Magazine Opinioni

Il letargo.

Creato il 20 gennaio 2011 da Danilo Baccarani @dumbbac
La giustizia come mezzo la libertà come fine.
Non è una ossessione. E non è odio.
È vergogna e senso di impotenza.
Non è invidia e non è alterigia.
Parlare di quanto accade in questo paese strano, avido, incapace di reagire al knockout inflitto da una classe politica così volgare nei modi, nei toni, nei temi, è impresa ardua.
Arduo perché a furia di parlare di escort, prostitute, veline, si sono perse di vista le problematiche legate al lavoro, alla scuola, alla famiglia, all'immigrazione, alla povertà, alla sanità, alla cultura, all'educazione civica.
Arduo perché l'anomalia è tutta italiana.
Per molti quanto sta accadendo in questi giorni è l'ennesima prova di un imbarbarimento e di una immoralità che ha oltrepassato ogni limite e ogni decenza.
Per altri è una cospirazione politica, un attacco (l'ennesimo) a colui il quale è stato legittimato dagli elettori a governare e pertanto tutte le indagini e i processi (molti caduti in prescrizione) sarebbero frutto della volontà di colpire l'uomo che più di tutti, nel bene e nel male, ha rappresentato il punto di rottura con la prima repubblica: Silvio Berlusconi.
Non serve che io, modesto blogger, vi racconti gli aneddoti che ognuno di noi può facilmente reperire su quotidiani, tv, internet e quant'altro.
Mi basta, molto modestamente, dire la mia.
Dire cosa penso.
Le accuse che cadono sulla testa di B. sono della peggior specie e non voglio entrare nel merito dell'indagine ma questo continuo stillicidio della peggior specie contribuisce al disagio che provo nel sapere che quest'uomo e la sua pletora di soldatini, yesman e signorine buonasera, rappresenta l'Italia nel mondo e governa (?) il nostro paese.
Oh, intendiamoci, ha vinto le elezioni democraticamente e nessuno lo mette in dubbio, ma in quale paese democratico a fronte di queste indagini, di questi sospetti il primo ministro in carica non si sarebbe dimesso o quantomeno sospeso, per provare la sua innocenza, la sua estraneità ai fatti?
Perché Berlusconi continua a sottrarsi al contraddittorio con l'opposizione e perché continua ad affidarsi a videomessaggi dal sapore sudamericano con tanto di strali polemici, minacce e invettive?
Perché Berlusconi continua a telefonare tranquillamente a trasmissioni televisive e telegiornali invadendo l'etere con la sua presenza senza che chi lo ospita gli possa fare anche una sola domanda?
Sono ovviamente domande retoriche e non mi scandalizzo e so che le risposte sono tutte talmente tanto ovvie da apparire fuori luogo.
Mi spaventa il contorno.
Mi spaventa che nessuno apra gli occhi.
Mi spaventa che tutto il caravanserraglio che si porta dietro, reciti a soggetto secondo il volere del Capo.
Ci si può nascondere dietro un deciso no comment piuttosto che dire: "Per perseguitare Berlusconi vengono spesi soldi dei contribuenti che potrebbero essere usati per trovare Yara."
Che si badi, non è una gaffe. È una stupidaggine.
Delegittimare i magistrati parlando di giustizia ad orologeria, usando termini violenti come giusta punizione non può essere sempre e solo una battuta.
Mi spaventano la solitudine e la disperazione dell'uomo.
Un uomo braccato prima dalle sue ombre e poi dalla tragedia che si sta consumando davanti ai suoi occhi.
La disperazione può portare a straordinari colpi ad effetto, pericolosi, violenti, eversivi.
E mentre il cerchio inevitabilmente si stringe, i suoi giannizzeri si dichiarano fieri di essere rappresentati da un uomo di grande statura morale che strumentalizza i Dico, umilia donne e gay mentre festeggia fantomatici family day in pompa magna a fianco di preti e vescovi.
Un uomo divorziato, al centro di vicende così volgari e torbide, come può permettersi di fare la morale a chiunque altro?
Le barzellette da bar, la bestemmia, le corna, le gaffes sono solo una parte del personaggio: l'eterna presa in giro, la volgarità spicciola, la pochezza intellettuale, la boria.
Non potrà farsi scudo per sempre di tutto questo squallore.
Verrà un giorno diceva Manzoni...e anche se non so come e quando finirà questa vicenda penosa che ci trasciniamo anni, sogno, dopo un letargo lunghissimo, un risveglio bellissimo.
Saremo, inevitabilmente, cambiati.
In peggio.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Idee last minute per il 17 marzo

    Manca ormai pochissimo. Domani si celebrano i 150 anni dell’unità d’Italia e, ne siamo certi, molti non hanno ancora deciso come trascorrere questa importante... Leggere il seguito

    Da  Kult
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Il triskele, la nuova moneta siciliana

    triskele, nuova moneta siciliana

    Dopo la grande era dell’euro che tanto ha impoverito i siciliani e favorito un’inflazione galoppante ed una riduzionereale del potere d’acquisto dei... Leggere il seguito

    Da  Cirignotta
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Il ragiunat

    ragiunat

    Vorrei sapere chi ha sparso la voce, diventata poi leggenda, che Tremonti è un Siperministro che molti ci invidiano! Ma quando, ma dove ? Leggere il seguito

    Da  Cristiana2011
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Il flusso canalizzatore

    Da una nota d'agenzia: "Berlusconi si e' presentato a Montecitorio con un leggero gonfiore sulla testa. Se l'e' procurato, ha spiegato ad alcuni deputati, con... Leggere il seguito

    Da  Marioplanino
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Se il vento urla contro, io urlo contro il vento

    Mi sentirei di correggere solo una parola a questo splendido pezzo che descrive tutta la rabbia che ho dentro in questo momento, benchè io ami Roma, il mio... Leggere il seguito

    Da  Ilrusso
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Aspettando il 25 aprile

    Aspettando aprile

    Ci siamo, finalmente, domani è 25 aprile con buona pace di tutti i cialtroni fascisti, razzisti, negazionisti, classisti e scassacazzi che ogni giorno... Leggere il seguito

    Da  Ilrusso
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Il 2011 sarà un anno di merda

    2011 sarà anno merda

    Il sondaggio di fine anno di Repubblica.it, cui hanno partecipato 3203 votanti, ha incoronato Andrea Agnelli. Con 750 clic e il 23 per cento dei voti, l'ultimo... Leggere il seguito

    Da  Ilrusso
    OPINIONI, SOCIETÀ