Magazine Attualità

Il licenziamento

Creato il 06 settembre 2011 da Faustodesiderio

Licenziare è più facile, ma l’unico licenziamento utile per il Paese è sempre rimandato. Il sì dei sindacati sarebbe scontato, anche se lo sciopero di oggi della Cgil è proprio “demenziale” come lo ha definito Bonanni (e non sarebbe male licenziare anche la Camusso). Il tempo politico di Silvio Berlusconi è ormai finito e il presidente del Consiglio sopravvive a se stesso. La Lega, che lo tiene in vita con respirazione artificiale da almeno un anno, gli ha dato di fatto il benservito per il 2013. I moderati hanno da tempo posto la loro condizione per un governo di responsabilità nazionale: via Berlusconi. Il Pd, sempre indeciso, sarebbe della partita (il famoso passo avanti di Bersani). Persino nel Pdl c’è una scuola di pensiero che vede nella sostituzione del premier la via di uscita dalla crisi. Perché allora non si licenzia chi, da parte sua, non avrebbe di certo problemi di disoccupazione? Perché il bipolarismo in versione berlusconiana non produce mobilità ma immobilismo.

E’ curioso, ma il bipolarismo fu pensato per inserire nella democrazia italiana, dopo la fine del “bipolarismo internazionale”, almeno tre cose semplici ed elementari: l’alternanza, la responsabilità, la partecipazione. Il bipolarismo della stagione berlusconiana invece è riuscito a capovolgere tutto: l’alternanza è un’altalena, la responsabilità è irresponsabilità e la partecipazione elettorale è un’illusione. I governi che nascono sono prigionieri di se stessi perché obbediscono alla stupida regola che morto un papa non se ne può fare un altro senza ritornare nuovamente alle urne.  La regola non scritta aveva come unico scopo quello di fare chiarezza e far giocare ognuno nel suo giusto ruolo: chi vince governa e chi perde va all’opposizione. Ma cosa accade se chi vince non governa? In casi del genere  – ed è il nostro caso -  il partito di maggioranza mostra di essere responsabile e cambia cavallo e in alcuni casi anche la squadra. In fondo, la democrazia parlamentare, a saperla far funzionare, ha delle buone regole, come dimostra la tradizione inglese, e comunque pensare che da qualche parte, in cielo e in terra, ci sia un sistema istituzionale perfetto non solo è un’illusione ma, se ci fosse, sarebbe un rimedio peggiore del male. Riassunto: il Pdl avrebbe dovuto da tempo sostituire il governo Berlusconi con un nuovo esecutivo. Il Pdl, invece, si muove nella logica padronale del suo leader.

E’ questo oggi il paradosso della democrazia italiana. Sappiamo la malattia di cui soffre e sappiamo anche quale medicina dobbiamo somministrarle, ma piuttosto che intervenire si preferisce l’agonia. In passato la sostituzione di un governo, anche di un buon governo, era la cosa più facile da fare. Oggi, anche la sostituzione di un pessimo governo quale si è rivelato quasi subito il governo Berlusconi, è la cosa più difficile.  Le tre regole del bipolarismo  – alternanza, responsabilità, partecipazione -  sono negate nei fatti e proclamate nei principi. Sono un alibi, nulla più. Il Pdl vuole riformare se stesso, ma l’unica riforma utile per sé e per il Paese non la mette in pratica. Forse, non si può neanche chiedere al Pdl ciò che il Pdl non può dare. In fondo, che cos’è realmente il partito di Berlusconi se non una emanazione o superfetazione di Berlusconi? Il Pdl sa che senza Berlusconi non sarebbe al mondo e così, come Atlante sostiene sulle spalle il mondo, il Pdl sostiene sulle sue spalle il suo mondo berlusconiano. Ma è un sostegno ormai insostenibile. E’ un mondo che sta finendo e il Pdl sta perdendo la possibilità di far funzionare le istituzioni parlamentari.  

tratto da Liberal del 6 settembre 2011



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il linciaggio della verità

    Ermeneutica del linguaggio democratico “Il capitalismo in putrefazione ha bisogno per reggersi di mentire continuamente. La realtà lo accusa: dunque deve... Leggere il seguito

    Da  Conflittiestrategie
    ATTUALITÀ, OPINIONI, POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Il dio di Totò

    Fino a ieri non mi ero mai posto un problema di tal fatta: Totò credeva in Dio? La carica di umanità della maschera di Totò è così eccessiva che la questione... Leggere il seguito

    Da  Faustodesiderio
    ATTUALITÀ, OPINIONI, POLITICA, SOCIETÀ
  • Il bosone e il Padreterno

    Questo articolo è scritto da padreterno. Non nel senso che è un capolavoro, bensì nel senso ancora più presuntuoso di essere il tentativo, assurdo e ridicolo, d... Leggere il seguito

    Da  Faustodesiderio
    ATTUALITÀ, OPINIONI, POLITICA, SOCIETÀ
  • Il testamento di Berlusconi

    testamento Berlusconi

    Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    ATTUALITÀ, ITALIANI NEL MONDO, OPINIONI, POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il vero museo napoletano

    Il sindaco di Napoli si trova a “scassare” e vuole “scassare” tutto. Ha rilasciato un’intervista al Corriere del Mezzogiorno in cui ha detto che dell’arte... Leggere il seguito

    Da  Faustodesiderio
    ATTUALITÀ, OPINIONI, POLITICA, SOCIETÀ
  • Il coraggio di decidere

    ‘‘ Finché uno non si compromette, c’è esitazione, possibilità di tornare indietro e sempre inefficacia. Rispetto a ogni atto di iniziativa (e creazione) c’è sol... Leggere il seguito

    Da  Pandm
    ATTUALITÀ, MARKETING E PUBBLICITÀ, OPINIONI, SOCIETÀ
  • Il portiere e l'onesto

    portiere l'onesto

    Attenzione attenzione: mi accingo a scrivere il mio primo post riguardante lo sport, e non solo: il calcio in particolare!Il calcio mi annoia, il calcio... Leggere il seguito

    Da  Vpostulato
    ATTUALITÀ, POLITICA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog