Magazine Informazione regionale

Il presidente Napolitano a Sassari: fischi e contestazioni

Creato il 21 febbraio 2012 da Yellowflate @yellowflate
Il presidente Napolitano a Sassari: fischi e contestazioniSecondo giorno di contestazioni per il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in visita in Sardegna, al suo arrivo al Teatro comunale di Sassari per le celebrazioni del 450° anniversario della fondazione dell’Universita’ e del 150° dell’Unita’ d’Italia. In piazza a protestare contro il capo dello Stato c’erano i pastori, il popolo delle ‘partite iva’, il ‘movimento anti-Equitalia’, trasportatori e ‘liberi commercianti’. Davanti alla struttura erano presenti una delegazione di operai della Vinyls e un gruppo del Partito comunista dei lavoratori, che hanno scandito slogan contro il governo Monti. C’era poi un piccolo corteo (una ventina di persone) che sfilava dietro lo striscione “Sardegna libera – Consulta dei movimenti” che sta raggiungendo l’auditorium.

Al passaggio di Napolitano da una parte della folla assiepata ad attenderlo si è alzato qualche coro di protesta “Buffone, buffone” e “Non ti vogliamo” ”uomo delle banche”, altri davano dell’”infame” al governo Monti.

”Lo contestiamo perche’ non ci ha ricevuto” ha detto all’Adnkronos il leader del Movimento pastori sardi, Felice Floris, ”perche’ non ci ha ricevuto anche qui a Sassari, come ieri a Cagliari”. ”Abbiamo sempre in mente – ha detto Floris – cosa ci e’ stato fatto a Civitavecchia quando ci fu impedito di raggiungere Roma e abbiamo in mente la lettera che gli abbiamo mandato il 10 gennaio 2011, quale garante dei diritti costituzionali, alla quale non ci ha mai risposto. Noi chiedevamo il diritto costituzionale di manifestare e di muoverci liberamente”. 

 

Slogan di contestazione anche da parte di un gruppo di operai di Porto Torres e del Partito Comunista dei lavoratori che contesta il governo. 

 


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog