Va decisamente meglio a Fitzgerald che, con mia grande gioia, è il protagonista indiscusso degli Oscar e se la ride di gran gusto.

Il cinema nostalgico o a corto di idee? Fitzgerald se la ride

Tom Hiddlestone interpreta Fitzgerald in Midnigt in Paris



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il "brigatista"

    "brigatista"

    Spesso sentiamo parlare di brigate di lavoro a Cuba,ognuno la puo' pensare come vuole ma ritengo che chi decide di dedicare parte del proprio tempo e dei... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • il paraocchi

    Ero in macchina, al posto di guida, ed ero in uno di quei momenti in cui tra te e il mezzo che stai conducendo non c’è separazione, l’auto è il prolungamento de... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • Il tempo

    Sulla mia ferma intenzione di non pensare più al tempo che mi manca (cosa un pò comune a tutti nella vita di oggi) quanto al tempo che mi rimane e metterlo a... Leggere il seguito

    Da  Farfalla [email protected]
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI
  • Il tabù

    Se l'articolo 18 è un tabù da abbattere, o un lusso che non ci possiamo più permettere per le sfide imprenditoriali nel mondo, la violenza e le minacce sul... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il Bicentenario…

    Ciao a tutti voi carissimissssssssssssssssimissssssssssssssssssssssssssssimi amici miei…!!! Come state??? Procede bene questa vostra settimana??? Leggere il seguito

    Da  Paperottolo37
    DIARIO PERSONALE, LIBRI
  • Il coraggio

    coraggio

    Il coraggio Nel 2006 un giornalista della Stampa di Torino, aprì in internet un sito titolato “Torinolimpiade2006” e mi chiese di tenere una pagina di questo... Leggere il seguito

    Da  Fernando
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il Negativo

    Negativo

    Nell'affrontare tematiche spinose e delicate come la vera utilità del Collegio d'Europa, c'è sempre, a riequilibrare il dibattito verso il basso, la figura del... Leggere il seguito

    Da  Fra
    CULTURA, ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ