Magazine Cultura

Il lettore compulsivo e la disposizione dei libri

Creato il 29 gennaio 2011 da Weirde

Il lettore compulsivo e la disposizione dei libri


Ho studiato biblioteconomia e archivistica all'università Ho lavorato per un anno in una biblioteca. Conosco benissimo la Classificazione Dewey, e conoscendola posso affermare che un vero lettore compulsivo non riuscirà mai ad applicarla nella propria libreria casalinga. Perché?

Semplice perché è impersonale, mentre per un lettore compulsivo i proprio libri sono una cosa molto personale.

Mi spiego meglio. La classificazione Dewey divide i libri in classi per argomento, ma visto che la libreria casalinga racchiude principalmente letteratura avremo quasi tutti i libri sotto la classe 800, e dovremo quindi passare a classificarli per sottoclassi geografiche: letteratura americana, inglese, scandinava, francese, tedesca, italiana ecc... E all'interno di queste sottoclassi ordinare poi i libri secondo l'ordine alfabetico dei nomi degli autori. A parte il lavoraccio immane, questo tipo di ordinamento ci permetterebbe di trovare facilmente i libri, e di tenere uniti e vicini
tutti i libri di uno stesso autore. Un altro tipo di ordinamento sarebbe poi l'ordine alfabetico applicato a titoli ed ad autori, ma tutti questi metodi hanno una grande pecca: sono troppo oggettivi ed impersonali. Mentre il lettore compulsivo vuole prima di tutto avere sottomano in posizioni comode e facilmente raggiungibili i libri che ama rileggere più spesso, o quelli ancora da leggere, o quelli che ama di più, insomma vuole un ordine più elastico. Naturalmente questo renderà più caotica poi la ricerca dei libri, ma è inutile giraci intorno, bisogna mettere i libri che ci piacciono meno nei luoghi più difficili da raggiungere e quelli più belli sugli scaffali più vicini e comodi.

Questo è ciò che il lettore compulsivo vuole e tende a fare.


A volte dopo aver passato ore a cercare un dato libro tenterà altri ordini, ma poi il caos soggettivo avrà sempre il sopravvento. Tanto vale accettarlo.

Il suo istinto e la sua memoria libraria lo guideranno comunque nelle ricerche future e si arrangerà in qualche modo.

 



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il raccoglitore di anime

    raccoglitore anime

    Editore: Narrativa NordData di pubblicazione: 2007Costo del libro: 18.60Autore: Alan CampbellMEKE:si tratta di un libro che per me è risultato ostico e noioso,... Leggere il seguito

    Da  Kikka
    CULTURA, LIBRI
  • Il lettore compulsivo e il Natale

    lettore compulsivo Natale

    Il lettore compulsivo che è in me è sempre in conflitto durante il Natale ed i saldi. E pure leggermente depresso. Intendiamoci, non ha nulla contro il Natale i... Leggere il seguito

    Da  Weirde
    CULTURA, LIBRI
  • Il club dei suicidi

    club suicidi

    Titolo: Il club dei suicidi Autore: Albert Borris Casa editrice: Giunti Uscita in Italia: 6 luglio 2011 Prezzo: € 14.50 Il club dei suicidi, uscito il 6... Leggere il seguito

    Da  Very76
    CULTURA, LIBRI
  • Il borsino della spesa

    borsino della spesa

    Finalmente ho comprato gli ultimi due libri ...Leggi ancora | Pubblicato da millecuori | Commenti Tag: il borsino della spesa ... Leggere il seguito

    Da  Aghi
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Il bullismo

    bullismo

    di Naomi Tipping La Nuova Frontiera – pag.16 -e.14,95 “Se sei ferito non nasconderlo”, “Parla con mamma e papà“, “Ricordati che sei speciale”: sono questi alcun... Leggere il seguito

    Da  Centostorie
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Il...Misundestanding!

    Il...Misundestanding!

    Aaarghhhh! Odio il misundestanding!Quell'escamotage, usato e strausato, nonché abusato dalle scrittrici nei romanzi rosa, quando non trovano ispirazione per... Leggere il seguito

    Da  Junerossblog
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Il noir si rifà il trucco

    noir rifà trucco

    Sabato scorso, in FM su PuntoRadio, si è parlato di trucco e di trucchi. Anche nel segno del noir e dei libri, ovviamente. Io l’ho fatto così. Etimologia Sono... Leggere il seguito

    Da  Paolo Franchini
    CULTURA, LIBRI

Magazines