Magazine Società

Il Legionario

Da Rexvonkostia @RexVonKostia

Il Legionario
Sapeva di essersi definitivamente perso, ma nonostante questo cercava tra le rocce, nel disegno degli alberi e nelle radure, un tronco secco,  una pietra oppure un qualsiasi riferimento che lo aiutasse a ritrovare la via.
Si muoveva prudente tra i sentieri appena abbozzati, tra la folta vegetazione, nel brusio degli insetti e nei fischi lontani dei rapaci. La strada era infida e sconosciuta, camminando con pazienza e cautela.
Ancora non disperava, perchè il tramonto era lontano, ma ogni qualvolta abbassava lo sguardo per vedere dove posava i piedi, notava che i sassi ed i detriti sul sentiero, sembravano disegnare una freccia che gli indicava la direzione. Era questione di un’attimo giusto nel momento in cui calava lo sguardo. Poi la forma svaniva, ne perdeva i contorni e non era più in grado di definirla. Certo era che, in quel dedalo boscoso di stretti camminamenti, egli stava seguendo una direzione precisa. Lo aveva capito perchè, in quelle due ore di cammino il paesaggio era mutato: gli alberi si erano fatti più anziani ed il sottobosco più fitto. Era chiaro che da molto tempo, in quel posto nessuno era venuto a far legna.
Aveva dovuto lasciare lo scudo, che si era fatto peso ed ingombrante, tenendosi ben stretto il gladio perchè ben sapeva che la sua uniforme non era ben vista dalle genti del posto. Ma dopo ore ed ore di cammino, ancora non aveva incontrato nessuno.
Dov'erano ora i suoi commilitoni, la legione diretta verso i passi del nord per ricacciare i nomadi barbari che infestavano la pianura? Nemmeno si ricordava in che frangente li aveva persi di vista, teso com'era nel seguire il sentiero misterioso che le pietre sembravano indicargli.
Ed ad un tratto il bosco si aprì su in ampia radura erbosa baciata da un sole insolitamente caldo, la stanchezza si fece sentire e, nel folto dell'erba si perse l'indicazione del suo destino. Non poteva esserne certo, ma qualcosa gli diceva d'essere giunto alla meta del suo cammino.
Si sedette su di una roccia, per cercar riposo, mentre s'immergeva quel remoto luogo di pace, gli giunsero i guaiti dei lupi nel bosco.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il lavoro

    Se Monti, e il neo ministro Passera hanno una sfida da raccogliere e vincere, è proprio quella del lavoro. Il lavoro che si perde, che viene portato all'estero... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il "brigatista"

    "brigatista"

    Spesso sentiamo parlare di brigate di lavoro a Cuba,ognuno la puo' pensare come vuole ma ritengo che chi decide di dedicare parte del proprio tempo e dei... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • il paraocchi

    Ero in macchina, al posto di guida, ed ero in uno di quei momenti in cui tra te e il mezzo che stai conducendo non c’è separazione, l’auto è il prolungamento de... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • Il tempo

    Sulla mia ferma intenzione di non pensare più al tempo che mi manca (cosa un pò comune a tutti nella vita di oggi) quanto al tempo che mi rimane e metterlo a... Leggere il seguito

    Da  Farfalla [email protected]
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI
  • Il tabù

    Se l'articolo 18 è un tabù da abbattere, o un lusso che non ci possiamo più permettere per le sfide imprenditoriali nel mondo, la violenza e le minacce sul... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il coraggio

    coraggio

    Il coraggio Nel 2006 un giornalista della Stampa di Torino, aprì in internet un sito titolato “Torinolimpiade2006” e mi chiese di tenere una pagina di questo... Leggere il seguito

    Da  Fernando
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il Negativo

    Negativo

    Nell'affrontare tematiche spinose e delicate come la vera utilità del Collegio d'Europa, c'è sempre, a riequilibrare il dibattito verso il basso, la figura del... Leggere il seguito

    Da  Fra
    CULTURA, ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ