Magazine Società

Il colonnello sepolto vivo.

Creato il 20 febbraio 2013 da Gianlucaweast @gianlucaweast

Il colonnello sepolto vivo.

(c) 2013 weast productions


Mohammed El Ghanam resta in carcere. Rifugiato politico in Svizzera, ex funzionario del Ministero degli Interni egiziano, è in regime di internamento nel carcere di Champ-Dollon (Ginevra) dal 2007. Il Tribunale federale ha respinto (12 febbraio 2013) il ricorso di El Ghanam contro la decisione della Corte di Giustizia del Canton Ginevra (21 agosto 2012) che confermava il suo internamento.
La vicenda di Mohammed El Ghanam, che ha quasi 60 anni, è un caso umanitario che la Svizzera ha deciso di ignorare. La sua storia è stata raccontata in un documentario di Weast Productions trasmeso da Falò (RSI 1). Potete vederlo o rivederlo cliccando QUI.
Il 14 novembre 2012, il Consiglio federale, rispondendo a una interpellanza di Oskar Freysinger, aveva scaricato il barile sul Canton Ginevra. Dal Cairo, i Fratelli Musulmani, oggi al governo, dopo essersi detti impazienti di fare uscire di prigione l'egiziano internato (definendo la sua incarcerazione un “crimine”), hanno altro a cui pensare. E, fra questo altro, figura sicuramente il contenzioso con la Confederazione circa il tesoro della famiglia Mubarak che Berna ha congelato, ma non ancora restituito. Attende una sentenza definitiva della giustizia egiziana.
Nel frattempo, un team di medici è riuscito a incontrare Al Ghanam in carcere e a stendere un rapporto sulle sue condizioni di salute (fisica e mentale): resta molto preoccupante. Stando alle fonti di Weast Productions e Faccia da reporter, le autorità ginevrine starebbero cercando di individuare un “istituto psichiatrico sicurizzato” nel quale (de)portare al Ghanam, in modo tale che possa “beneficiare” (le virgolette sono ironiche) delle cure che, nel carcere di Champ-Dollon, non riceve.
El Ghanam è ritenuto, sembra di capire anche dal Tribunale Federale (che si trincea dietro cavilli giuridici per non intralciare il diktat della Giustizia ginevrina), pericoloso per la Svizzera e la società. Chi in passato lo ha visto in carcere lo definisce un “fantasma”. Chi ha ricostruito la sua storia, ha molti dubbi sulle reali motivazioni della "sepoltura" in vita di El Ghanam. Quindi, per entrambe le ragioni (pericolo pubblico, complotto?), l'egiziano resta dietro le sbarre; e continuerà ad essere sotto chiave anche quando/se si dovesse trovare una clinica psichiatrica ben protetta (dall'interno: no way out per lui) nella quale ricoverarlo.
Un'ultima cosa: El Ghanam viene giudicato malato di mente (affetto da mania di persecuzione): in sostanza e in soldoni incapace di intendere e di volere. A questa presunta menomazione la Giustizia del Canton Ginevra riconduce tutte le sue prudentissime (ma inflessibili) decisioni. Il Tribunale federale accolla invece a Mohammed El Ghanam costi processuali di soli 800.- franchi. Tenuto conto, però, non della sua mania di persecuzione (che renderebbe la misura inapplicabile, un ossimoro, essendo il soggetto incapace di pienamente intendere e volere), ma della sua “situazione finanziaria” (pagina 8 della sentenza). Siamo svizzeri. Fino in fondo. 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il veto

    veto

    A buon intenditore poche parole “Lo stesso no che proibisce, tuttavia, può anche intravedere uno sbocco positivo a lungo termine. Infatti, quella che inizia com... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ
  • Il paradosso

    Il paradosso è sotto gli occhi.L'Ilva di Taranto non può chiudere, nonostante l'inquinamento e le malattie che provoca, perché la sua fine costerebbe a noi 8... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il cavaliere oscuro. Il ritorno

    cavaliere oscuro. ritorno

    Inizio a delineare quello che è lo stile dei film di Nolan.Innanzitutto credo che i suoi film vadano rivisti più di una volta.Non per ricercare significati... Leggere il seguito

    Da  Tanci86
    SOCIETÀ
  • Il putinismo

    putinismo

    IL PUTINISMO Ciò che è successo in Russia a proposito delle “Pussy Riot” condannate a due anni di carcere per vandalismo e istigazione all’odio religioso, fa... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Il Rotolometro

    Rotolometro

    In ritardo ma si farà. Sta per vedere la luce il nuovo redditometro. Nella giornata di ieri, mister 600mila euro annui, al secolo Attilio Befera, ha... Leggere il seguito

    Da  Giusva
    SOCIETÀ
  • Il razzismo

    Segnaliamo l'uscita, per Ediesse, del volume Il razzismo, di Alberto Burgio e Gianluca Gabrielli che sarà presentato questa sera - con Patrizia Dogliani,... Leggere il seguito

    Da  Vi
    PARI OPPORTUNITÀ, SOCIETÀ
  • Il karma

    karma

    - Sta stronza! Ma il karma la punirà!Più che l'incazzatura di mia figlia per un torto subito da un'amica, mi ha colpita questa citazione del karma, di cui... Leggere il seguito

    Da  Vidi
    SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine