Magazine Cultura

Il mio ricordo di Mario Medas

Creato il 26 gennaio 2013 da Musicamore @AAtzori

Il mio ricordo di Mario MedasNon scriverò una biografia, non voglio limitarmi ad un copia e incolla, ma voglio ricordarmi di lui così come quel giorno, a casa sua.

Ero lì, con suo figlio Gianluca, amico fraterno e compagno di studi musicali al conservatorio, che studiavamo la tecnica vocale e alcuni brano d’opera.

Entrò e salutandomi mi disse: “posso farti sentire una romanza?” Certo” – gli risposi- Non sapevo che anche Mario, papà di Gianluca, avesse delle doti non solo d’attore ma anche di cantante.

Il mio ricordo di Mario Medas
Mi cantò la romanza pucciniana “Nessun dorma”  con ua bella voce spiegata e con la passione e l’interpretazione di un grande attore. Mi commossi, gli feci i miei complimenti e fra me e me pensai che a volte i talenti, e in questo caso anche vocali, passano inosservati nel tempo se, nel loro cammino non incontrano la persona giusta. Lui aveva altre doti che ha saputo valorizzare insieme a tutta la famiglia, ma gli era rimasta dentro quella grande passione del canto e forse quel giorno, si era tolto una piccola soddisfazione.

A Gianluca e a tutta la famiglia Medas vada il mio cordoglio e una preghiera.

guardate sotto questa bella intervista

http://www.levocidellamemoria.it/index.php?i=7


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :