Magazine Cultura

Il noir, un cassetto da aprire

Creato il 31 gennaio 2011 da Paolo Franchini

Il noir, un cassetto da aprireIo su PuntoRadio per Siamo in Onda, sabato scorso 29/01/2011 in FM. Argomento della puntata: i cassetti.

Etimologia

Il cassetto è una sorta di contenitore, estraibile per mezzo di pomelli o maniglie, inserito in un mobile. Comò, armadi, scrivanie, cassettiere, un tempo esclusivamente di legno, oggi vengono realizzate anche, o solo, in plastica.

La parola cassetto deriva direttamente dal termine cassa (in latino càpsa, in greco kàpsa), il cui significato è riferibile a càpio, cioè contenere.

Una curiosità: il capsàrium era lo schiavo che trasportava i pesi contenuti nelle casse per conto del padrone.

Classifiche

Grandi novità in classifica: per UniLibro, infatti, questa settimana vede primeggiare La versione di Barney, un vecchio romanzo dello scrittore canadese Richler (il merito, però, va dato anche a Dustin Hoffman che lo “spolvera” e lo offre al cinema). Novità anche sui gradini più bassi del podio: si accapigliano, infatti, Educare alla vita buona del Vangelo (un volume edito dalla Cei e venduto a un euro e mezzo) e il lavoro di Clara Sánchez intitolato Il profumo delle foglie di limone (un romanzo che VareseNoir ha presentato in anteprima pochi giorni fa).

Per la cronaca, Bendetta Parodi e il suo polpettone di carta e inchiostro sono scivolati al quinto posto.

Situazione invariata, invece, nella sezione “gialli e noir”: al comando Appunti di un venditore di donne (Giorgio Faletti) seguito da Io confesso (John Grisham) e da Il sorriso di Angelica (Andrea Camilleri).

Al solito, le classifiche complete sono disponibili anche su www.varesenoir.tk.

Qualche consiglio di lettura noir

Il demone nel cassetto (di Roberto Bendini)
Euro 10,00 – Pagg.152 – La Piccola
Un medico, in occasione del Natale, torna a casa per qualche giorno di relax. Tutto nella norma. No, scusate: niente affatto. Diventa testimone di un delitto misterioso e abbastanza scandalistico. Le indagini si allargano e, nel giro di poche pagine, vengono coinvolti varie persone legate alla vittima. Alla fine, questo posso dirvelo, l’assassino verrà smascherato dalla follia che lo assilla e la chiave del mistero, udite udite, è nel titolo del romanzo. Proprio così, in fondo al cassetto del demone.

Il corpo nell’armadio (di Rufus King)
Euro 12,40 – Pagg.233 – Polillo
Uscito di casa per incontrare Marge, Herbert non ricompare più. La moglie, angosciata, chiede aiuto alla polizia, più che altro perché l’uomo è un personaggio di rilievo nel mondo degli affari di New York. Il poliziotto incaricato delle indagini, esamina l’appartamento della famiglia insieme alla padrona di casa e proprio lì, in un armadio, trova un corpo. Ovviamente, non vi dirò di chi è il corpo (dell’uomo? della donna che doveva incontrare?) perché questo è un romanzo che va letto a tutti i costi, dalla prima all’ultima pagina. Oltre a essere scritto e tradotto davvero bene, la storia è zeppa di colpi di scena e, sappiatelo, non sarà per nulla facile dare un nome al colpevole. Perché un colpevole, mai come stavolta, esiste eccome.

Compleanno letterario

Di nuovo un festeggiamento davvero importante: 151 candeline il 29 gennaio per Anton Pavlovic Cechov, scrittore, drammaturgo nonché medico russo.

Essendo stato un autore molto prolifico e che, quasi sempre, ha colpito il bersaglio, risulta difficile scegliere opere rappresentative della sua produzione. Per questo, mi affido al mio gusto personale e cito Il giardino dei ciliegi, Tre sorelle e il mio preferito, ovvero La signora con il cagnolino.

www.paolofranchini.tk


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il pozzo

    pozzo

    A volte ti sprofondi, cadi nel tuo buco di silenzio,nel tuo abisso di collera orgogliosa,e puoi appena tornare, ancora con segnidi ciò che trovasti... Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA
  • Il veleno

    veleno

    Il vino sa rivestire il più sordido tuguriod'un lusso miracolosoe portici favolosi fa sorgere nell'orodel suo vapore rossocome il tramonto in un cielo nuvoloso. Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA
  • Il rifugio

    rifugio

    Anche Il rifugio conferma, nel bene e nel male, la cifra cinematografica degli ultimi film di Ozon, soprattutto se si pensa a Ricky (2009) e 8 donne e un mister... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Il rock

    Cos'è il rock? Questo:In parole? Emozioni, gioia, grida, salti, amore, fratellanza, coinvolgimento, passione, commozione, dono e tante altre cose... ovvero, la... Leggere il seguito

    Da  Chemako
    CULTURA, MUSICA
  • Il lercio

    lercio

    La cupidigia è un fattore ereditario. Roberto Rossi, nato in una famiglia di avari senza cuore, vive fin da piccolo la sua esistenza con l’unico interesse di... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • “Il rifugio”

    rifugio”

    2009: Le refuge di Francois Ozon Più amato in patria che all’estero, il regista è noto per la sua poliedricità e per dividere i critici. Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Il presente

    presente

    Allegri e mesti erano i ricordi,nebbiosa, misera trama della vita.Sul futuro si aprivano finestreora buie, ora azzurre di palmizi.Ma qui il tempo fu vivo, fu... Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA, POESIE

Magazine