Magazine Cultura

Il Jazz dal 1930 al 1940

Da Robertocassandro
Il Jazz dal 1930 al 1940Finiscono la depressione economica e il proibizionismo e la società americana inizia a cambiare, anche con la spinta delle nuove tecnologie.
La radio assume quel ruolo di diffusione, che era stato fino a poco prima esclusiva dei dischi e delle grandi orchestre.
Le emittenti trasmettevano dal vivo programmi come Let's Dance, famoso per aver fatto conoscere l'orchestra di Goodman, e davano la possibilità di arrivare, senza tourneè estenuanti, ai primi posti delle classifiche musicali.
Questo rese popolari i nomi di Benny Goodman, Artie Shaw, Duke Ellington,Count Basie, Ella Fitzgerald e Glenn Miller.
Il successo di questi programmi e delle orchestre che vi suonavano fu accompagnato dal diffondersi di nuovi balli, come lo swing che finì per dare al periodo il nome di "età dello swing".
Il Jazz dal 1930 al 1940Goodman, che assunse Fletcher Henderson come arrangiatore, fu il dominatore di gran parte del periodo, con un successo che culminò nel 1938 con un concerto nel tempio newyorkese della musica colta, la Carnegie Hall, concerto al quale Goodman fece partecipare come ospiti solisti provenienti da tutte le maggiori orchestre del momento.
Musicalmente, la maggior parte delle orchestre jazz fondeva lo stile di Chicago con l'organico delle orchestre da ballo, anche se le formazioni più innovative, come quelle di Ellington e di Basie, contribuirono in modo sostanziale alla definizione di uno stile e di un repertorio originale.
New York diviene il centro nevralgico della nuovo musica.
Il Jazz dal 1930 al 1940L'ambiente era favorevole,la città aveva una attivissima vita notturna (spesso dominata dalla malavita), una fiorente industria discografica e dello spettacolo, un grande bacino potenziale, la comunità nera di Harlem.
Tutto questo l'aveva trasformata in un vero e proprio laboratorio dove mentre imperava lo swing, il jazz continuava a crescere e ad evolversi.
Nel 1935 i primi disordini razziali, come la rivolta di Harlem,avevano fatto chiudere i locali per bianchi nei quartieri neri,tra cui il famoso Cotton Club.
La zona di Broadway diventa il centro artistico che è ancora oggi,nascono decine di locali che hanno piccole formazioni jazz come attrazione principale: le stelle diventano Billie Holiday, Art Tatum, Fats Waller, Coleman Hawkins, Lester Young.
E' in questi ambienti che i neri andranno a riprendersi con il be bop la loro musica, è qui che il jazz perderà dopo la guerra il suo aspetto più commerciale, diventando quella musica colta ed impegnata, che siamo abituati ad ascoltare.
Il Jazz dal 1930 al 1940Lo stile che nasce in questi locali è rilassato e notturno, famoso il brano Body and Soul Data di Coleman Hawkins, uno dei primi artisti a rendere il sax tenore la voce dominante del jazz.
Anche Hollywood si accorge della nuova musica,inizia a produrre film che la vedono protagonista, la fa vedere ed ascoltare, chiama alcuni dei musicisti più in vista del momento a prendervi parte, anche se spesso solo come comparse.
Uno stile jazzistico più rivolto al blues e con caratteristiche meno urbane di quello newyorkese veniva in quegli anni praticato dalle orchestre di Kansas City, luogo di fondazione dell'orchestra di Count Basie.
La segregazione razziale, che era stato fino ad allora la regola nelle orchestre di jazz così come nei locali, inizia in quegli anni a perdere parte della sua compattezza.
Le orchestre iniziano ad avere musicisti sia bianchi che neri e direttori bianchi come Benny Goodman e Artie Shaw portano in tourneè artisti afroamericani come Roy Eldridge e Billie Holiday.
Il Jazz dal 1930 al 1940Il grande successo dello swing vede come si è visto l'ingresso dei bianchi nel jazz, che ne stravolgono la natura e lo trasformano in musica da ballo.
Le grandi case discografiche investono nei nuovi nomi, lo swing piace ai bianchi che comprano i dischi e vanno nei grandi locali a spendere e a ballare.
I neri da inventori della nuova musica ne diventano i comprimari e anche i grandi nomi come Duke Ellington, uno dei grandi compositori del novecento,devono accettare la discriminazione razziale che li vede esibirsi senza però sostare nel locale.
Il nero doveva attendere nel camerino, uscire solo per lo spettacolo e poi andare subito via.
Il nero doveva essere simpatico ma non impegnativo, grande successo aveva la jungle, i brani tipo africa nera, che piacevano ai bianchi perchè li vedevano giusti per il nero che li suonava.
Tutto questo era la realtà, ma non si può per questo non considerare questa decade come una delle più belle della musica moderna, i brani che venivano suonati dalle grandi orchestre sono oggi dei classici intramontabili della storia della musica.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Jazz

    Jazz

    Il jazz è caratterizzato dalla preminenza dell'interprete sul compositore e da un forte ricorso all'improvvisa- zione e dall'uso delle blue note.Nasce come... Leggere il seguito

    Da  Robertocassandro
    CULTURA, JAZZ / BLUES, MUSICA
  • Vicenza Jazz 2010

    Vicenza Jazz 2010

    15° Edizione7-15 maggio 2010"Allonsanfàn: il jazz di là dalle Alpi"New Conversations – Vicenza Jazz 2010 si terrà dal 7 al 15 maggio, con un prologo il 6 maggio... Leggere il seguito

    Da  Rebiolca
    CULTURA, JAZZ / BLUES, MUSICA
  • A 93 anni Morta Lena Horne, sex symbol del jazz

    anni Morta Lena Horne, symbol jazz

    Bellissima, sofisticata, chiamata «la tigre» per il suo fascino aggressivo: una vera pin up della sua epoca. La cantante, ballerina e attrice Lena Horne s’è... Leggere il seguito

    Da  Sophielamour
    CULTURA, JAZZ / BLUES, MUSICA
  • Chick Corea e Stefano Bollani - Verona Jazz Festival 01/07/2010

    Chick Corea Stefano Bollani Verona Jazz Festival 01/07/2010

    Il concerto mi ha sorpreso. Non mi aspettavo una performance di questo livello.Corea ha avuto modo di dire di Bollani “amazing genius” ma lui non è stato da... Leggere il seguito

    Da  31canzoni
    CONCERTI E FESTIVAL, CULTURA, JAZZ / BLUES, MUSICA
  • Bergamo Jazz Festival 2010

    Bergamo Jazz Festival 2010

    Bergamo è un ottimo posto dove organizzare un festival jazz! Questo grazie a uno degli aeropori milanesi, usato soprattutto dalle linee low cost, che la... Leggere il seguito

    Da  Rebiolca
    JAZZ / BLUES, MUSICA
  • I migliori CD Jazz del 2009

    migliori Jazz 2009

    Come ogni anno ecco la mia lista con il meglio del jazz 2009. Ribadisco ancora una volta che la classifica è meramente indicativa e va considerata come una sort... Leggere il seguito

    Da  Rebiolca
    JAZZ / BLUES, MUSICA
  • Le serate di Jazz...

    Continua nella sede di Caffè Letterario la rassegna musicale "Jazz al Sax".Continuano quindi per tutti gli appassionati, le serate fra note jazz, blues, e... Leggere il seguito

    Da  Caffeletterariolugo
    CULTURA, EVENTI, MUSICA