Magazine Arte

Il poeta e l'alchimista. Kiefer vs Vedova

Creato il 08 settembre 2011 da Robertavanali @roberta_vanali
Stratificazione materica e memoria storica come punti di contatto nell’accostamento voluto dalla Fondazione Vedova che vede il ciclo ...in continuum di Emilio Vedova, nell’ex studio sulle Zattere, a confronto con il site specific Salt of the Eart di Anselm Kiefer, nel restaurato Magazzino del Sale. A Venezia fino al 30 novembreIl poeta e l'alchimista. Kiefer vs VedovaUn’opera d’arte totale che invade lo spazio e lo modifica. Un accumulo di memorie, di immagini mutevoli metafora della precarietà dell’esistenza e dell’operare artistico, tale vuole essere il ciclo pittorico senza inizio né fine concepito nell’arco di un anno (1987/88) da Emilio Vedova. Un progetto in continuum articolato in 109 tele dove memorie trasversali scorrono in un flusso irrefrenabile susseguendosi come frame filmici nonostante ogni opera mantenga la propria autonomia.Il poeta e l'alchimista. Kiefer vs VedovaSono immagini impetuose e dirompenti che sfruttano la drammaticità del bianco e nero per intrecciarsi e sovrapporsi, amalgamare sedimenti del passato e avvenimenti del presente che affiorano violentemente tra accentuati contrasti. E’ una pittura evocata che s’impone come energia pura, s’insinua e deflagra in forme mutevoli e universali condizionando tutto ciò che incontra e ponendosi in continuum non solo con se stessa ma anche con lo spazio circostante. Con un modus operandi condizionato da una matrice che imprime i non colori sulla tela sulla quale l’artista è intervenuto alla “cieca” dal retro. Il risultato è una tessitura di segni brulicanti che accumulano e stratificano materia pittorica in un continuo espandersi. Un tutt’uno imponente e drammatico che ingloba storia passata e presente. Il poeta e l'alchimista. Kiefer vs VedovaCosì come avviene nel progetto di Anselm Kiefer, opera corale incentrata sulla memoria dove realtà e mito si fondono. E dove appare d’obbligo oltrepassare i diversi stadi di mutazione, attraverso procedimenti simbolici, per spingersi verso zone della coscienza inaspettate. Perciò si serve di alchimia e cabala - attingendo al pensiero neoplatonico e ai testi mistici - per scandagliare l’eterno ciclo dell’esistenza, scrutare antichi saperi che siano in grado di ricondurre l’uomo ad un ragionevole equilibrio con la natura. Mettere in atto allegorie contraddittorie e simboli ambivalenti che raccontino la storia universale, purifichino il passato della Germania e favoriscano la rinascita spirituale dell’umanità.Il poeta e l'alchimista. Kiefer vs VedovaSalt of the Earth si focalizza sulla componente alchemica che vede protagonista il piombo - collocato nel livello più basso del processo di trasformazione dell’oro - immancabile per la mutazione dallo stato liquido a quello solido, nonchè metafora di un tentativo di ascesa eterno in quanto ha un inizio ma non una fine. Il principio del processo è Athanor, la fornace che custodisce il fuoco eterno che brucia e purifica, scioglie l’umidità e la trasforma in sale per confluire nella seconda e imponente installazione Salt of the Earth risultato del processo di purificazione mediante l’elettrolisi che ossida e ricopre le lastre disposte come panni stesi ad asciugare. Chiude la trilogia Arche, il triangolo iniziatico simbolo delle tre formule alchemiche ma anche strumento di fusione tra passato e presente. Un processo inconcluso fatto di rimandi visivi e spaziali che apre le porte ad altri mondi. Possibili e impossibili.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Decameron

    Decameron

    1971, Pier Paolo Pasolini.Eccomi al primo film della "Trilogia della vita" di Pasolini, impresa impegnativa per me ma ci provo, perlomeno a godermeli e... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • Il porco, il suino e il maiale

    Ecco che il porco arriva in fattoria Sono nuovo cari compagni! Si avvicina il maiale, di corsa, arrabbiato! Cosa urli, vuoi dei pugni? Leggere il seguito

    Da  Mirco
    CULTURA, LIBRI
  • André Héléna: Il bacio della vedova

    André Héléna: bacio della vedova

    Questa recensione del romanzo Il bacio della vedova, di André Héléna, è stata pubblicata sul numero di giugno di “Milano Nera Mag”. La ripropongo qui per chi no... Leggere il seguito

    Da  Fabriziofb
    CULTURA
  • il caldo

    caldo

    Fa molto caldo a Parigi il 13 luglio del 1793: un caldo record che impedisce la pubblica esposizione delle spoglie mortali di Jean-Paul Marat, assassinato... Leggere il seguito

    Da  Luna Bianca Luna Nera
    CULTURA
  • Il risveglio.

    Che caldo! Davvero un gran caldo. La pioggerella fine poi che di tanto in tanto era scesa per tutto il giorno saliva subito in vapore ad aumentare un'umidità... Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI
  • Il prestigiatore

    prestigiatore

    Come prestigiatore ho davanti a me un compito che so non sarà dei più semplici. Tra qualche ora mi recherò infatti in un hotel sul Lago Maggiore per intrattener... Leggere il seguito

    Da  Mentalista Darus
    CULTURA, PALCOSCENICO
  • Il Dono

    Dono

    di Iannozzi GiuseppeIo, la Strega e Freda Cinzia, che è un po’ strega; che è un po’ come una seconda mamma: che è Amica insostituibileLa mia bimba mi ha... Leggere il seguito

    Da  Iannozzigiuseppe
    CULTURA

Dossier Paperblog

Magazines