Magazine Cultura

“Il killer delle fiabe”, thriller di Roberto Re: le spiegazioni recondite racchiuse nelle fiabe

Creato il 18 gennaio 2014 da Alessiamocci

“La telefonata arrivò al Commissariato di Polizia di Torino poco dopo le sette e trenta di un freddo lunedì di metà gennaio. «C’è un cadavere in un rustico abbandonato, a Corio», disse alla cornetta una voce mascherata”. (Roberto Re – “Il killer delle fiabe”)

“Il killer delle fiabe”, thriller di Roberto Re: le spiegazioni recondite racchiuse nelle fiabeHo letto “Il killer delle fiabe” di Roberto Re, il primo romanzo della serie che tratta delle indagini dell’ispettore Luca Morelli. Il primo perché l’autore ha promesso che le avventure di questo ispettore di polizia, dalla vita sregolata e con alle spalle una famiglia devastata da tragedie, avrà un seguito.

L’opera dello scrittore di origini torinesi, nato nel 1976, è edita da Gds nel dicembre 2013. La vicenda si svolge a Torino, dove in un piccolo paese limitrofo viene ritrovato il cadavere di un uomo, all’interno di un rustico abbandonato, completamente divorato dai morsi di un animale.

E lì accanto, un libro di fiabe: una vecchia edizione di Cappuccetto Rosso. È la firma dell’assassino, che nel giro di pochi giorni infierirà nella provincia di Torino con altri tre omicidi e altrettanti libri di favole a siglare il misfatto. L’ispettore Morelli e la sua collega Morena Camogli, un tempo legati da una relazione sentimentale ormai terminata, brancolano nel buio.

Coadiuvato da un team di professionisti, Morelli cercherà in tutti i modi di venire a capo dell’enigma, anche se questo lo porterà indietro nel tempo. Al passato tormentato della sua famiglia che sembra non trovare pace. Premetto che sono da sempre un’appassionata di thriller, compresi quelli macabri dove ci si ritrova direttamente in sala autopsie con Kay Scarpetta e Temperance Brennan, rispettivamente le anatomopatologhe protagoniste della serie di romanzi di Patricia Cornwell e Kathy Reichs.

All’autore riconosco una fantasia molto fervida, che lo ha portato a tessere una trama articolata e ricca di colpi di scena. Ho apprezzato molto il fatto che egli abbia dato vita, nell’italianissima Torino, ad un thriller in stile americano, in cui si parla di serial killer e di delitti efferati degni della serie televisiva Csi. L’opera rievoca l’atmosfera truce che si respira nelle storie di Jo Nesbo, o ancor più di Cody McFadyen. I protagonisti non sono eroi, e non sono perfetti.

“Il killer delle fiabe”, thriller di Roberto Re: le spiegazioni recondite racchiuse nelle fiabeSono descritti con le loro debolezze, le loro paure e i loro vizi, tipici dell’essere umano. La parte che ho apprezzato di più riguarda i risvolti psicologici della vicenda, con le sue nozioni propedeutiche, perché mi pare la meglio articolata. Di come le favole siano diventate oggetto di studio della psicologa Marini, che aiuta Morelli nelle indagini, per riuscire a creare un contatto col serial killer, ed analizzare la sua mente. Interessante tutta la spiegazione dei significati reconditi racchiusi nelle fiabe che, se interpretate nel loro contesto letterale, non sempre portano al bene o danno un messaggio positivo.

Ritengo che se una critica venga fatta con coscienza, essa possa risultare costruttiva. Ecco quindi che faccio la mia osservazione. La descrizione delle scene è molto dettagliata, puntigliosa nei minimi particolari. Spero non me ne vorrà l’autore se dico che poco lascia all’immaginazione. Tutto viene scandito, ribadito e qualche volta può essere recepito come ridondante. In alcuni casi la prosa anticipa situazioni che invece sarebbe bello scoprire da sé, a poco a poco.

È soltanto un mio modesto parere, ma forse bisognerebbe lasciare maggior spazio al “non detto”, lasciarsi circondare da quell’alone di mistero che ha reso grandi Harry Hole di Jo Nesbo e Harry Bosch di Michael Connelly. Poliziotti geniali e dannati, personaggi che rimarranno a lungo nella nostra memoria.

 

Written by Cristina Biolcati

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • You' re next

    You' next

    Regia: Adam WingardInterpreti: Sharni Vinson, A.J.Bowen, Joe Swanberg, Ti West, Barbara Crampton.Trama: una famiglia si riunisce nella isolata villa di... Leggere il seguito

    Da  Beatrixkiddo
    CINEMA, CULTURA
  • Premio Roberto Coroneo

    Premio Roberto Coroneo

    . Il 6 novembre 2013 presso la fattoria di Sa Illetta, sala Sabater, alle ore 17,15 si terrà la cerimonia per l’assegnazione del premio Roberto Coroneo per la... Leggere il seguito

    Da  Pierluigimontalbano
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • Grazie, Roberto!

    Grazie, Roberto!

    Ci sono storie delle quali godi come una bella canzone. Ne assapori le parole, ti lasci trascinare dal ritmo e dalla melodia e, mentre gli occhi avidi scorrono... Leggere il seguito

    Da  Dida
    CULTURA, OPINIONI
  • Le vasche del Re

    vasche

    19 novembre 2013 di Redazione di Antonietta Trono “E io corro verso la mia foce, verso il mio mare come il sogno verso la sua stella”. Leggere il seguito

    Da  Cultura Salentina
    CULTURA
  • Roberto Vecchioni scrive alla Sardegna

    Roberto Vecchioni scrive alla Sardegna

    “Il mio cuore è ferito. Negli occhi mi trascorrono prati, monti, volti, alcuni dei quali non vedrò mai più. Ho pianto, sinceramente pianto, come un... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • La pedina del re...

    pedina re...

    La pedina da gioco ritrovata nel villaggio di Lyminge, nel Kent(Foto: Design and Print Studio/University of Reading)Un oggetto molto prezioso, all'epoca, che... Leggere il seguito

    Da  Kimayra
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • Roberto Bonfanti

    Roberto Bonfanti

    BiografiaSono nato nel secolo scorso. Anzi, nel millennio scorso. Sarà per questo che non mi sento più tanto giovane? Di mestiere faccio il tecnico audio nel... Leggere il seguito

    Da  Andrea Leonelli
    CULTURA, LIBRI