Magazine Diario personale

Il Karate psicologico

Da Gianluca Dotti @Gianluca_Dotti

rissa-tra-due-famiglie-in-via-pianca-in-mattinata-11425Non conosco le arti marziali sufficientemente bene per poterne parlare, ma stamattina mi è ritornata in mente una metafora che mi hanno raccontato qualche tempo fa.

Partiamo dai contrasti tra persone. Chi di noi non ne ha in continuazione? Famiglia, amici, colleghi, perfetti sconosciuti… Perfino la signora in fila prima (o dopo?) di noi per prendere il prosciutto al banco. Se i contrasti sono inevitabili, allora bisogna saperli gestire.

In generale, o accettiamo il contrasto e combattiamo, oppure rifiutiamo il contrasto e tentiamo di “accompagnare” l’appianamento della controversia.

Credo si chiami tecnica Karate, anche se Google non mi ha supportato nella ricerca, oppure tecnica del non-contrasto. Se a un pugno rispondiamo con un pugno, il risultato non può essere altro che qualcuno di faccia male. Se invece incassiamo il pugno con la mano aperta, accompagnando il colpo fuori bersaglio, nessuno dei due si farà male.

Certo, se qualcuno vuole fare a botte non è così semplice comportarsi così, ma per fortuna siamo una specie abbastanza evoluta da risolvere la maggior parte dei contrasti a parole. Poi, talvolta, i conflitti sono inevitabili e magari anche giusti, ma statisticamente quanti diverbi nascono semplicemente perché nessuno dei due fa Karate?

E comunque, signora, in fila per il prosciutto c’ero prima io. Se proprio vuole andare prima di me, mi può prendere un etto di crudo che intanto vado a cercare le uova?

La cosa funziona anche per conflitti più “seri”, spesso basta chiedersi che cosa si vuole ottenere e quale sia l’obiettivo della controparte.

Crediti immagine: http://www.picstopin.com

0.000000 0.000000

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Rottweiler

    Rottweiler

    Questo cane viene descritto come equilibrato, protettivo e determinato, ma anche tranquillo, obbediente, addestrabile, coraggioso, indipendente e fedele al... Leggere il seguito

    Da  Ironmauro
    DIARIO PERSONALE, I NOSTRI AMICI ANIMALI, TALENTI
  • Il Disertore

    In piena facoltà egregio onnipotente le scrivo la presente che spero leggeràLa situazione qui è molto terra terra E ormai più non si afferra Il senso de la vieE... Leggere il seguito

    Da  Atride
    DIARIO PERSONALE, SATIRA, TALENTI
  • il monumento

    monumento

    Tu che ti sei alzata con il piede sbagliato, sì perché pure a noi madri succede, e hai sorriso e detto "buon giorno" a tuo figlio o tua figlia, ti meriti un... Leggere il seguito

    Da  Francesca_82
    DIARIO PERSONALE, MATERNITÀ, PER LEI
  • Il Clown

    Clown

    Lì in montagna ci andavo tutte le estati costretta dagli esami di riparazione e da mio padre, che non vedevo quasi mai. Mi annoiavo nonostante le passeggiate, ... Leggere il seguito

    Da  Bibolotty
    DIARIO PERSONALE, SOCIETÀ, TALENTI
  • Il carcerato

    Salve a tutti!Avete trascorso, o meglio state trascorrendo, una buona domenica?Lo spero davvero!Per tentare di rendervela ancora più piacevole vi propongo un... Leggere il seguito

    Da  Paperottolo37
    RACCONTI, TALENTI
  • Il filo

    Il compianto Cardinale Martini scrisse un “Dialogo di un fedele con il suo televisore” in cui, pur raccomandando di usare il discernimento per distinguere il... Leggere il seguito

    Da  Pecchio
    DIARIO PERSONALE
  • Il notaio

    notaio

    A Tallin, nel'700, viveva il notaio Turder. Uomo molto rispettato e ligio, che godeva dell'amicizia di alte cariche. Una sera ricevette una missiva anonima. Leggere il seguito

    Da  Johnsmemos
    CULTURA, TALENTI