Magazine Cultura

Il gusto del cloro / Bastien Vivès

Creato il 02 agosto 2011 da Lo Sciame Inquieto
Il gusto del cloro / Bastien Vivès Il gusto del cloro / Bastien Vivès. Firenze: Black Velvet, 2009.
Leggere non è esattamente il verbo appropriato per questa graphic novel, meno ancora che per qualsiasi altra pubblicazione di questo genere. Forse sarebbe meglio dire “guardare”. O anzi “osservare”. È il dettaglio che fa la differenza e che comunica il senso.
Ho trovato. Il verbo giusto è “immergersi”. Anche perché siamo in una piscina, e il viaggio dalla prima all’ultima pagina di questo volume è un po’ come la lunga apnea del giovane protagonista che – mettendosi alla prova – tenta di arrivare, con un’unica nuotata subacquea, da una parte all’altra della vasca.
Un’apnea che dura poco e – al contempo – sembra non finire mai. Un’apnea che è un rapido scorrere di immagini davanti agli occhi, ma in realtà esige la lentezza necessaria a godersi ogni tavola, ogni riquadro, ogni minima variazione delle espressioni, ogni cambio di angolatura e prospettiva.
Le ambientazioni esterne rispetto alla piscina sono limitatissime, solo le sedute del protagonista presso lo studio del fisioterapista, che è poi anche colui che spinge il giovane a praticare nuoto a scopo terapeutico per la scoliosi.
Tutto avviene nei confini angusti di una vasca, spesso affollata al punto da togliere lo spazio vitale, altre volte vuota a permettere quasi di confrontarsi con l’infinito.
Un’esistenza – quella vissuta in piscina – che si colloca sempre a metà strada tra l’essere fuori dall’acqua ed essere completamente sprofondati nell’innaturale, ma affascinante verde/blu della vasca. E così anche i disegni di Vivès giocano continuamente sulla differenza tra la visione fuori dall’acqua, caratterizzata da confini netti e colori definiti, e quella sotto l’acqua, in cui la realtà appare morbida e sfumata.
Il gusto del cloro / Bastien Vivès Pochissime anche le parole e i dialoghi, quelli banali del protagonista con l’amico che qualche volta va con lui a nuotare e quelli un po’ impacciati con la ragazza conosciuta in piscina.
Le parole forse più importanti dell’intera storia sono quelle che la ragazza pronuncia sotto l’acqua in risposta a una domanda del giovane, e che – per quanti tentativi di decifrazione vogliamo fare – rimarranno per sempre un mistero, inghiottito in quel mondo parallelo e ovattato che si sviluppa sotto la superficie dell’acqua.

Bastien Vivès
sceglie inoltre di non dare forma scritta ai pensieri dei protagonisti, cosa che pure rappresenta la più straordinaria opportunità e libertà di un disegnatore di fumetti. Preferisce lasciare al “lettore” il gusto di cogliere le sfumature, di guardare con gli occhi del protagonista, di scoprire i pensieri, le sensazioni, i sentimenti.
Forse è proprio questo il “gusto del cloro”.
Siamo ormai abituati ad associare la cultura delle immagini alla velocità, quella che caratterizza ad esempio i videoclip e molto del cinema contemporaneo.
Vivès ci restituisce il piacere della lentezza delle immagini, ci spinge a soffermarci, a “immergerci” nei pensieri.
Impossibile sfuggire a una vena malinconica cui il fumetto sembra non riuscire a sottrarsi. Ma qui la malinconia ha i toni morbidi degli acquerelli di Vivès.
Voto: 4/5

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Gusto

    Gusto

    Lo ammetto! Il Gusto è uno dei miei sensi preferiti. Non a caso ho scritto spesso storie ambientate in osterie, oppure legate al cibo e ai suoi sapori. Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • Il rito

    rito

    Il film segue le vicende del seminarista Michael Kovak che dall’America è inviato a studiare esorcismo in Vaticano, nonostante i dubbi su questa pratica... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Il rito

    rito

    Il cinema fondato sul genere "esorcismo" difficilmente può trovare spunti di originalità e differenziazione forti rispetto al film per eccellenza di Friedkin,... Leggere il seguito

    Da  Sostiene Pereira...
    CINEMA, CULTURA
  • Il convivio

    convivio

    Frammenti della Tabula Cortonensis III Sec. a.C. L’attenzione generale dei media questa settimana oscillava pigramente tra la constatazione del placido... Leggere il seguito

    Da  Sogniebisogni
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • Il gioiellino

    gioiellino

    Andrea Molaioli giunge alla sua opera seconda, facendo nuovamente affidamento all'attore italiano di riferimento di questi ultimi anni, ovvero Toni Servillo, ch... Leggere il seguito

    Da  Sostiene Pereira...
    CINEMA, CULTURA
  • Il Domino

    Parlando della rivolta tunisina dello scorso gennaio e quella egiziana delle ultime settimane non è difficile spiegare l'effetto domino che ha colpito il mondo... Leggere il seguito

    Da  Johnsmemos
    CULTURA, TALENTI
  • Il Gioiellino

    Gioiellino

    Tecnicamente è ineccepibile. Mi sembra ben girato, una buona fotografia e delle discrete interpretazioni.Certo è che Molaioli sembra un Sorrentino minore. Leggere il seguito

    Da  Watanabe
    CULTURA

Magazine