Magazine Ecologia e Ambiente

Il Fotovoltaico è contagioso

Creato il 12 aprile 2011 da Mondozio

Il Fotovoltaico è contagioso

È probabile che anche noi installiamo dei pannelli solari sul tetto di casa se il nostro vicino li ha? Un nuovo studio dice di si. Più precisamente, ha verificato che, per ogni aumento dell’1 per cento nel numero di installazioni per codice di avviamento postale, il tempo che trascorre fino alla successiva installazione del solare diminuisce di 1 per cento.

Quindi il fotovoltaico è contagioso.

Ma come si propaga questa epidemia solare?

Se si considera un quartiere con 25 impianti solari, dove era di 100 giorni il tempo trascorso tra la 24° e la 25° installazione, questo effetto contagio ridurrà il tempo tra le installazioni ad appena 10 giorni dalla 250° installazione di un impianto fotovoltaico.

Naturalmente, questo processo può richiedere, effettivamente, un tempo piuttosto lungo per concretizzarsi. Nel precedente esempio, in un ipotetico codice di avviamento postale di partenza con un impianto solare, ci vorrebbero 15 anni per colmare il divario tra le installazioni e scendere a 10 giorni.

Ma cosa genera questo contagio?

Un fattore prevedibile è di standing sociale. Chiamatela, se volete, “tenere il passo” con i vicini. I proprietari di un abitazione vedono i vicini  montare  i pannelli solari, e vogliono proiettare anche su se stessi un  ”immagine verde“. Un altro è il passa parola, il passaggio delle informazioni. Diventa più facile per conoscere i pannelli solari se ci sono persone nel vicinato che li hanno. I vicini parlano ai vicini di casa, spiegando i benefici del solare sui tetti, e spiegano il processo di installazione. Allo stesso modo, gli installatori locali con sufficiente familiarità con il solare, possono soddisfare più clienti, e parlare con altri committenti.

Infine, le aziende stanno adottando un approccio di marketing e vendita aggressivo.

Tutte queste evidenze,alla fine ci dicono che, se vogliamo, possiamo diventare propulsori di impianti fotovoltaici semplicemente installandoli per primi sul nostro tetto di casa. E osservare l’effetto contagio.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :