Magazine Talenti

Il pensatore indiano

Da Lauramarchiaro
IL PENSATORE INDIANO
Un giorno, un grande pensatore indiano fece la seguente domanda ai suoi discepoli: "Perchè le persone gridano quando sono arrabbiate?"
"Gridano perché perdono la calma" rispose uno di loro.
"Ma perché gridare se la persona sta al suo lato?" disse nuovamente il pensatore
"Bene, gridiamo perché desideriamo che l'altra persona ci ascolti"
replicò un altro discepolo
E il maestro tornò a domandare:
"Allora non è possibile parlargli a voce bassa?"
Varie altre risposte furono date ma nessuna convinse il pensatore.
Allora egli esclamò:
" Voi sapete perché si grida contro un'altra persona quando si è arrabbiati?
Il fatto è che quando due persone sono arrabbiate i loro cuori si allontanano molto.
Per coprire questa distanza bisogna gridare per potersi ascoltare.
Quanto più arrabbiati sono tanto più forte dovranno gridare per sentirsi l'uno con l'altro.
D'altra parte, che succede quando due persone sono innamorate?
Loro non gridano, parlano soavemente, e
perché ?
Perchè i loro cuori sono molto vicini. La distanza tra loro è piccola.
A volte sono talmente vicini i loro cuori che neanche parlano solamente sussurrano.
E quando l'amore è più intenso non è necessario nemmeno sussurrare, basta guardarsi. I loro cuori si intendono. È questo che accade quando due persone che si amano si avvicinano.
Infine il pensatore concluse dicendo:
"Quando voi discuterete non lasciate che i vostri cuori si allontanino non dite parole che li possano distanziare di più, perché arriverà un giorno in cui la distanza sarà tanta che non incontreranno mai più la strada per tornare."

e chi ha orecchio per intendere, intenda...

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Margine

    Margine

    Anche se è sabato pomeriggio ed è probabile che in pochi se ne accorgano, voglio provare a farvi un regalino. Vi dico subito che la foto qui accanto serve a far... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    TALENTI
  • Il volantino

    Guarda, ho trovato questo volantino e l’ho preso. E’ veramente divertente! E mi porge il volantino sulle mani, sorridendo. La ragazza è venuta a trovare suo... Leggere il seguito

    Da  Effettoparadosso
    PER LEI, SOCIETÀ, TALENTI
  • Il tribunale.

    tribunale.

    Eccoli là. Tutti pronti a giudicarmi. Tutti seduti sui loro scranni pesanti e lo sguardo inquisitorio.Il tribunale è affollato e mi sembra un po' eccessivo,... Leggere il seguito

    Da  Monstersandco
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • "Il gioco".

    gioco".

    Vermiglio sangue scorre giù dal mio naso, passa sul mio petto e si ramifica fino a toccare terra. Le mie gambe sono livide, lo sono le mie spalle, le mie bracci... Leggere il seguito

    Da  Astronautaperduto
    TALENTI
  • "Il giardino."

    Qui, c'è un profondo rispetto verso il tutto.C'è rispetto per quest'ape che mi ronza attorno e che all'improvviso può bucarmi, verso il gallo che annaspa nel... Leggere il seguito

    Da  Astronautaperduto
    TALENTI
  • Il Guru

    Guru

    “Tu non c’entri. Il problema sono io e non meriti di stare con una come me”.Banale, come gli spaghetti aglio, olio e peperoncino, che però sono efficaci quando... Leggere il seguito

    Da  Volobasso
    CULTURA, TALENTI
  • Il funerale

    Maledizione siam ricoperti da terribili paure....frutto di un improvviso e cocente inganno....che non da il tempo neanche di regalarti un semplice affanno....po... Leggere il seguito

    Da  Taibaibai
    POESIE, TALENTI

Magazine