Magazine Famiglia

Il potere della gita scolastica

Da Desian
Non ne avevo fatto cenno perché visti i precedenti (in cui banali contrattempi l'avevano sempre fatta rimanere a casa) c'era da fare gli scongiuri ma la donna grande stamattina è andata in gita scolastica.
Niente di che, sembrerebbe, ma se pensate che le insegnanti ad inizio anno avevano dichiarato battagliere che "per colpa dei tagli delle compresenze, quest'anno scordatevi la gita", averla ottenuta è stato già un successo. Se ci mettete poi che per la donna grande si tratta, appunto, della prima volta, avrete il quadro completo.
Il conto alla rovescia è cominciato domenica sera: "che bello, babbo, dopodomani andiamo in gita", saltellava.
"Eh no, donna grande, non è dopodomani ma mercoledì".
Primo scossone ma poi la gestione dell'attesa è stata decente: lunedì siamo passati al "manca pochissimo!!!" e martedì ormai era fatta.
Ieri sera, infatti, con anche la stanchezza della piscina addosso, l'eccitazione era contenuta: è riuscita a chiudere occhio verso le dieci.
Stamattina però.
Alle sei e mezza era una molla: è saltata giù dal letto solo perché, mentre la guardavo dormire, ho respirato un po' più forte: "è ora di alzarsiiiii"???
Ho provato con un "ma no, donna grande, è un po' presto" ma non ha voluto saperne: "vabbé, vengo un quarto d'ora nel lettone poi mi vesto".
Insomma, il quarto d'ora è volato, abbiamo assistito alla colazione più veloce della storia, ad una serie abluzioni-vestizione senza respiro. Il controllo dello zaino ha richiesto un po' più di criterio: più che il cibo era importante un preciso "mamma, c'è il k-way"?
Come darle torto?: diluvia adesso qui.
Chissà a Perugia...

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il mare dei bambini

    Purtroppo sto facendo il mare dei bambini: sveglia alle 7 e alle 8.15 gia' in spiaggia. Alle 11.30 ritorno a casa.La mia nipotina ha 15 mesi e ci stiamo... Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Il gioco della memoria

    gioco della memoria

    Mi manca davvero il fatto di non aver avuto i nonni, di non averli potuti conoscere, di non aver potuto godere del loro affetto, dei loro abbracci e delle loro... Leggere il seguito

    Da  Nuvola
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Il mio Galileo

    Galileo

    Oggi l'educatrice di Pilù ha raccontato questo episodio a mia moglie. Ieri era giorno di compleanno di uno dei compagni di classe di Pilù. Leggere il seguito

    Da  Paolob
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Quei giorni che sconvolsero il mondo

    Quei giorni sconvolsero mondo

    L'acqua di questi giorni, copiosa e fastidiosa, ha lavato via tutto. Malinconia, indeterminazione, fastidio...lasciando spazio e tempo a una solida... Leggere il seguito

    Da  Paolob
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Vuoi il lavoro? Prega!

    Vuoi lavoro? Prega!

    E' ormai un po' come sparare sulla Croce Rossa quando si parla della chiesa cattolica e della sua presenza nella società italiana. Leggere il seguito

    Da  Paolob
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Il ruolo dei NONNI

    ruolo NONNI

    Per un bimbo sono figure importanti: fonte, al pari dei genitori, di amore incondizionato. Testimonianza tangibile del loro passato e della continuità della lor... Leggere il seguito

    Da  Saraconlacca
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Il paradosso del bravo figlio

    C'è una cosa che mi fa capire che ormai ho irrimediabilmente passato il crinale: quando vedo un bel ragazzo sui 18-20-22, invece di pensare "vorrei avere 10 ann... Leggere il seguito

    Da  Lanterna
    FAMIGLIA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines