Magazine Cinema

Il Paradiso di Paola Randi

Creato il 09 febbraio 2012 da Taxi Drivers @TaxiDriversRoma

Il Paradiso di Paola Randi

Paola Randi

Un altro felice esordio, nel nostro panorama cinematografico femminile, è quello della regista milanese Paola Randi con il suo Into Paradiso. Perché questo film ci ha convinto tanto? I motivi sono diversi.  Innanzitutto la scelta di trattare, pur nei toni leggeri della commedia, un tema attuale e importante come quello dell’integrazione culturale.

In Into Paradiso, Alfonso, uno scienziato napoletano rimasto senza lavoro, si rivolge all’ex-compagno di scuola Vincenzo Cacace, politico corrotto, per una raccomandazione, rimanendo subito invischiato, a sua insaputa, in una faccenda losca e pericolosa che fa capo al camorrista Don Fefè. Per salvare la pelle, Alfonso si rifugia sul tetto di un edificio decadente, nel cuore di Napoli, dove abita la comunità singalese. Qui incontra Gayan, un ex-campione di cricket dello Sri Lanka, venuto in Italia credendo di trovare il paradiso. Questo incontro, del tutto indesiderato, si trasforma, poco alla volta, in un’amicizia capace di cambiare il destino di entrambi.

Il Paradiso di Paola Randi

Nella storia, quindi, l’“immigrato” è paradossalmente Alfonso, che viene accolto e aiutato dalla comunità singalese della sua città, mentre Gayan non vede l’ora di tornare in Sri Lanka.  La comicità che scaturisce da questo ribaltamento di prospettiva e dall’interazione di personaggi così diversi, costretti alla convivenza, viene esaltata ancor di più dall’angolazione delle riprese e dalla composizione delle inquadrature. Esilarante anche il sottobosco delinquenziale, rappresentato in toni grotteschi da Don Fefè e i suoi scagnozzi che sembrano usciti direttamente dalle pagine di un fumetto.

Il Paradiso di Paola Randi

Ma l’aspetto più giocoso della regia di Paola Randi lo ritroviamo nei momenti in cui Alfonso sogna ad occhi aperti: improvvisamente irrompono sullo schermo dei siparietti dal sapore teatrale che movimentano il ritmo della narrazione catapultandoci in una fantasiosa dimensione di finzione nella finzione. Tra queste sequenze, la più bella è quella in cui il protagonista ricostruisce la dinamica di una sparatoria disponendo sul tavolo della cucina pacchi di pasta, scatole di biscotti e statuette per il presepe: le immagini dei suoi ricordi vengono proiettate sulla superficie degli oggetti e i personaggi della messa in scena  iniziano ad interagire con lui, in veste di regista per l’occasione. La sensazione è quella di trovarsi in una sorta di scatola magica.

A contribuire poi alla buona riuscita del film è sicuramente anche l’esilarante interpretazione degli attori: la maestria di Gianfelice Imparato (Alfonso), l’espressività di Beppe Servillo (Vincenzo Cacace) e l’eleganza di Saman Anthony (Gayan)

.

Il Paradiso di Paola Randi

In Into Paradiso riconosciamo sprazzi del background eterogeneo di questa regista, fatto di esperienze nel campo della pittura, della musica, del teatro e non solo. Laureata in Giurisprudenza, prima di avvicinarsi al cinema, Paola lavora accanto alla madre, per dodici anni, in un’Associazione creata per difendere i diritti delle donne nell’economia. E chissà se sarà proprio da questo bagaglio di conoscenza che attingerà per mettere in piedi il suo prossimo progetto. Non sarebbe affatto male. In ogni caso, buon lavoro!

Ginevra Natale

Il Paradiso di Paola Randi
Scritto da il feb 9 2012. Registrato sotto ARTEMIDE, RUBRICHE, TAXI DRIVERS CONSIGLIA. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Legendary Pictures abbandona definitivamente il progetto Paradiso Perduto

    Legendary Pictures abbandona definitivamente progetto Paradiso Perduto

    I problemi che attanagliavano da mesi la difficile produzione di Paradise Lost (Paradiso Perduto) erano noti a tutti, un budget troppo alto che non riusciva ad... Leggere il seguito

    Da  Frenckcinema
    CINEMA, CULTURA
  • Paradiso amaro

    Paradiso amaro

    Alexander Payne alcuni anni fa aveva cavalcato l'onda della moda sul vino facendo credere al bevitore di Tavernello di essere un fine sommelier. Leggere il seguito

    Da  Cinefilante
    CINEMA, CULTURA
  • Paradiso amaro

    Paradiso amaro

    Il nuovo film di Payne mette subito in mostra quel senso di humor cattivo e graffiante che non risparmia nulla e nessuno, non predica e diverte con intelligenza Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Paradiso amaro

    Paradiso amaro

    Regia: Alexander PayneOrigine: UsaAnno: 2011Durata: 115'La trama (con parole mie): Matt King è un avvocato hawaiano dalla solida etica lavorativa, nonchè... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • paradiso amaro

    paradiso amaro

    THE DESCENDANTS (Usa 2011) Ci sono gli americani, che solo loro, al mondo e da sempre, sanno mischiare in modo più o meno credibile toni drammatici o persino... Leggere il seguito

    Da  Albertogallo
    CINEMA, CULTURA
  • Paradiso amaro

    Paradiso amaro

    Matt King (George Clooney), un avvocato cinquantenne proprietario terriero in quel paradiso delle Hawaii, subisce un improvviso duro colpo: la moglie, a causa d... Leggere il seguito

    Da  Valentinaariete
    CINEMA, CULTURA
  • Posti in piedi in Paradiso è il solito Verdone

    Posti piedi Paradiso solito Verdone

    Prendete il titolo con accezione positiva o negativa a seconda che gli ultimi lavori di Carlo Verdone vi siano o meno piaciuti perchè Posti in Piedi in... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA