Magazine Cinema

Il pianeta verde

Creato il 29 luglio 2010 da Greg Petrelli
Titolo: Il pianeta verde
Anno: 1996
Regia: Coline Serrau
Soggetto: Coline Serrau
Sceneggiatura: Coline Serrau
Con:
Coline Serreau: Mila
Vincent Lindon: Max
James Thiérrée: Mesaje
Samuel Tasinaje: Mesaul
Marion Cotillard: Macha
Claire Keim: Sonia
Philippine Leroy-Beaulieu:
So bene che si tratta di un film francese, ma non è in bianco e nero! Accostatevi a questa pellicola graziosa e sognante senza i pregiudizi ricorrenti dei film d'oltralpe (noiosi, melensi, retorici e ancora noiosi), come ho fatto io, e non ne rimarrete delusi.Prima le critiche: eccessivamente buonista e a tratti notevolmente superficiale nel trattare argomenti delicati  e per nulla scontati. Tecnicamente mi lasciano un po perplessi il doppiaggio e la recitazione, specie della protagonista.Ah, altra critica, sono tutti vegani (e a me la carne piace parecchio!).Il film racconta di un pianeta su cui vivono, in pace e serenità, esseri umani robusti, longevi e dagli straordinari poteri psichici. Per questi esseri è normale vivere senza tecnologia utilizzando il proprio cervello come unico " aiuto ultracorporeo". Nella vita ultracentenaria di questi popoli è normale scambiare messaggi telepatici con altri popoli nella galassia e viaggiare nell'universo stabilendosi per qualche mese o qualche anno sugli altri pianeti.E la terra? Chi va sulla terra? Da duecento anni la stessa scena: nessuno vuole andare sulla terra! Iniziano allora le peripezie della nostra unica volontaria, desiderosa di conoscere le proprie origini: pare fosse metà terrestre!Si evidenziano così tutti i mali creati dal capitalismo e dal logorio di una vita disequilibrata come quella sulla terra. La gente muore di fame, ci sono guerre e carestie, si paga per avere da mangiare, la gente è instupidita e costretta a compiere lavori inutili (vedi filmato), insomma, un bruttissimo pianeta!Con qualche scena decisamente comica e ottime riflessioni questo film ci fa riflettere sulla terribile condizione in cui versa Gaia, purtroppo però, senza fare nulla di concreto per cambiare le cose. Come si può, del resto? Per ora non ci sono risposte. Il film è piacevole, comico e grottesco. A volte, come ho detto, un po infantile e superficiale, ma godibilissimo e con notevoli spunti di comicità (vedi scena dello stadio o dell'orchestra).
Streaming 

Il pianeta verde

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il regno di Ga'Hoole

    regno Ga'Hoole

    Prendete 300. Fatto? Sostituite a piacere barbagianni, civette e gufi a spartani, persiani e greci vari. Fatto? Girate dieci minuti di scene ed estendetele a... Leggere il seguito

    Da  Jackragosa
    ANIMAZIONE, CINEMA, CULTURA
  • “Water – Il coraggio d’amare”

    “Water coraggio d’amare”

    2005: Water di Deepa Mehta Candidato all’Oscar 2007 come miglior film straniero, vincitore del Toronto International Film Festival, patrocinato da Amnesty... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Il rifugio

    rifugio

    Anche Il rifugio conferma, nel bene e nel male, la cifra cinematografica degli ultimi film di Ozon, soprattutto se si pensa a Ricky (2009) e 8 donne e un mister... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • “Il dubbio” (1961)

    dubbio” (1961)

    1961: The Naked Edge di Michael Anderson Uno dei più riusciti «gialli» degli anni 60, impreziosito dalla presenza di due massime star. Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Il senso di Draquila

    Ieri con un blitz a Marcianise sono andata a vedere Draquila, perchè, considerando che ormai è uscito da 2 settimane, mi è venuto in mente che forse non... Leggere il seguito

    Da  Faith
    CINEMA, CULTURA, SOCIETÀ
  • Il «poliziottesco» anni 70

    «poliziottesco» anni

    In tempi di crisi, il revival è sempre più in auge. Dal 25 Giugno al 5 Settembre 2010 al Museo di Roma in Trastevere la mostra “Cinema di Piombo. Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • “Il rifugio”

    rifugio”

    2009: Le refuge di Francois Ozon Più amato in patria che all’estero, il regista è noto per la sua poliedricità e per dividere i critici. Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA

Magazines