Magazine Creazioni

Il panico: contrasto tra mente e cuore

Da Hanùl Giorgino

IL PANICO: CONTRASTO TRA MENTE E CUORE

Questocelebre dipinto di Munch, è sicuramente il suo più famoso e anche tra i più conosciuti al mondo, persino dai non intenditori d'arte!

IL PANICO: CONTRASTO TRA MENTE E CUORE
L'opera è un simbolo dell'angoscia e dello smarrimento che segnarono tutta la vita del pittore norvegese.

La scena rappresenta un'esperienza vera della vita dell'artista: mentre si trovava a passeggiare con degli amici su un ponte della città di Oslo, il suo animo venne pervaso dal terrore. Lo stato d'animo del pittore viene raccontato da lui stesso in queste righe tratte dal suo diro nell'ospedale di Nizza:

" Camminavo lungo la strada con due amici quando il sole tramontò, il cielo si tinse all'improvviso di rosso sangue. Mi fermai, mi appoggiai stanco morto ad una palizzata. Sul fiordo nero-azzurro e sulla città c'erano sangue e lingue di fuoco. I miei amici continuavano a camminare e io tremavo ancora di paura... e sentivo che un grande urlo infinito pervadeva la natura. "

La pagina del suo diario poi continua a descrivere più minuziosamente la scena che si presentò davanti ai suoi occhi, o forse solo nella sua testa!

IL PANICO: CONTRASTO TRA MENTE E CUORE
le ultime crisi sono state proprio brutte. mi pareva di soffocare, il mondo mi girava intorno, quasi non riuscivo a stare in piedi: però ora va meglio, riesco a calmarmi, a guardarmi indietro, a ricordare, qualche volta a rivivere quelle emozioni... Siete mai stati in Norvegia? Lo sapete cosa vuol dire stare sul margine estremo, al Nord dell'Europa? Oh, certo, magari qualcuno di voi è venuto in vacanza, nella bella stagione, nelle lunghissime sere di giugno. Lo so benissimo, ci sono addirittura delle navi da crociera, piene di luci, con tanto di cabine di lusso, che percorrono i fiordi e approdano al porto della mia città, Oslo. Giorni magnifici, non discuto. Per me, invece, cala l'angoscia. Ho il terrore di rimanere solo. Voi che venite in Norvegia d'estate dite che qui si sta bene, ma io da bambino, a soli cinque anni, ho visto morire mia madre di tubercolosi, poi mia sorella Sofia, quindi, improvvisamente, anche mio padre. Io stesso ho sempre avuto una salute fragile (lo ammetto: col tempo, la vodka e l'acquavite non mi hanno aiutato!), stretto da un'educazione puritana e moralista e le notti del grande Nord, gelido e inospitale. La pittura mi ha aiutato a guardare dentro me stesso, a trasmettere sentimenti ed emozioni [...] Mi ricordo benissimo, era l'estate del 1893. Una serata piacevole, con il bel tempo, insieme a due amici all'ora del tramonto. [...] Cosa mai avrebbe potuto succedere? Il sole stava calando sul fiordo, le nuvole erano color rosso sangue. Improvvisamente, ho sentito un urlo che attraversava la natura. Un grido forte, terribile, acuto, che mi è entrato in testa, come una frustata. D'improvviso l'atmosfera serena si è fatta angosciante, simile a una stretta soffocante: tutti i colori del cielo mi sono sembrati stravolti, irreali, violentissimi. [...] Anch'io mi sono messo a gridare, tappandomi le orecchie, e mi sono sentito un pupazzo, fatto solo di occhi e di bocca, senza corpo, senza peso, senza volontà, se non quella di urlare, urlare, urlare... Ma nessuno mi stava ascoltando: ho capito che dovevo gridare attraverso la pittura, e allora ho dipinto le nuvole come se fossero cariche di sangue, ho fatto urlare i colori. Non mi riconoscete, ma quell'uomo sono io. [...] L'intera scena sembra irreale, ma vorrei farvi capire come ho vissuto quei momenti. [...] Attraverso, l'arte cerco di vedere chiaro nella mia relazione con il mondo, e se possibile aiutare anche chi osserva le mie opere a capirle, a guardarsi dentro

IL PANICO: CONTRASTO TRA MENTE E CUORE

Munch non era pazzo, ma molti psichiatri che l'hanno tenuto in cura hanno parlato più di " psicosi da attacchi di panico". Oggi è molto facile riconoscere questi sintomi di ansia estrema, ma all'epoca di Munch si veniva tacciati di essere affetti da schizofrenia, di stregoneria, o peggio ancora, di possessione demoniaca! Ci credo in pieno che il povero Munch, abbia avuto una reazione così esagerata nei confronti del suo malessere!

Questo post mi è molto a cuore, perchè credo che molti abbiano passato dei momenti sfrenati di ansia, compresa io eh, nel lontano ormai 2007! E allora come dice Munch, in questa pagina bellissima del suo diario, bisogna guardarsi dentro e capire la direzione della nostra anima!

Quando il cuore vuole andare in una direzione e la mente in un'altra, quasi mai la mente ha ragione!!!

Se volete vedere altri accessori dipinti a mano in pelle o ecopelle, visitate il mio sito www.hanulstyle.com

Un bacio dalla vostra Hanùl...alla prossima!


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines