Magazine Cinema

Il Dr. T e la vita di Lon Chaney in dvd per Sinister

Creato il 11 agosto 2013 da Taxi Drivers @TaxiDriversRoma

Con le fattezze del Tommy Rettig protagonista della serie televisiva Lassie, Bart Collins individua la peggior cosa con cui deve confrontarsi nelle odiate lezioni di piano che è forzato a seguire sotto la tutela del Dr. Terwilliker alias Hans Conried, che secondo lui esercita anche una terribile e sinistra influenza sulla madre Heloise, incarnata da Mary Healy.

Parte da qui Le 5000 dita del Dr. T (1954), vero e proprio gioiellino fantastico in technicolor che,

le_5000_dita_del_dr_T
prodotto dallo Stanley Kramer regista di Indovina chi viene a cena? (1967) e diretto dal Roy Rowland in seguito autore di Arrivederci Roma (1957), vede il ragazzino cadere in un sonno profondo proprio durante uno dei suoi noiosi esercizi ed entrare in un assurdo sogno ambientato nell’Istituto Terwilliker, dove l’insegnante è un pazzo dittatore interessato a rinchiudere tutti i musicisti che non suonano il pianoforte nelle prigioni del palazzo.

Assurdo sogno immerso nella affascinante varietà di colori ulteriormente accentuati dalla splendida fotografia di FranzColazione da TiffanyPlaner, man mano non solo che il pianoforte si rivela talmente grande da richiedere che Bart e quattrocentonovantanove ragazzi schiavizzati formino le famigerate cinquemila dita per suonarlo, ma anche che il giovane s’impegna per salvare la genitrice, divenuta sotto ipnosi assistente del folle ed intenzionata a sposarlo.

Senza alcun contenuto extra, sebbene sulla fascetta sia riportata la presenza della presentazione di Luigi Cozzi, è l’attivissima Sinister Film a renderlo finalmente disponibile su supporto dvd; permettendoci di riscoprire una atipica e originale fiaba su celluloide che, oltre a ribadire che gli adulti dovrebbero sempre credere ai bambini, perfino quando dicono le bugie, tra momenti cantati e balletti sembra anticipare non poco il cinema del Tim Burton d’inizio XXI secolo (citiamo soltanto La fabbrica di cioccolato).

E non si tratta dell’unico capolavoro della Settima arte recuperato su disco dalla label,

l'_uomo_dalle_mille_volti
perché il suo catalogo provvede ad arricchirsi anche tramite L’uomo dai mille volti (1957) di Joseph Pevney, ovvero il resoconto in bianco e nero della vita del grandissimo Lon Chaney, nato in Colorado nel 1883 a e prematuramente deceduto, a causa di un tumore, nella Hollywood di quarantasette anni dopo.

Resoconto tutt’altro che romanzato che, orchestrato tra ascesa e trionfi, punta in particolar modo sulla bravura di un eccezionale James Cagney nei panni di colui che fu prima attore di teatro, poi divo del muto particolarmente specializzato in melodrammi fantastici e orrorifici.

Colui che apprendiamo essere stato messo al mondo da genitori sordomuti e che arrivò a essere il re del trasformismo provvedendo di persona alle sue magnifiche maschere, in quanto attivo in un’epoca cinematografica che ancora non pullulava di truccatori.

Colui che interpretò Il gobbo di Notre Dame (1923) di Wallace Worsley e Il fantasma dell’opera (1925) di Rupert Julian e del quale viene mostrato il rapporto con il figlio, divenuto negli anni successivi il Lon Chaney Jr. de L’uomo lupo (1941) e di molti altri film horror e b-movie.

Mentre la curata ricostruzione delle scenografie hollywoodiane rispecchia la magnificienza della storia raccontata e, in questo caso, la presentazione di Cozzi è veramente presente come contenuto speciale.

Francesco Lomuscio


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Sinister

    Sinister

    Ellison Oswalt è uno scrittore in cerca di rilancio. A questo scopo, si è trasferito in una casa isolata in una zona boscosa assieme alla moglie Tracy, al figli... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Sinister (2012)

    Sinister (2012)

    Sinister è un horror interessante, che viene da produttori (quelli di Paranormal Activity) e regista (Derrickson, quello di L’Esorcismo di Emily Rose) che, dett... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • Sinister

    Sinister

    Consiglio per chi si appresterà a vedere questo film, ingolosito dalla mia entusiastica recensione: Preparate le mutande di ricambio, ne avrete bisogno. Leggere il seguito

    Da  Houssymovies2punto0
    CINEMA, CULTURA
  • Sinister

    Sinister

    L’horror d’ultima generazione, quello fatto di spiriti e possessioni (per la cronaca già presenti, con forme diverse di possessione, in classici come... Leggere il seguito

    Da  Ildormiglione
    CINEMA, CULTURA
  • Al Cinema: recensione "Sinister"

    Cinema: recensione "Sinister"

    COMUNICAZIONE DI SERVIZIOi pochi che ancora mi seguiranno avranno notato una nuova lunga pausa. Ancora gli stimoli per scrivere con continuità non arrivano. Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA
  • Sinister, Scott Derrickson

    Sinister, Scott Derrickson

    Titolo originale: SinisterAnno: 2013Durata: 110 min.Trailer:Il giorno prima di andare al cinema a vedere Sinister ho letto qualche recensione in giro, una... Leggere il seguito

    Da  Mariparacchini
    CINEMA, CULTURA, HORROR, OPINIONI
  • Sinister (2012)

    Sinister (2012)

    Mi sono accorto di trascurare un genere che in passato frequentavo molto di più: l'horror.Il genere ha delle grandi potenzialità di intrattenimento ed anche in... Leggere il seguito

    Da  Maste
    CINEMA, CULTURA