Magazine Attualità

Il modello veneto nell’acqua alta

Creato il 30 settembre 2010 da Silvanascricci @silvanascricci

Il modello veneto nell’acqua alta

Il tanto decantato modello di sanità veneta che prevede la commistione tra pubblico e privato sta affogando senza neppure bisogno dell’acqua alta.

Sarà colpa di Zaia o di Galan?

Per ora i due si rimpallano la responsabilità della voragine dei conti sulla sanità in Veneto.

Un buco talmente grande (500 milioni di euro secondo le stime più prudenti, circa un miliardo di euro per le stime più azzardate), che fa rischiare il commissariamento; intanto Zaia sbraita che i direttori generali che hanno sbagliato andranno a casa, che la colpa è di Galan.

Di certo c’è che in Veneto la sanità è gestita da 20 anni, con quattro assessori di fila, da rappresentati della lega e che i direttori generali delle ASL vengono nominati dall’assesore regionale alla sanità in accordo con i rettori per le aziende ospedaliero-universitarie.

In mezzo ci sta il sindaco di Verona, Tosi, che addossa tutta la colpa del prossimo crac finanziario all’ex governatore forzista dimenticando che proprio Verona rappresenta una delle maggiori anomalie non solo del Veneto ma dell’intero Nord: avere, in una provincia di circa 915.000 abitanti ben 20 presidi ospedalieri (un ospedale ogni 45.750 abitanti), è uno sproposito; nell’area metropolitana di Bologna ci sono quattro presidi ospedalieri a fronte di 760.000 abitanti (un ospedale ogni 190.000 abitanti) o, comparando l’intera provincia dieci ospedali per 970.000 abitanti (un ospedale ogni 97.000 abitanti) con la previsione di chiuderne altri 3 nel biennio 2011-2012.

Ovvio che chiudere ospedali, soprattutto nelle aree di montagna o nei piccoli comuni, è una politica che non aiuta a raccogliere consensi ma sicuramente aiuta a raccogliere fondi e a razionalizzare la spesa e le risorse; probabilmente è per questo che Tosi si guarda bene dal farlo e si limita a dare la colpa ad altri del prossimo fallimento del sistema sanitario veneto.

Tanto per fare qualche altro paragone possiamo dire che la regione Veneto ha un negativo di bilancio, nella migliore delle ipotesi, simile a quello della deprecata Campania e nel peggiore simile a quei porci dei romani (Bossi dixit).

Lazio: negativo di 1 miliardo e 200 milioni di euro

Calabria: negativo di 1 miliardo di euro

Veneto: – 500/1.000 milioni di euro

Campania: – 500 milioni di euro

Molise: – 67 milioni di euro

Emilia Romagna: + 41 milioni di euro

Lombardia: + 30 milioni di euro

Piemonte: + 17 milioni di euro

Marche: + 17 milioni di euro

Toscana: + 14 milioni di euro

Provincia di Trento: + 13 milioni di euro

Umbria: + 10 milioni di euro

Sarà anche un caso ma di quattro regioni in negativo, tre sono amministrate dal centro destra; di sette in positivo quattro sono amministrate dal centro sinistra ed una a guida centrista.

Rimane, anche in Veneto, una buona qualità dell’assistenza ma fino a quando?

Non è che, tra poco, la regione Emilia Romagna, la seconda per immigrazione sanitaria dovrà farsi carico insieme ai lombardi anche dell’afflusso della sanità proveniente dal Veneto? ed in caso di un federalismo alla leghista applicato, come la racconteranno i rappresentanti padani alla loro popolazione?



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Noi non bruciamo il Corano

    bruciamo Corano

    11 Settembre 2010, nono anniversario di quel terribile giorno che ha cambiato le condizioni di vita dell’occidente e la politica internazionale. Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    ATTUALITÀ, CULTURA, RELIGIONE, SOCIETÀ
  • La pandemia e il senno di poi

    Oggi il l'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa (PACE) - un organismo, con sede a Strasburgo, per promuovere i diritti umani e la democrazia, ma che... Leggere il seguito

    Da  Bourbaki
    MEDICINA, RICERCA, SCIENZE, SOCIETÀ
  • Aiutiamo ADESSO il Giappone. Marzo 2011

    Aiutiamo ADESSO Giappone. Marzo 2011

    La Croce Rossa Italiana ha aperto una raccolta fondi in sostegno delle popolazioni colpite dal sisma e dallo tsunami. Per donare 2 euro alla Croce Rossa Italian... Leggere il seguito

    Da  Gabrielabalaj
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ, SOLIDARIETÀ
  • Il patriota moderno

    patriota moderno

    Vi siete mai chiesti: chi è il patriota moderno? E' un tipo alto, basso, magro, spigliato, introverso, cicciottello, studioso, diligente, menefreghista, uno di... Leggere il seguito

    Da  Andrea86
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Libia: il resto della storia

    Libia: resto della storia

    di Tony Carlucci23 Febbraio 2011traduzione: http://nwo-truthresearch.blogspot.comL'opposizione libica gestisce letteralmente le proteste da WashingtonSiete... Leggere il seguito

    Da  Nwotruthresearch
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Conoscete “il male”?!?

    Conoscete male”?!?

    .Cari lettori con questo articolo vogliamo mostrarvi un modo di far giornalismo alquanto inusitato, ma che colpisce e che ormai si è perso nelle infinità di... Leggere il seguito

    Da  Mirtus
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Io, tu ed il Cenacolo

    Cenacolo

    Il Cenacolo di Leonardo da Vinci è opera estremamente delicata, dall’equilibrio fragile ed è vietato fotografarla con o senza flash per evitare stress perchè... Leggere il seguito

    Da  Silvanascricci
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ