Magazine Cinema

Il profeta

Creato il 18 marzo 2010 da Veripaccheri
IL PROFETA Il PROFETA
regia di Jacques Audiard
recensione di Nickoftime del 12-6-2009

La scelta di ambientare una storia all’interno del carcere dove il protagonista (Malik) viene rinchiuso, è di per sé significativa ed individua una nuova tendenza del cinema francese, che già l’anno scorso si era imposto all’attenzione del pubblico con un film (La classe) obbligato all’interno di uno spazio circoscritto. Strutture materiali e della mente che obbligano le persone a confrontarsi con le proprie paure attraverso un percorso in cui la riprogrammazione dell’individuo, attuata con i metodi coercitivi della convivenza coatta e della separazione dal mondo esterno, diventa la possibilità di una riscoperta quotidiana, ottenuta con decisioni dolorose (Malik è costretto ad uccidere per salvarsi la vita e diventa il promotore di un escalation di terribile violenza) ed inevitabilmente destinata a ribaltare le posizioni di partenza.
Senza rinunciare alle regole del cinema di genere, enfatizzate dalla presenza di un avversario tanto forte quanto mefistofelico (il boss corso Cesar Luciani), vero e proprio Imperatore circondato da una corte di accoliti, e monopolizzate dallo scontro di due personalità opposte ma unite dal bisogno di sopravvivere all’evidenza dei fatti (per Malik un esistenza segnata dalle proprie origini, per Luciani la consapevolezza di un ergastolo improrogabile), Audiard realizza un microcosmo che riproduce su scala ridotta le problematiche di un paese alle prese con i fantasmi di un integrazione realizzata solo a parole e costretta a confrontarsi con la rabbia di chi viene emarginato.
Una dimensione parallela e dimenticata che il giovane magrebino porta a galla in maniera paradigmatica nel corso della storia, con l’alienazione delle fasi iniziali, in cui la chiusura è logica reazione alla novità del paesaggio, e poi nel conformismo dei momenti successivi, quello dell’apprendistato mascherato dal più vile servilismo e caratterizzato da un gioco di specchi in cui Malik sperimenta sugli altri le forme del potere che ha subito, per arrivare ad una presa di coscienza che definisce l’individuo e lo propone sulla ribalta con le proprie aspirazioni.
Audiard spazza via la società cosiddetta “civile”(nel film la lingua francese è sinonimo di minoranza) per scoperchiare i gangli di un malessere che è connaturato ad un modello di vita darwinista e verso il quale non è possibile proporre ricette (la ratio del film è il frutto di una nevrosi che diventa quasi patologica quando il protagonista accetta i suggerimenti dal fantasma dell’uomo che ha ammazzato o individua nella realtà i segni premonitori dei suoi incubi notturni) o soluzioni.
Un materiale in continuo divenire che Audiard riesce a fissare attraverso un linguaggio ridotto all’essenziale, con restringimenti di campo e piccoli sussulti della telecamera che individuano lo stato d’animo di un personaggio, e con dettagli come la scelta di un vestito od il taglio di capelli che danno il senso di un avvenuto cambiamento. Eccellente nella direzione degli attori il regista ci regala due figure che entrano nella testa dalla porta principale e ci rimangono grazie ad una recitazione che privilegia l’impatto emotivo alla fascinazione dell’aspetto, dando vita ad una sfida senza esclusione di colpi che ricorda quella tra Davide e Golia, a patto di sostituire il mito con un overdose di realtà.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Analisi semi-seria del “Profeta” di Audiard

    Analisi semi-seria “Profeta” Audiard

    Avvertenza: contiene spoiler, anche se è un film in seconda visione. Non scassate la mazza poi. Se è vero che Scarface ha influenzato una generazione di... Leggere il seguito

    Da  Paperoga
    CINEMA, CULTURA, SOCIETÀ
  • “Il Messaggio”

    Messaggio”

    1976: The Message (Al Rasala) di Moustafa Akkad Sicuramente il più grande kolossal libico di tutti i tempi: l’ambizione è di raccontare la storia della religion... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Il bidone

    bidone

    Agosto è un mese meraviglioso per il cinema in tv. Ti può capitare di svegliarti, fare colazione vedendo un film dimenticato. Il regalo stamane me lo ha fatto... Leggere il seguito

    Da  Filmdifio
    CINEMA, CULTURA
  • Il lercio

    lercio

    La cupidigia è un fattore ereditario. Roberto Rossi, nato in una famiglia di avari senza cuore, vive fin da piccolo la sua esistenza con l’unico interesse di... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • “Il rifugio”

    rifugio”

    2009: Le refuge di Francois Ozon Più amato in patria che all’estero, il regista è noto per la sua poliedricità e per dividere i critici. Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Il profeta

    profeta

    Jacques Audiard dimostra di essere uno degli autori più interessanti di questi anni, i cui film andrebbero recuperati e rivisti per apprezzarne lo stile e la... Leggere il seguito

    Da  Sostiene Pereira...
    CINEMA, CULTURA
  • Il bracconaggio

    bracconaggio

    Carissimi, quest'oggi ho ricevuto un interessante commento da una delle mie più assidue lettrici, ve lo riporto per chiarezza, così che possiate capire come... Leggere il seguito

    Da  Mauser
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA