Magazine Cinema

Il Discorso del Re

Creato il 04 aprile 2013 da Mattia Allegrucci @Mattia_Alle
Il Discorso del ReTra i titoli più discussi degli ultimi anni per i suoi apparentemente immeritati premi conferitigli innanzitutto dall'Academy ma anche da tante altre associazioni, Il Discorso del Re è stato capace di spaccare critica e pubblico come non succedeva da tempo, tanto da farsi affibbiare aggettivi che variano dal "furbo" al "capolavoro". Inutile dire che il mio pensiero appartiene alla seconda categoria per il semplice fatto che Tom Hooper riesce a donare uno suo stile ad una storia apparentemente piatta e già vista innumerevoli volte sul grande schermo, avvalendosi di un cast fenomenale a partire dall'istrionico co-protagonista Geoffrey Rush, pienamente in sintonia con il suo personaggio e perfettamente inserito nel contesto attorno a lui come anche la dolce e bella Helena Bonham Carter, che si scrolla di dosso tutti i variopinti make-up elaborati con il compagno Tim Burton e ritorna ad interpretare una fragile ed umana personalità che ha come qualità caratteristica quella di essere stata improvvisamente eletta regina.Al centro di tutto c'è la performance magistrale (premiata con l'Oscar) di Colin Firth, perfetto nel ruolo di un re insicuro delle proprie potenzialità a causa del suo balbettio che porterà alla luce drammatici momenti presenti nel suo passato nascosti alla sua memoria, difetto di pronuncia enfatizzata nella fantastica sequenza d'apertura da un'eco ancor più disturbante di quanto non lo sia l'impeccabile interpretazione dell'attore. Non mancano i caratteristi come Timothy Spall ad impersonare Churchill o sir Michael Gambon nel ruolo di re Giorgio V, ma ciò che merita elogi a non finire è appunto la già citata accuratezza con la quale Hooper studia un piano di regia particolare e a tratti fastidioso proprio per creare una sensazione di inadeguatezza nei confronti del pubblico (cito per semplicità e al contempo efficacia lo scavalcamento di campo che apre il film e che anziché presentare il protagonista si concentra sul suo unico vero avversario, il minaccioso microfono radiofonico). Le inquadrature sballate e a tratti vuote vengono lentamente riempite nel corso del film e trovano la loro perfezione solo quando la storia è conclusa e il personaggio ha finalmente compreso ciò che egli stesso è. Nonostante l'impostazione tipicamente teatrale, Hooper è stato in grado di dimostrare ancora una volta (come già successo con Il maledetto United) di essere un grandissimo regista dalla sensibilità unica in grado di raccontare i propri personaggi senza snaturare la storia che essi si portano alle spalle né quella che si troveranno di fronte. Nota di merito anche al compositore Alexandre Desplat che qui riesce ad entrare in perfetta sintonia con lo stile dell'autore e che si rifà delle numerose "incompiute" (nel senso che molte sue composizioni non hanno convinto appieno) che ha scritto precedentemente. Di fronte a cotanta interessante struttura registica, ai magistrali attori britannici e alla spettacolare messa in scena allo stesso tempo intima e realistica, le piccole banalità della sceneggiatura scritta da David Seidler (come qualche dialogo buttato lì per creare pathos e strizzare l'occhio allo spettatore) passano in secondo piano e si rimane affascinati di fronte ad una storia semplice come questa, narrata nel più semplice dei modi e reperita dallo spettatore in una maniera altrettanto semplice, ma che alle spalle ha una lavoro registico complesso, riflettuto e personalizzato capace di fare conoscere Hooper non solo all'Academy (che lo premia con l'Oscar alla Miglior Regia), ma anche al grande pubblico mainstream. E se qualche ammiccamento e qualche passaggio semplice servono per portare il buon cinema nelle case di tutti, ben vengano entrambi.
Il Discorso del Re

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Helena bonham carter day: il discorso del re

    Helena bonham carter day: discorso

    Il discorso del ReFonte foto: blog.screenweek.itCome avete potuto leggere dal titolo del post oggi è l'HELENA BONHAM CARTER DAY, dopo Jack Nicholson e... Leggere il seguito

    Da  Dennyb
    CINEMA, CULTURA, LIBRI, OPINIONI
  • scrittura e follia per il «Re»...

    scrittura follia «Re»...

    (Cronache Letterarie procede con la riproposizione di alcuni post di questo blog. Oggi tocca a un vecchio pezzo, stringato quanto basta, su quel capolavoro... Leggere il seguito

    Da  Omar
    CULTURA, LIBRI
  • Il Discorso del Re

    Discorso

    Pubblicato il 6 novembre 2012 con Nessun Commento “Sai, io ho rifiutato le tue prime due proposte di matrimonio non perché non ti amassi, ma solo perché non... Leggere il seguito

    Da  Oggialcinemanet
    CINEMA, GOSSIP
  • Il giovane re // Audio fiaba

    giovane Audio fiaba

    Martedì 04 Dicembre 2012 17:09 Scritto da Oscar Wilde Amore, bellezza e generosità nelle fiabe di Oscar Wilde. Scritte da uno dei più grandi scrittori del... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Anna e il re

    Anna

    Un altro mio film preferito di sempre è Il re ed io, un sontuoso musical del 1956 con Yul Brynner. Trama: Circa un secolo fa il Siam era governato da un re di... Leggere il seguito

    Da  Weirde
    CULTURA, LIBRI
  • Il re nuovo anno

    nuovo anno

    Domenica 30 Dicembre 2012 22:25 Scritto da giovigio Ecco che arriva fra botti e spumantelo fanno sentire parecchio importantefra strette di mano e auguri di... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Balasso, Il Discorso di Capodanno.

    Siccome non sto molto bene, non avevo la forza per scrivere un post degno di tale nome, tuttavia ieri un amico fece notare il video di Natalino Balasso, che fa... Leggere il seguito

    Da  Helldoom
    CINEMA

Magazines