Magazine Politica

IL PUZZLE-POST DELLA DOMENICA. Silvereide Atto 1

Creato il 10 aprile 2011 da Massimoconsorti @massimoconsorti
IL PUZZLE-POST DELLA DOMENICA. Silvereide Atto 1 Se non fosse perché il dittatore siriano Assad (colto da sindrome Gheddafi-Ben Alì-Mubarak) ha fatto sparare alla gente che partecipava ad un funerale, per la serie piove-sempre-sul-bagnato, la giornata di ieri passerà alla storia come il dies-irae di Berlusconi, una vera e propria Silvereide durante la quale il capataz ha fatto e detto di tutto sovvertendo, come sempre, la realtà per gettarsi a capofitto nell’ennesima fiction sguaiata del suo essere “guaglione” e un po’ “mariuolo”. Guerra all’Europa “Se deve continuare così – ha detto Silvio – se questi continuano a non considerarci e a non invitarci alle videoconferenze con il mio amico Barack, meglio dividerci. O la Francia e la Germania collaborano o noi ce ne andiamo stracciando tutti i trattati e tornando alla nostra moneta, il 'Silvio' che avrà un valore pari a quello del Rublo”. Preoccupati del fatto che una delle nazioni fondatrici della UE possa abbandonare Strasburgo, Cameron, Sarkozy e la Merkel si sono sentiti in videoconferenza e hanno deciso che se Silvio non la smette di rompere i cabasisi, fuori dall’Europa lo cacceranno loro. Impossibilitato dal delirio senile che lo sta travolgendo a guardare il mondo fuori, Berlusconi continua a trascorrere la sua esistenza alternando momenti di lucidità ludica a depressioni devastanti alle quali i suoi stipendiati provano a mettere un freno senza però riuscirci. LampedusaConvinto da Ghedini a comprare Villa Due Palme per non fare una figura di merda, Silvio è volato a Lampedusa atterrando proprio a cento metri dalla sua prossima residenza. Sicuramente una posizione comoda visto che gli aerei di Stato potranno portare lui ed i suoi concubini quasi in giardino. Ai lampedusani ha promesso di tutto: spot turistico-televisivi, sgravi fiscali, la benzina a metà prezzo, il premio Nobel per la pace, due campi da golf, una piscina olimpionica, le finali di miss bunga bunga con tanto di assaggio finale alla popolazione maschile, l’erba sintetica dove ora c’è solo una pietraia, un sofisticatissimo sistema antimissile, dieci concerti all’anno di Mariano Apicella, la fase finale di “Amici”, le selezioni di “Uomini e Donne”, venti puntate di “Passaparola”, l’abbonamento gratuito a Mediaset Premium con parabole e decoder forniti a spese dello Stato dal fratello Paolo, un buono acquisto trasformato in assegno sociale a spese dell’Inps a Media Shopping e, dulcis in fundo, la sua benedizione urbi et orbi ogni domenica a mezzogiorno in punto collegato telefonicamente da Arcore. Accolto da 37 persone ululanti, figuranti pagati da Endemol, nel momento in cui Silvio ha iniziato a delirare, un barcone con 200 profughi a bordo è sbarcato sulla spiaggia dell’isola. Pronti panini con la porchetta e una bottiglietta di acqua minerale, avanzi delle truppe cammellate di rincoglioniti che presidiano il tribunale di Milano.Il giudice MesianoRicordate il pacifico magistrato che quando esce di casa si siede sulla panchina e legge il giornale? È il giudice Raimondo Mesiano, quello che ha stabilito che Fininvest dovrà versare alla Cir di De Benedetti 750 milioni di euro per il mancato profitto nell’acquisizione di Mondadori. Forse qualcuno ricorderà il modo in cui Berlusconi entrò in possesso della casa editrice di Segrate corrompendo i giudici del “lodo”, ebbene, oggi Silvio parla di “rapina a mano armata” del povero Mesiano nei suoi confronti quando l’unica rapina l’ha compiuta lui, attraverso Cesare Previti, a Carlo De Benedetti. Al giudice dai calzini turchesi ha lanciato una minaccia in puro stile mafioso: “So di lui cose che voi umani non potete neppure immaginare”. Evidentemente Mesiano indossa slip arancioni e una maglietta della salute verde, colori che, accoppiati, notoriamente sbattono.RubySaputo che la sua giovane protetta è stata cacciata dall’”Hollywood”, la nota discoteca trendy milanese, Silvio ha incaricato la Guardia di Finanza di fare un accertamento sulla contabilità del locale. L’ordine è stato perentorio: “Anche se hanno tutte le carte in regola chiudetelo”. I proprietari dell’”Hollywood” sono seriamente preoccupati e hanno offerto a Ruby una serata da testimonial in cambio di 33 diamanti.L’AquilaLo avevamo detto. Il processo breve, che entrerà in vigore solo per salvare “culo flaccido”, avrà conseguenze devastanti per centinaia di famiglie e per le vittime di reati. La gente dell’Aquila ne avrà qualcuna in più tanto che ha deciso di inviare una lettera ai politici nella quale, tra l’altro, scrive: “Questa norma priverà della giustizia sia i morti che i vivi. Per noi sarà un nuovo lutto: chiediamo a tutti i parlamentari di riflettere, prima di votare una legge indecente”.Appello al presidente della RepubblicaCaro Presidente, se ci sei batti un colpo di putipù, non è peccato!

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog