Magazine Cultura

Il Festival

Creato il 16 febbraio 2011 da Sogniebisogni

MORANDI

Sono anni che non guardo il Festival di Sanremo, ma ogni volta che mi avvicino a un televisore in questa stagione dell’anno vedo immagini di repertorio che sembrano riferirsi forse alla fine degli anni Ottanta o al massimo alla metà degli anni Novanta, se uno prende in considerazione l’uso e abuso di steady e jimmy. Il sonoro non voglio prenderlo neppure in esame, non ci sono tagliato fisicamente.
Anche quest’anno mi sono incautamente avvicinato al televisore acceso, rigorosamente a casa d’altri, e ho visto un certo Van de Korput che pensavo fosse un libero della fiorentina negli anni Ottanta (un decennio che ricorre evidentemente). Van de Korput cantava una cosa che non avrebbe stonato affatto a un concerto dei Modena City Ramblers nel 1995, vestito più o meno come Paolo Rossi nel 1995 e inquadrato dal regista in pieno stile 1995. Fortunatamente le parole erano incomprensibili. Olandese?
Uno pensa: saranno immagini del Sanremo del 1995, al quale Van de Korput si è trovato a partecipare dopo essersi ritirato dal calcio giocato. No, era la diretta da Sanremo, una forma di cronovisione che permette di mandare in onda il passato direttamente al posto del presente. Una versione costosa del palio del paese con Albano e Morandi al posto degli sbandieratori e del tamburino. Il passato è molto bello, ma non dovrebbe diventare un tale peso.
Prendiamo anche Morandi. Si dice che sia coprofago, ma questo giustificherebbe il suo attuale ruolo come gran maestro della più estesa cerimonia di coprofagia collettiva in Italia (dopo forse le scorse elezioni politiche). Morandi, quello vero, Giorgio, era famoso per i valori plastici delle sue desolate bottiglie vuote, bloccate dalla luce in un eterno presente. Questo qua è diventato direttamente una bottiglia desolatamente vuota e anche bloccata nel passato da un indegno montaggio stile “Fantastico 6”. Quando si dice correlativo oggettivo. Insomma abbasta con questo XX Secolo! Per i prossimi giorni farò finta di non aver visto Van de Korput, Albano, Morandi e tutto il cucuzzaro. Il tempo ricomincerà ad andare in avanti prima o poi.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog