Magazine Cultura

Il lupo e le prigioni della steppa (parte prima)

Creato il 03 febbraio 2013 da Candida
Il lupo e le prigioni della steppa (parte prima)Dalla mia introduzione al libro di Limonov Nella cittadina di Saint-Claude, dalla massiccia villa di via Parc Montretout 8 si domina ancora tutta Parigi, proprio come dalle Colline dei Passeri Napoleone aveva con un colpo d'occhio supervisionato il Cremlino. In quel sobborgo parigino, nei primi anni Novanta, Eduard Limonov fece assaporare l'affabile ospitalità di Jean-Marie Le Pen al suo temporaneo alleato Vladimir Žirinovskij, che in Russia aveva da poco fondato un partito populista e sciovinista. Recentemente interrogato da Axel Gyldén su quella bella riunione di "bad boys", Eduard Limonov non è per nulla imbarazzato, come non si preoccupa di rispondere nella sostanza ai legittimi dubbi del giornalista di "L'Express" riguardo all'opportunità di accompagnarsi a quegli allegri fautori dell'antisemitismo o all'incongrua mescolanza di bolscevismo e nazismo nel nome e nei simboli del partito nazionalbolscevico da lui fondato (e da Putin messo fuorilegge nel 2007). O meglio, la sua risposta è di tutt'altra sostanza, si muove tutt'altro piano, evitando in modo programmatico le questioni "noiose" del politicamente corretto, quei trascurabili dettagli che possono appassionare solo uomini e donne che hanno costruito la propria appartenenza nazionale e la propria coscienza civica sulla memoria e la responsabilità storica. La Russia, invece, dice Limonov, è una pagina bianca, la vita politica è inesistente e lui ha scelto la via della creatività e dell'audacia che osa nuove esperienze e batte strade inedite. Non ha alcuna difficoltà il Limonov del 2012 ad ammettere di aver combinato insieme un miscuglio di idee di estrema sinistra e di estrema destra. E così implicitamente riconosce che il radicalismo estremistico che ha accompagnato tutta la sua carriera di scrittore e uomo politico è in realtà costruito ed è frutto di una scelta creativa. Ciò che ha fatto del suo scandaloso personaggio un sonoro "schiaffo al gusto pubblico" è un estremismo artistico e culturale, così lo definisce apertamente Eduard Veniaminovič. Un paso doble con giravolta, e olà!, ecco la blusa gialla di Majakovskij (che in suo romanzo Limonov rivisita sotto le forme canarine di una camicia Italian style): il gesto dell'artista disperatamente desideroso di incarnarsi nell'esistenza. Il personaggio di carta esce fuori dalle righe e passeggia per le strade patinate di Manhattan e Parigi o per i monumentali viali sovieticheggianti della Transdnistria, ma per essere più vero, per redimere la maledizione della carta, discende negli inferi della vita, si mischia con il fango, si sporca con il sangue e con tutti i possibili fluidi corporei."È esattamente questa la vita che ho sempre voluto: caleidoscopica, arrischiata, sfavillante. Adesso la prigione e lo statusdi criminale, la dignità di criminale di Stato mi hanno colato nel bronzo, reso un monumento. Chi oserà più mettere in dubbio la mia sincerità e tragicità?" (Il libro dell'acqua).

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • BOSNIA: Chiude il Museo Nazionale. Il “culturicidio” di Sarajevo

    BOSNIA: Chiude Museo Nazionale. “culturicidio” Sarajevo

    Posted 5 ottobre 2012 in Bosnia Erzegovina, Slider with 0 Comments di Alfredo Sasso Negli ultimi giorni, Sarajevo ha mostrato orgogliosamente al mondo il volto... Leggere il seguito

    Da  Eastjournal
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • CROAZIA: Il crepuscolo degli eroi

    CROAZIA: crepuscolo degli eroi

    Posted 18 novembre 2012 in Croazia, Unione Europea with 0 Comments di Davide Denti Twilight of the Heroes, il crepuscolo degli eroi. Leggere il seguito

    Da  Eastjournal
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Valérie Boyer e il genocidio armeno

    Valérie Boyer genocidio armeno

    Valérie Boyer è la parlamentare armena che nel 2011 propose una legge per perseguire la “negazione” del genocidio armeno, poi giudicata incostituzionale dal... Leggere il seguito

    Da  Istanbulavrupa
    ATTUALITÀ, POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il vertice dei non allineati

    vertice allineati

    :::: Mahdi Darius Nazemroaya :::: 28 agosto, 2012 :::: Mahdi Darius Nazemroaya, Global Research, 26 agosto 2012 Il prossimo vertice del Movimento dei Non... Leggere il seguito

    Da  Eurasia
    CULTURA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • E’ morto il re padre

    morto padre

    Ieri mattina Phnom Penh, capitale della Cambogia, era diversa dal solito. Poca gente per le strade, stranamente tranquille e prive del caos di ragazzi,... Leggere il seguito

    Da  Vietnamreport
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Iran: chi è il Presidente Rohani?

    Iran: Presidente Rohani?

    L’Occidente si lascia facilmente ingannare ripetutamente dai capi religiosi dell’Iran fascista! Esperti nell’arte dell’inganno, hanno sfidato l’opinione mondial... Leggere il seguito

    Da  Valecarmen
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ, TALENTI
  • Il “film geopolitico” della crisi

    “film geopolitico” della crisi

    :::: Fabio Falchi :::: 4 giugno, 2013 :::: A differenza di molti commentatori, interessati in particolar modo ad evidenziare gli squilibri del sistema... Leggere il seguito

    Da  Eurasia
    CULTURA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ