Magazine Società

Il fratello di Umarov è tagiko?

Creato il 01 febbraio 2011 da Matteo

Le autorità italiane smentiscono l'arresto di Ruslan Umarov

Feb. 01 2011, 00:55

I rappresentanti delle autorità italiane hanno smentito la notizia dell'arresto del 35-enne fratello del leader dei guerriglieri del Caucaso del Nord Dokku Umarov Ruslan Umarov.

In precedenza era stato comunicato che Ruslan Umarov era stato portato via da un treno da agenti delle forze dell'ordine italiane al momento di varcare la frontiera italiana alla stazione ferroviaria di Mestre a Venezia [1].

Fonti della prefettura della provincia settentrionale italiana di Gorizia hanno comunicato la sera del 31 gennaio che l'uomo arrestato alla stazione ferroviaria di Mestre, alloggiato nel centro per la detenzione temporanea degli immigrati illegali nella cittadina di Gradisca, non è Ruslan Umarov.
L'arrestato è risultato essere un cittadino del Tagikistan, cosa che è stata chiarita al momento di stabilirne l'identità. Con Ruslan Umarov ha in comune solo l'età. Quanto prima l'arrestato, che è privo di documenti, secondo la legislazione italiana dev'essere mandato in patria in Tagikistan, scrive la RIA “Novosti” [2].

Come ha comunicato "Kavkazskij uzel", secondo notizie dei mezzi di informazione di massa locali, Ruslan Umarov si è rivolto alle autorità italiane chiedendo asilo politico. Tuttavia i guerriglieri hanno dichiarato che l'arrestato non è il fratello di Dokku Umarov.

Nel frattempo le strutture armate della Cecenia stanno verificando la notizia della possibile morte dello stesso Dokku Umarov, a cui i guerriglieri ceceni nell'agosto 2010 si sono rifiutati di giurare fedeltà, scegliendo come proprio emiro il comandante in campo Chusejn Gakaev. Nelle strutture armate cecene non si esclude che Umarov abbia varcato i confini del paese e abbia interrotto tutti i contatti per superare tranquillamente l'inverno che è giunto. Ma allo stesso tempo non si esclude che Dokku Umarov sia stato ucciso o sia morto di una malattia causata da avvelenamento.

Il leader dell'"Emirato del Caucaso" Umarov si è preso la responsabilità dell'organizzazione delle due esplosioni nel metrò di Mosca nel marzo 2010. Inoltre il 27 gennaio 2011 il capo dell'Inguscezia Junus-Bek Evkurov ha accusato le organizzazioni armate clandestine del Caucaso del Nord, tra cui anche quelle di Umarov, di aver compiuto il 24 gennaio l'atto terroristico a Domodedovo.

Nota della redazione: vedi anche le notizie "Džemal' [3]: la spaccatura nell'"Emirato del Caucaso" aiuterà le strutture armate a lottare con i guerriglieri in Cecenia", "Umarov ha chiesto a Gakaev di restituirgli i soldi e ha riorganizzato l'"Emirato del Caucaso"", "Ai guerriglieri staccatisi da Umarov possono aggiungersi quelli offesi dalle autorità, ritengono gli osservatori".

Kavkazskij uzel”, http://www.kavkaz-uzel.ru/articles/180397/ (traduzione e note di Matteo Mazzoni)

Note

[1] Sic. E' noto che Mestre non è luogo di frontiera...

[2] RIA (Russkoe Informacionnoe Agentstvo, “Agenzia di Informazione Russa”) “Notizie”.

[3] Orchan Gejdarovič Džemal', giornalista e politologo.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Gerontocrate

    I vecchi subiscon le ingiurie degli anni, non sanno distinguere il vero dai sogni, i vecchi non sanno, nel loro pensiero, distinguer nei sogni il falso dal... Leggere il seguito

    Da  Mcg
    RELIGIONE, SOCIETÀ
  • Il precario e il ministro

    Puntata di Annozero del 10 marzo 2011 dal titolo "Rischi fatali" - Giulia Innocenzi, nello spazio dedicato ai giovani, intervista Giacomo Russo, un insegnante... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SCUOLA, SOCIETÀ
  • Il brododigiuggioledellelibertà

    "E' un grande, una grande persona, è uscito dalla villa camminando verso di noi" Addirittura!! "Gli ho presentato mia figlia che... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    SOCIETÀ
  • il rosso e il nero

    rosso nero

    Noi spiriti liberi, siamo già una trasvalutazione di tutti i valori, una dichiarazione di guerra e di vittoria in carne ed ossa a tutti i vecchi concetti di ver... Leggere il seguito

    Da  Wanderer
    SOCIETÀ
  • § Il tempo è il male §

    Il tempo all'improvviso è cambiato. E' difficile fare progetti che vadano oltre le due settimane. Desidero ardentemente partire ad Ottobre con i miei compagni d... Leggere il seguito

    Da  Faith
    SOCIETÀ
  • Il mercato

    Una volta al mese chi può va a fare la spesa, se così si può definire il rifornimento di scatolame contenente surrogati di carne e verdure e bottiglie di acqua... Leggere il seguito

    Da  Harlan1985
    SOCIETÀ
  • Il plebiscito

    plebiscito

    17 MAGGIO 2011 Il plebiscito Allora, se il voto di Milano era un plebiscito ora ci dovremmo aspettare le dimissioni di Berlusconi, o sbaglio? Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ