Magazine Per Lei

Il libro di un esordiente: un vero salto nel buio

Creato il 12 gennaio 2012 da Simona Giorgino
Il libro di un esordiente: un vero salto nel buioE ok, qui ho parlato di come FB possa essere utile per la promozione del proprio libro. E utile può esserlo, effettivamente, se usato nel modo giusto. Usarlo nel modo giusto può essere, per esempio, starci attaccato 24h su 24, scrivere sempre nuovi post, condividere tanti link, in modo che la gente veda spesso i tuoi aggiornamenti. Di questo mi sto rendendo conto da quando mi ci sono iscritta: se non lo fai, sei perduto. Ma no, io di FB non so proprio che cosa farmene. Non è il mio mondo e non lo è mai stato. La promozione del libro dev'essere fuori di lì, e fuori di qui, fuori dal web (sebbene il web possa essere un grandissimo supporto), tramite presentazioni, interviste, recensioni, cose del genere! E io che credevo che scrivere un libro e portarlo a termine fosse la cosa più difficile e che dopo sarebbe stato tutto in discesa. No! Ora so che la cosa più difficile è promuoverlo. E' ora che inizia la salita. Siamo autori sconosciuti e, in teoria, nessuno potrebbe essere interessato a conoscerci. Perché dovrebbe farlo se può andare al centro commerciale e comprare per pochi euro il suo best seller preferito edito dalla Mondadori? Almeno lì va sul sicuro. Ma noi scrittori emergenti, allora? Che fine facciamo? Perché emergiamo? Faremmo meglio a starcene nelle nostre tane ed evitare un iter così duro? No. Un modo ci dev'essere per emergere, un pochino almeno! Un modo ci dev'essere per farci apprezzare da un numero non bassissimo di gente. Ci dev'essere la possibilità di essere letti da gente che non sia necessariamente imparentata con noi!Come al solito mi sto fasciando la testa ancor prima di rompermela, ma è inevitabile venire a conoscenza di questa cruda realtà quando si pubblica per la prima volta un libro. Non è facile diffondere la voce della pubblicazione, incuriosire il lettore (una bella copertina? un bel titolo? una sinossi completa ed attraente? bastano???), spingerlo a sborsare 15 euro o anche più (i libri degli esordienti solitamente non hanno un prezzo molto basso) per comprare un libro che è praticamente un mero salto nel buio, farsi conoscere, diventare "un nome".
Mi chiedo quanto basti il fatto che il libro sia veramente un buon libro. Perché se non si fa promozione, il libro non arriva lontano, e se non arriva lontano, non si saprà mai se sia un buon libro o meno. Dipende tutto da questo, quindi: da quanto si è bravi a farsi conoscere. Che tu dica d'aver scritto un buon libro non gliene po' fregar de meno a nessuno: devi dimostrarlo!
Il libro di un esordiente: un vero salto nel buio

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il mio letargo, il mio saluto

    E’ giunto il tempo del mio letargo: 3 settimane piene a far diventare il “dolce far niente” il mio passatempo quotidiano. E poco importa se saranno ferie... Leggere il seguito

    Da  Donnaperte
    PER LEI
  • IL MOSTRO E IL TROLLINO. Mai senza.

    MOSTRO TROLLINO. senza.

    Dai commenti al mio ultimo post ho notato con piacere che non sono l'unica e cioè che anche voi affogate la stronzissima Vogliadipancia nei calici pieni, nei... Leggere il seguito

    Da  Nina
    DIARIO PERSONALE, PER LEI
  • Il rientro.

    Definitivamente tornati. Di nuovo connessi e con dodicimila bagagli da riordinare. Sotto il diluvio, ieri, con le prime foglie gialle a terra, mentre solo il... Leggere il seguito

    Da  Wising
    MATERNITÀ, PER LEI
  • Il Casametro!

    Casametro!

    Dopo due anni di matrimonio mio marito comincia a conoscermi davvero bene! All'inizio sposati, quando mi vedeva affaccendata nelle pulizie domestiche mi chiedev... Leggere il seguito

    Da  Ilmondodipotolina
    MATERNITÀ, PER LEI
  • Il linguaggio dei fiori- Il Mughetto

    linguaggio fiori- Mughetto

    Ricordate lo splendido libro sul linguaggio dei fiori in prosa e in versi di Sheila Pickles? Oggi voglio svelarvi il significato di un fiore delicatissimo che... Leggere il seguito

    Da  Martinacipriaretro
    PER LEI, TALENTI
  • Il fuggitivo

    Di solito i rais tappano la bocca a chi non la pensa come loro, applicando la censura, poi la tortura, infine l'omicidio (da Matteotti in su, e in giù). Di... Leggere il seguito

    Da  Mirella
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI, SOCIETÀ
  • Il collegio.

    Stanotte si è svegliato all'1. Forse aveva solo voglia di chiacchierare, era impegnato in una conversazione fittissima credo con il paracolpi del lettino. Leggere il seguito

    Da  Wising
    MATERNITÀ, PER LEI