Magazine Cinema

Il concerto

Creato il 21 aprile 2010 da Terrasiniblog @TerrasiniBlog

Il concertoTrent’anni dopo, l’inaspettato riscatto di un torto subìto. Prima c’era stato il successo internazionale, la caduta, il dimenticatoio di una vita degradata trascorsa a sognare. Finchè il caso ha offerto un’opportunità riparatoria. Impostosi con “Train de vie”, Radu Mihăileanu è forte di un’ironia che sa confrontarsi coi drammi storici. In “Le Concert”, da lui sceneggiato e diretto, prende le mosse dall’eredità dei danni generati da un socialismo reale sovietico (periodo Breznev) che osteggiava minoranze quali gli ebrei e i gitani e distruggeva, come “nemico del popolo”, il personaggio scomodo di turno. Dell’oggi, il cineasta bersaglia il nuovo potere dei magnati e ci parla sia del rapporto tra individuo e collettività (materializzato nel concerto, appunto) che dell’arricchimento umano e culturale offerto dalle migrazioni, attraverso l’incontro musicale tra russi, gitani e francesi, con palesi contrasti – a cominciare da quello economico – nell’ambientazione, nei costumi, nei movimenti e nelle tecniche di ripresa. Con sorriso bonario, vengono tutti un po’ sfottuti in quelle pecche che sono diventate stereotipo etnico. Attingendo poi dall’autobiografia rispetto al tema della falsa identità, che ricorre nei suoi film, Mihaileanu abbina ai protagonisti rispettive fissazioni (dalla musica perfetta inseguita dal direttore d’orchestra all’ideologia e all’amato ristorante dell’impresario). E varia agilmente dal comico arruffato all’assoluto di un’esecuzione da applausi dell’opera di Ciajkovskij (spezzetta infatti il momento topico con flash degli sviluppi futuri) e al risvolto sentimentale, con una prova ispirata – che si esalta nella scena della cena a due – di Alexeï Guskov e un colpo di scena finale. Incalzante e confusionaria, una festa di battute e siparietti spassosi: l’ambulanza usata come mezzo di trasporto per rintracciare i reduci e rimettere in piedi l’orchestra o la doppiatrice porno che sferruzza a maglia mentre dà voce alle immagini, i passaporti falsficati in aeroporto o il matrimonio mafioso, sfarzosamente pacchiano, con annessa sparatoria.

Il concerto


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • “Water – Il coraggio d’amare”

    “Water coraggio d’amare”

    2005: Water di Deepa Mehta Candidato all’Oscar 2007 come miglior film straniero, vincitore del Toronto International Film Festival, patrocinato da Amnesty... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Il rifugio

    rifugio

    Anche Il rifugio conferma, nel bene e nel male, la cifra cinematografica degli ultimi film di Ozon, soprattutto se si pensa a Ricky (2009) e 8 donne e un mister... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • “Il dubbio” (1961)

    dubbio” (1961)

    1961: The Naked Edge di Michael Anderson Uno dei più riusciti «gialli» degli anni 60, impreziosito dalla presenza di due massime star. Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Il senso di Draquila

    Ieri con un blitz a Marcianise sono andata a vedere Draquila, perchè, considerando che ormai è uscito da 2 settimane, mi è venuto in mente che forse non... Leggere il seguito

    Da  Faith
    CINEMA, CULTURA, SOCIETÀ
  • Il «poliziottesco» anni 70

    «poliziottesco» anni

    In tempi di crisi, il revival è sempre più in auge. Dal 25 Giugno al 5 Settembre 2010 al Museo di Roma in Trastevere la mostra “Cinema di Piombo. Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • “Il rifugio”

    rifugio”

    2009: Le refuge di Francois Ozon Più amato in patria che all’estero, il regista è noto per la sua poliedricità e per dividere i critici. Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Il fiume

    fiume

    Eeeeh (lungo e continuato sospiro di non-solliveo), quanto è ostico Tsai Ming-liang!Seriamente, il regista di Taipei è creatore di un cinema dilatato aldilà di... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA