Magazine Famiglia

Il Giocabosco

Da Marlenetrn

Il Giocabosco

Nel cuore della foresta il polmone verde del Gargano è stato realizzato un parco giochi speciale. 

Si chiama Il GiocaBosco  non serve a tenere i bimbi impegnati mentre le mamme si rilassano all'ombra degli imponenti alberi della foresta. No, serve a grandi e piccini per imparare a giocare con il bosco e ad amarlo.
è stata inaugurata ufficialmente nel settembre del 2012 l’area del “Giocabosco” allestita nei pressi del Villaggio di Foresta Umbra, nella riserva naturale biogenetica dello Stato, polmone verde del Gargano che si estende per ettari ed ettari incontaminati su per i promontori e fino quasi alla costa. Non ci sono andata spesso in foresta, perché se pur così bella e incontaminata lo sempre vista un po' austera. Troppo silenziosa, troppo ombrosa (per dire ad agosto sulla spiaggia s'erano 30° in foresta 24) da mettere quasi paura. Eppure è sempre meravigliosa. 
L’area del Giocabosco, che abbiamo scoperto per caso un giorno di questa pazza estate scappando alla ressa della spiaggia è stata una meravigliosa sorpresa. Pienamente dedicato ai bambini il parco si configura come un nuovo modo di proporre ai piccoli visitatori l’ambiente forestale, puntando anche sulle sensazioni emotive, nella speranza di preparare in loro un terreno fertile per una consapevole e più efficace educazione ambientale.Non si tratta di un parco giochi di città: non vi sono le classiche strutture ludiche convenzionali “certificate a norma” e confezionate da ditte specializzate; ma di una piccola porzione di foresta dove i bambini possono dare sfogo alla loro vivacità e alla loro fantasia con grande sicurezza, l'area è stata completamente recintata, ripulita dal sottobosco e viene costantemente controllata per la rimozione di eventuali cause di pericolosità.Nell’area, semplicemente, i bambini possono giocare nel bosco e col bosco: tra gli alberi, con la palla o con i loro giocattoli preferiti o con i pezzi di legno che sono stati preparati come elementi di costruzione; ma anche con i rami spezzati, con le pigne, con i sassi, con la terra, sui tronchi abbattuti, nella piccola capanna che ricorda quella che allestivano una volta i boscaioli o sul trenino che evoca la ferrovia Decauville; e perfino con le sculture lignee, realizzate dall’artista Lino Faraoni, che stimoleranno in loro, almeno si spera, qualche piacevole emozione. E magari qualche curiosità che spetterà agli adulti soddisfare: volutamente, infatti abbiamo saputo che nel “Giocabosco”, mancano le consuete tabelle indicative ed esplicative dei vari giochi.

Il Giocabosco

Ci siamo rimasti un giorno intero qui nel giocabosco, con il pranzo a sacco e i piedi neri di terra e foglie,  nascosti nel bosco e fare grattacieli con i blocchi di legno, a giocare a nascondino con gli alberi o imitando Hansel e Gretel nella casetta di legno. Un posto fantastico che assieme alla riserva per i daini in cura ala forestale è un attrattiva fantastica per i bambini e per le famiglie che arrivano sul Gargano e cercano qualcosa di alternativo alle spiagge e ai santuari.
Con l'occasione vi invito e guardare la webstory del #Giocabosco che ho realizzato su Steller.
Potete sfogliarla qui: https://steller.co/stories/328756199367378138
e se passate da queste parti fatemi sapere cosa ne pensate di questo splendido posto!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il piegaciglia

    piegaciglia

    Considerato da molti uno strumento "infernale" o di "tortura", il piegaciglia è molto utile nel caso in cui le nostre ciglia abbiano la tendenza a crescere... Leggere il seguito

    Da  Carlotta Morosini Mua
    BELLEZZA, PER LEI
  • Il branco

    branco

    Ho letto la notizia della ragazza indiana di 22 anni: stuprata da un BRANCO e poi uccisa. Uccisa come? Le è stato fatto bere dell’acido e poi è stata... Leggere il seguito

    Da  Barbaragiorgi
    PER LEI
  • Il controllo.

    controllo.

    Il pilota si agita al volante, ma resta freddo e impassibile. Il copilota continua a sparargli nelle cuffie le curve, lui si invece che e´agitato. Leggere il seguito

    Da  Michele Orefice
    DIARIO PERSONALE, FAMIGLIA
  • Il pensiero modifica il dna

    pensiero modifica

    Scoperta Russa sul DNA: le parole e le frequenze influenzano e riprogrammando il DNA.Il DNA umano è un Internet biologico, superiore, sotto molti aspetti, a... Leggere il seguito

    Da  Marta Saponaro
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Il prima e il dopo

    prima dopo

    La mia casa è sempre un cantiere, abbiamo un sacco di lavori iniziati che vanno a rilento ma ogni tanto qualcosa riesco a finirla. Leggere il seguito

    Da  Silva
    CUCINA