Magazine

Il Piave mormorava…

Creato il 10 marzo 2011 da Angel

Vorrei restituire a voi lettori , qui di seguito, le parole di una canzone, il Piave mormorava,  quasi del tutto ignorata dalla giovani generazioni italiane. Sono parole adamantine. Scalfite nella roccia del Carso. Cementate dal sangue di 600.000 giovani soldati che tra il 1915-18 hanno dato la loro vita per la nostra amata Patria. Leggendo il testo, nessuno di noi userebbe più quelle parole. Anzi, oggi alcune parole sembrano quasi bandite. Tra queste anche quella di Patria. Quasi un qualcosa che bisogna tener celato. Al contrario. Intorno all’ Italia, gli italiani sono cresciuti, hanno pianto e, da eroi, sono morti. Spero vivamente che le parole di questa canzone confermino tutti, giovani e meno giovani, nell’ amore per l’ Italia e nell’ orgoglio di essere parte di un grande Paese, nonostante tutto.

« Il Piave mormorava calmo e placido al passaggio
dei primi fanti il ventiquattro maggio;
l’esercito marciava per raggiunger la frontiera
per far contro il nemico una barriera!
Muti passaron quella notte i fanti,
tacere bisognava e andare avanti.
S’udiva intanto dalle amate sponde
sommesso e lieve il tripudiar de l’onde.
Era un presagio dolce e lusinghiero.
il Piave mormorò: “Non passa lo straniero!”
Ma in una notte triste si parlò di un fosco evento
e il Piave udiva l’ira e lo sgomento.
Ahi, quanta gente ha visto venir giù, lasciare il tetto,
poiché il nemico irruppe a Caporetto.
Profughi ovunque dai lontani monti,
venivano a gremir tutti i suoi ponti.
S’udiva allor dalle violate sponde
sommesso e triste il mormorio de l’onde.
Come un singhiozzo in quell’autunno nero
il Piave mormorò: “Ritorna lo straniero!”
E ritornò il nemico per l’orgoglio e per la fame
volea sfogare tutte le sue brame,
vedeva il piano aprico di lassù: voleva ancora
sfamarsi e tripudiare come allora!
“No”, disse il Piave, “no”, dissero i fanti,
mai più il nemico faccia un passo avanti!
Si vide il Piave rigonfiar le sponde
e come i fanti combattevan l’onde.
Rosso del sangue del nemico altero,
il Piave comandò: “Indietro va’, o straniero!”
Indietreggiò il nemico fino a Trieste fino a Trento
e la Vittoria sciolse l’ali al vento!
Fu sacro il patto antico, tra le schiere furon visti
risorgere Oberdan, Sauro e Battisti!
Infranse alfin l’italico valore
le forche e l’armi dell’Impiccatore!
Sicure l’Alpi, libere le sponde,
e tacque il Piave, si placaron l’onde.
Sul patrio suolo vinti i torvi Imperi,
la Pace non trovò né oppressi, né stranieri! »



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il mondo

    Se il mondo fosse chiaro, l'arte non esisterebbe. (A. Camus)Sito / Blog Personale / Facebook / Anobii / Twitter / Foto / Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • Il mare

    mare

    Silenzio: vaghi ricordi aleggiano sulla superficie del mio spirito. Il mare, la sua voce baritonale, il suo schiaffeggiare la costa, il suo sciabordio continuo. Leggere il seguito

    Da  Alessandra
    SPIRITUALITÀ
  • Il pregiudizio

    pregiudizio

    IL PREGIUDIZIO: un bisogno mascherato di anticipare l’altro attraverso categorie pre-costituite… solo utili a gestre l’ansia del non prevedibile! Il fulcro dell... Leggere il seguito

    Da  Psychomer
    PSICOLOGIA, SALUTE E BENESSERE
  • Il profumo

    profumo

    Titolo: Il profumo Titolo originale: Das Parfum - Die Geschichte eines MördersAutore: Patrick SüskindAnno: 1985 Il libro… Come ci avvisa Süskind fin dalle... Leggere il seguito

    Da  Charliecitrine
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • il tetto

    tetto

    Alla fine è successo. Ieri, con l'intenzione di raccogliere le olive, sono salito alla serra, dove tengo gli attrezzi. Come entro dentro, noto che c'è più luce... Leggere il seguito

    Da  Aureliocupelli
    VIAGGI
  • Il viaggio

    viaggio

    S.M. -Pirenei spagnoli-2003Il viaggioLa trappola del temponon conosce lusinghe.Avvolge di nebbia lenta e incolore.Galleggia leggera.Tenta il sequestro delle... Leggere il seguito

    Da  Sandra
    VIAGGI
  • Il circo

    circo

    E' da un po' che volevo pubblicare questo post. E ora è giunto il momento. La premessa d'obbligo è che alla scuola dell'infanzia che i nanetti hanno e stanno... Leggere il seguito

    Da  Vale
    BAMBINI, ECOLOGIA E AMBIENTE, FAMIGLIA, MATERNITÀ