Magazine Società

Il colpetto .. (capitolo due)

Creato il 13 luglio 2015 da Funicelli
Tra le varie misure chieste ad Atene c'è anche il ritorno dei controlli della Troika:
"normalizzare pienamente i metodi con le istituzioni, incluso il necessario lavoro sul campo, per migliorare l’implementazione e il monitoraggio del programma".
E' il sintomo della sfiducia della Germania (e degli altri paesi del nord) nei confronti del (fu) governo Syriza.

I giornali tedeschi (ma anche quelli italiani) scrivono dei 80-85 miliardi di euro alla Grecia: sono soldi che solo in parte finiranno ai greci.

Così come solo il 10% dei crediti concessi finora per il salvataggio sono finiti alle persone (dal rapporto preliminare del Comitato di verità sul debito greco): il resto è finito a banche (per ridurre l'esposizione al debito) e ai creditori per gli interessi sui prestiti.

Ora, in cambio di questi aiuti, alla Grecia sono state chieste le famose "riforme": il codice civile, le norme sui licenziamenti collettivi, l'aumento dell'IVA, aumento della tassazione, qualche taglio sulle pensioni, le clausole di salvaguardia (come in Italia), nuove norme sul salvataggio delle banche.

Non trovo, in questo pacchetto di riforme, un vero taglio alle spese militari (il prezzo che Tsipras ha pagato agli alleati di destra) né riforme vere in cui si parla di lotta all'evasione.
Finché non si faranno pagare le tasse a tutti (anche con una patrimoniale), armatori compresi, non ci sarà giustizia sociale. E questo anche per colpa dell'attuale governo.
Pagheranno sempre i soliti, i tanto denigrati pensionati e i dipendenti pubblici, dimenticandosi che in Grecia la pensione spesso è l'unica forma di welfare.

In questo articolo si smontano le bufale sulla Grecia che abbiamo sentito in questi giorni: la spesa per le pensioni, l'età pensionabile, le riforme strutturali.
Lo sapete che la Grecia che viveva nel bengodi ha tagliato in questi anni il 10% della spesa pubblica?
Che nel 2009 il totale dei dipendenti pubblici era di 907.351 unità mentre nel 2014 si è scesi a 651.717: 255.634 dipendenti in meno in cinque anni (qualcosa come il 25% in meno). 

Il colpetto .. (capitolo due)

Come è cambiata l'esposizione verso il debito greco: nel 2009 le banche europee (principalmente tedesche e francesi) e non gli stati fossero molto esposte in virtù dei crediti concessi in modo sbarazzino. Nel 2014 la situazione è invertita. Perché? Perché le stesse banche hanno scaricato gli oneri sugli stati cioè gli stessi cittadini che ora vogliono indietro i soldi dai greci (le banche hanno accettato un haircut del 50% sul debito). Ad essere stato salvato è il sistema bancario, non la Grecia.


Il colpetto .. (capitolo due)

Chi ha in mano il debito greco

Il colpetto .. (capitolo due)

L'impatto sull'età pensionabile, dopo la riforma delle pensioni: la situazione greca era simile a quella italiana e con la riforma attuale i greci andranno in pensione più tardi degli italiani (ma anche dei tedeschi). Lo sforzo c’è stato, ed è considerevole. 


Il colpetto .. (capitolo due)

Il calo del deficit greco: dal 15,6% nel 2009 al -1,4% nel 2015


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il quadro e il reato non commesso.

    La ragazza ha pianto. Ma ha pianto poiche’ e’ stata etichettata senza aver partecipato a festini con Berlusconi. Lei pittrice,si e’ vista etichettare “puttana”... Leggere il seguito

    Da  Lucaralla
    SOCIETÀ
  • Il PIL, l’Europa e il benessere

    PIL, l’Europa benessere

    di Guido Iodice e Daniela Palma – da Left del 7 febbraio 2015 Ilaria Bonaccorsi, nel numero precedente di Left, cita ampiamente una delle poche profezie errate... Leggere il seguito

    Da  Keynesblog
    ECONOMIA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Come sarà il 2015 per il tungsteno?

    Come sarà 2015 tungsteno?

    Come per la maggior parte delle materie prime, le attese anche per il mercato del tungsteno non sono delle migliori. Per i più ottimisti i prezzi saranno... Leggere il seguito

    Da  Metallirari
    ECONOMIA, INVESTIMENTI, SOCIETÀ
  • Il loro paradiso è il nostro inferno

    loro paradiso nostro inferno

    Anna Lombroso per il Simplicissimus741 milioni di redditi non dichiarati finiti in Svizzera e sottratti al fisco, un migliaio di italiani che hanno scudato i... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Il tempo

    Inesistente è ma scorre fluido, senza fermare poterlo. Passano i giorni e gli anni come il vento che le nuvole spazza. Solo il rimpianto di non averlo bene... Leggere il seguito

    Da  Salvatore Agueci
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Il Pinone.

    Pinone.

    Una volta tanto parlo del mio paese. Di una cosa in particolare: il Pinone, un maestoso esemplare di Cedro del Libano, simbolo del Parco Ducale, citato tra i... Leggere il seguito

    Da  Gianna
    SOCIETÀ
  • Il prigioniero

    prigioniero

    Si rende conto all'improvviso. Staccare un frutto da un albero, inseguire una preda fino a cibarsene, non gli basta più. Guarda le cose che lo circondano come s... Leggere il seguito

    Da  Vilipendio
    SOCIETÀ

Magazine