Magazine Cultura

“Il libro gatto” di Silvia Borando, minibombo

Da Federicapizzi @LibriMarmellata

librogattocopSe me lo chiedessero non avrei dubbi: classificherei – per quanto non ami la classificazioni – “Il libro gatto” di Silvia Borando, pubblicato da Minibombo, nella categoria dei libri-gioco.

Come? Un libro gioco senza nemmeno una finestrella, un’aletta, un meccanismo qualsivoglia, un gadget? Sì perché questo piccolo e delizioso albo, illustrato con essenzialità e realizzato con efficacia, permette di giocare con lo strumento più potente di tutti: la fantasia.

Un territorio non semplice, già calcato da maestri come Hervè Tullet – in particolare con il suo straordinario “Un libro” – e qui ribattuto, con una nota di originalità declinata nei termini della semplicità e di una punta di tenerezza, dalla giovanissima casa editrice emiliana, specializzata in pubblicazioni dedicate ai più piccini ed interessata a sviluppare il rapporo tra formato cartaceo e digitale (a tal proposito ad ogni libro si associa un’App scaricabile sul sito).

L’albo suggerisce un simpatico connubio tra divertimento e cura – come evidenzia anche la quarta di copertina: “Questo è il tuo libro gatto. Da coccolare, stringere, prendere in braccio” - quasi come se il libro fosse materia viva, come se ci aspettassimo che le buffe figure feline delle pagine si mettessero da un momento all’altro a fare le fusa o a miagolare impazienti e noi dovessimo correre, con la ciotola ben colma di croccantini.

Incredibile ma vero: è esattamente ciò che accade e basta iniziare la lettura per essere subito risucchiati dalle piccole attività di interazione che pagina dopo pagina vengono proposte, sentendosi davvero un po’ i padroncini di quell’ammasso fulvo di peli immaginari che ammicca sornione e pare rispondere alle nostre sollecitazioni.

E se in principio il gattone dorme e va risvegliato chiamandolo per nome a voce grossa (e bisognerà proprio trovargli un buon nome), girando il foglio lo troviamo ben desto e pronto a ricevere carezze e grattini.

librogatto 5
E l’igiene? Toccherà schiacciare pulci fastidiose e saltellanti e poi soffiarle via…
librogatto 7
Ma non basta, visto che siamo a tutti i diritti i sui affettuosi umani di riferimento, dovremo difenderlo dai pericoli, proteggerlo se viene a piovere, asciugarlo quando si bagna e perfino provvedere affinché non si renda responsabile di qualche cattiva azione, ingoiando, che so, un povero uccellino.

librogatto 12
Che fatica! Ma anche tanta soddisfazione quando al termine delle sue avventure, e dopo l’immancabile grattatina dietro le orecchie, il nostro nuovo amico si addormenterà sereno. Non pare anche a voi di sentirlo russare?

Un libro che – provare per credere – non mancherà di divertire moltissimo i piccoli lettori o ascoltatori, i quali si impegneranno proprio tanto per far felice il loro gatto, seguendo scrupolosamente tutte le istruzioni (in maniera ben diversa da quando diciamo loro di lavare le mani o di rassettare la stanza!).
Sarà piacevole per i genitori vederli ridere e sorridere, aprire la bocca stupiti e allegri, e pensare che tutto quel gioco e quello spasso proviene semplicemente  - vi pare poco? – dall’uso della fantasia.

Ma non provate a ingannarli: se vi chiedono un gatto in carne e pelo non funzionerà regalare il libro. Anzi, è probabile che sarà questo a suggerire un pizzico di desiderio di animaletto, tanto come accudirlo lo si è imparato già.

Ecco, in un certo senso l’albo ha anche il pregio di insegnare, o per lo meno indicare, l’idea di cura, di coccola, di attenzione, ma anche di calore, affetto, interazione – tutto ciò che si deve dare e si può ricevere da un animale di compagnia – lasciando il lettore divertito ma allo stesso tempo intenerito, rendendolo curioso ma allo stesso tempo amorevole.

librogatto 11
La grafica del libro è estremamente essenziale e funzionale all’intento: figure semplici e stilizzate su sfondo bianco, pochi colori e accesi, bordi spessi, particolari nulli o soltanto quelli necessari.
Pur così non perde di efficacia e le immagini risultano buffe, giocose, espressive quanto basta e ben capaci di catturare l’attenzione.
Anzi, disegni così puliti e chiari aiutano i bambini molto piccoli a recepirne il significato e permettono al libro di essere fruito anche dai più piccini, già intorno ai due anni di età, attraverso la mediazione di un adulto.

A “Il libro gatto” si accompagna anche  Il libro cane” con la stessa costruzione e gli stessi ottimi risultati.

(età consigliata: dai due anni)

Se il libro ti piace, compralo qui: Il libro gatto



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :