Magazine Cultura

"il coraggio degli italiani" di antonio pardo pastorini

Creato il 19 gennaio 2016 da Fabrizio64

Il coraggio degli italiani

Il coraggio degli italiani” (Palladino Editore - 2012), terzo lavoro dell’ingegnere Antonio Pardo Pastorini, è un intrigante, immaginifico, allucinatorio, onirico e apocalittico romanzo che ripercorre in chiave fanta-politica un futuro - forse -  non troppo lontano e, intraprende percorsi sontuosamente ricchi di suggestioni letterarie e filosofiche latine, inframezzati da miti cavallereschi medievali e ardori crociati, incupiti da pasoliniane e boccaccesche visioni di ingordigia culinaria imposta a umiliati e odiati parlamentari e politici. Si nutrono di dantesco contrappasso le feroci punizioni che vengono inflitte ai rei di viltà e tradimento della Patria. La narrazione - sviluppata con irremovibile  sguardo su “La città del sole” di Tommaso Campanella -  è un’orgia di riferimenti ad opere ciceroniane e senechiane, di vasti richiami storici di sapore liviano alle pugnae e alle antiche glorie romane, e di appassionate e commosse rimembranze dell"italico coraggio in Libia durante la seconda guerra mondiale.Lo stile è talora manzoniano, talune volte il periodare è a struttura classica latina, altre ancora ricorda lo stentoreo parlare dei proclami del ventennio fascista o, al contrario, il pacato e saggio  interloquire in “The Prophet” di Gibran. Vetuste e ricercate e studiate parole,  a cui l’Autore fa ritrovare la sopita lucentezza,   sono riportate agli antichi fasti di un tempo.Tutto ha inizio nello studio di “Annozero” condotto da Michele Santoro, in presenza dei soliti volti noti della politica italiana.

Un doppio colpo di Stato irrompe nel racconto: i "Legionari", ferrei garanti di valori patriottici, familistici e spirituali (l’Assoluto Fondante l’Umano), con l’aiuto dei Cavalieri Alati, cercano di sovvertire, con il brando e il senso della sacralità della esistenza terrena, il materialismo e il consumismo imperante, la concezione di un uomo ripiegato su se stesso e su le proprie becere e miserrime brame, la supremazia tirannica dell’ “Io” senza D  - come direbbe Marcello Veneziani -  del tutto dimentico  di una Entità superiore; i "Becchini", demoniaci e inumani in ogni loro gesta, ferocemente atei e sprezzanti di ogni difetto fisico e valore umano, sterminano chiunque non rispecchi il loro pagano ideale dell’uomo, privi di ogni forma di misericordia, esaltatori, semmai, del suo esatto contrario.I cittadini di Roma dovranno riscattare con le armi la loro molle concezione di vita, riguadagnare il senso del proprio passato, riconquistare una dignità persa anche nell’uso della propria lingua, usurpata e mutilata nella sua primigenia bellezza e autenticità da anni di occupazione spagnola, francese, austriaca, tedesca e anglo-americana.Nel proscenio, ove si svolge l’azione, sosta una Roma magnificente, descritta in tutte le sue fulgide bellezze, gremita di un millenario trascorso.
Fabrizio Giulimondi

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine