Magazine Cinema

Il classificone: i migliori album del 2013

Creato il 30 dicembre 2013 da Silente
Tante cose belle nel 2013, tra le varie molti applausi per il black metal malinconico degli indonesiani (!) Vallendusk, il prog raffinato dei Van Gough, il solito capolavoro degli Ayreon, il power crucco e grezzissimo dei Wisdom, il trash sparato e pazzo degli Extol e il prog death poco originale ma comunque molto interessante dei Nami, ma i migliori sono questi:5. HelloweenStraight Out of HellPace all’anima di chi non ascolta power metal, la felicità che ci dona è sempre enorme e la vita sarebbe meno bella senza i ritornelli happy, la voce strillata e le melodie zuccherose. Gli Helloween non sbagliano un colpo ormai da dieci anni, ogni disco è migliore del precedente e anche in Straight Out of Hell sfornano i soliti, bellissimi e ultracatchy inni da cantare a squarciagola facendo il girotondo da soli. Viva il power metal, gente.

4. Haken – The MountainL’album della maturità per gli inglesi Haken, 70 minuti di prog che non nasconde nulla delle sue influenze rock e non ha paura di mostrarsi aggressivamente metal, il tutto con una freschezza e personalità già mostrate nei due album precedenti ma che qui trova il naturale equilibrio, sacrificando certa immediatezza (nonostante le canzoni lunghissime) per un’offerta molto più sofisticata. Grande conferma.

3. Fen – Dustwalker Stesso discorso fatto per gli Haken, i Fen trovano bilanciamento perfetto tra i tanti generi a cui attingono, black, post-rock e prog anni Settanta si fondono per canzoni dal crescendo inarrestabile senza più certe ripetitività dei dischi passati. Devastanti ed eleganti, violentissimi e malinconici, solo i migliori Opeth, sul versante death, hanno saputo miscelare con altrettanta classe generi così distanti.

2. Anciients – Heart of Oak Prendete i Mastodon più intricati e imbastardateli con il death, gli Anciients propongono un sound magari non originale ma molto personale nell’alternare mega riffoni e melodie in acido, contorsioni prog e aperture brutali. Album inaspettato e solidissimo, band agli esordi ma che sa già il fatto suo.

1. The Ocean – Pelagial
Continua l’evoluzione sonora dei tedeschi, dopo il capolavoro Heliocentric/Anthropocentric il nuovo Pelagialsegue le stesse coordinate tra sludge e progressive, tra violenza martellante e dolcezza nostalgica, per una proposta ormai unica nel panorama metal: la costruzione impeccabile dell’album, le melodie e la solarità iniziale che via via lascia il posto a catacombale, asfissiante pesantezza è quanto di più intelligente sentito negli ultimi anni, un progetto, il loro, sicuramente ambizioso e liricamente fin troppo sofisticato, ma completo e gestito con capacità immensa.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il silenzio degli innocenti

    silenzio degli innocenti

    Regia: Jonathan DemmeOrigine: USAAnno: 1991Durata: 118' La trama (con parole mie): la giovane recluta dell'FBI Clarisse Starling è aggregata alla squadra... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Il pretore

    pretore

    Il ritorno al cinema di Base è un buco nell’acqua…del lagoAdattamento del romanzo di Piero Chiara Il pretore di Cuvio, Il pretore è l’ultimo film diretto da... Leggere il seguito

    Da  Ussy77
    CINEMA, CULTURA
  • Oculus – il dualismo dell’orrore

    Oculus dualismo dell’orrore

    E’ inevitabile, quando una persona guarda e analizza una qualsiasi opera dell’ingegno altrui, questa produce un effetto diverso in quanto filtrata dalle... Leggere il seguito

    Da  Raystorm
    CINEMA, CULTURA
  • Il ricatto – La recensione

    ricatto recensione

    by Valerio Daloiso · 22 marzo 2014 Sparate sul pianista….e sulla credibilità del “gioco” messo in scena… Tom Selznick (Elijah Wood) è un giovane pianista d... Leggere il seguito

    Da  Drkino
    CINEMA, CULTURA
  • Il Grande Lebowski

    Grande Lebowski

    La dannata commedia umana che procede e si perpetua Se sei Jeffrey Lebowski, detto Drugo, non puoi tollerare che un muso giallo qualsiasi pisci sul tuo... Leggere il seguito

    Da  Ilcinemacolcuore
    CINEMA, CULTURA
  • Johnny il bello

    Johnny bello

    Regia: Walter HillOrigine: USAAnno: 1989 Durata: 94'La trama (con parole mie): Johnny il bello è un piccolo gangster di New Orleans dal viso completamente... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Il Sogno

    Sogno

    Henri Rousseau, Il Sogno (1910, olio su tela) Uno degli aspetti del sogno che riesce sempre a sorprendermi è la sensazione del volo. Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA

Magazines