Magazine Cinema

Il pretore

Creato il 21 aprile 2014 da Taxi Drivers @TaxiDriversRoma

il-pretore

Anno: 2014

Distribuzione: Mediaplex Italia 

Durata: n. d.

Genere: Commedia

Nazionalità: Italia

Regia: Giulio Base

Data di uscita: 3 Aprile 2014

Piero Chiara è stato tra i più apprezzati scrittori italiani degli anni ’60 e ’70 e uno dei più utilizzati dal cinema, tanto che egli stesso partecipò a sceneggiature e adattamenti dalle sue opere. Se Il pretore di Cuvio (1973) è stato l’unico dei suoi romanzi a non conoscere versioni per il grande schermo, nonostante diverse sceneggiature dello stesso Chiara e varie proposte rifiutate, un motivo forse c’era. Almeno fino a che l’attrice Sarah Maestri non ha lottato per acquisirne i diritti e proporre la regia di Il pretore a Giulio Base: il danno è fatto.

Il film racconta di un pretore in una cittadina lombarda durante il regime fascista, un uomo viscido che gestisce il potere secondo convenienze e interessi, politici e sessuali. L’arrivo di un giovane assistente cambierà parecchio l’andazzo in città. Adattato da Base, al ritorno al cinema dopo 15 anni di tv, assieme a Dino e Filippo Gentili e Federico Roncoroni (curatore dell’opera di Chiara e detentore dei diritti), Il pretore è una commedia satirica e grottesca che precipita al contempo nel melodramma e nella farsa.

Tutto girato e ambientato nei luoghi cari allo scrittore, tra Luino e il varesotto, il film è una riflessione amara e divertita su come il potere e la sua corruzione nel nostro paese non siano fattori storici, che cambiano con il trascorrere degli anni e degli eventi, o politici, dipendenti dai governi, ma quasi antropologici, che hanno a che fare con una predisposizione quasi atavica all’essere italiani. Così, un racconto degli anni ’30 diventa grottescamente aderente tanto agli anni ’70 quanto agli anni ’10 del 21° secolo. Quello che però risalta tragicamente nell’operazione diretta da Base, è che l’immaginario e la fruizione televisiva non ha solo deteriorato il gusto del pubblico, ma ha danneggiato occhi e talento degli stessi cineasti.

Così, la messinscena è piatta come una prima serata Rai, la narrazione è greve e approssimativa, piena di sottolineature insistite e patetismi, incapace di trovare un tono che non sia pesante o urlato, tanto nel dramma quanto nella commedia (tripudio di doppi sensi). E il colpo di grazia arriva dalla recitazione, che oscilla tra sitcom e la filodrammatica di periferia: vedere Francesco Pannofino costretto per due ore a fare faccette, mossette e strilletti come fossimo ancora in una versione deteriore di Boris deprimerebbe chiunque, soprattutto chi vorrebbe trovare se non la lettera, lo spirito di uno scrittore fondamentale. Che sapeva usare la farsa e il grottesco, e non farsene scudo per cercare di coprire insormontabili difetti artistici.

Emanuele Rauco


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Passato

    Passato

    A maggio 2013 Berenice Bejo ha vinto a Cannes come miglior attrice e ho dovuto aspettare mercoledì scorso per vedere il film in questione. Il motivo per cu... Leggere il seguito

    Da  Marta Impedovo
    CINEMA, CULTURA
  • Il treno per il Darjeeling

    treno Darjeeling

    In viaggio per ritrovare noi stessi, o quanto meno un pò di sonno Titolo: Il treno per il Darjeeling Regia: Wes Anderson Cast: Owen Wilson, Adrien Brody, Jason... Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA
  • Il silenzio degli innocenti

    silenzio degli innocenti

    Regia: Jonathan DemmeOrigine: USAAnno: 1991Durata: 118' La trama (con parole mie): la giovane recluta dell'FBI Clarisse Starling è aggregata alla squadra... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Il pretore

    pretore

    Il ritorno al cinema di Base è un buco nell’acqua…del lagoAdattamento del romanzo di Piero Chiara Il pretore di Cuvio, Il pretore è l’ultimo film diretto da... Leggere il seguito

    Da  Ussy77
    CINEMA, CULTURA
  • Oculus – il dualismo dell’orrore

    Oculus dualismo dell’orrore

    E’ inevitabile, quando una persona guarda e analizza una qualsiasi opera dell’ingegno altrui, questa produce un effetto diverso in quanto filtrata dalle... Leggere il seguito

    Da  Raystorm
    CINEMA, CULTURA
  • Il ricatto – La recensione

    ricatto recensione

    by Valerio Daloiso · 22 marzo 2014 Sparate sul pianista….e sulla credibilità del “gioco” messo in scena… Tom Selznick (Elijah Wood) è un giovane pianista d... Leggere il seguito

    Da  Drkino
    CINEMA, CULTURA
  • Il trono di spade

    trono spade

    Quarta stagione e nuovi tagli al cast, non per il budget ma per prematura scomparsa. Titolo: Il trono di spade: stagione 4 Cast: Peter Dinklage, Nikolaj... Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA