Magazine Società

Il ritardo sulla Banda Larga: una questione nazionale

Creato il 07 aprile 2010 da Pinobruno

Italia in ritardo. In ritardo anche sulla densita’ dei collegamenti a banda larga. Per una volta non si tratta dell’effetto combinato di un ritardo delle regioni meridionali e di un allineamento con i valori di altre regioni europee (o di primati continentali) di quelle settentrionali. No. Il ritardo e’ generalizzato. Le regioni meglio piazzate nella graduatoria delle regioni europee sono, a pari merito, Emilia-Romagna e Lazio, dove 38 famiglie su 100 hanno accesso alla banda larga. La peggio piazzata il Molise (18 collegamenti ogni 100 famiglie), appena preceduta dalla Calabria (19 ogni 100).

Per una volta il ritardo italiano accomuna regioni del Sud e regioni del Nord. Singolare la non correlazione fra diffusione della banda larga ed il P.I.L. per abitante: in Lombardia ad esempio, fra le regioni del drappello di testa della graduatoria delle regioni europee per P.I.L. per abitante, hanno accesso alla banda larga solo 36 nuclei familiari su 100, condizione che su questo punto la allinea a regioni europee molto piu’ povere come le spagnole Castilla La Mancha e Region de Murcia.

Il ritardo sulla Banda Larga: una questione nazionale

Regioni a basso reddito come alcune regioni polacche fanno meglio della Lombardia. Anche Lazio ed Emilia Romagna, prime della classe fra le italiane, sono in ritardo rispetto a molte regioni di Paesi dell’Europa Centro-Orientale. Peggiore del valore medio delle regioni italiane e’ solo quello delle regioni greche, bulgare e romene. Se le prospettive di sviluppo economico-sociale si misurano anche sulla base della dotazione di infrastrutture come questa il segnale d’allarme e’ evidente e la necessita’ di investimenti in questo campo un’emergenza. Per una volta non solo ’meridionale’, ma davvero ’nazionale’.

La tabella con i dati sull’incidenza dei collegamenti a banda larga nelle regioni UE si trova a http://www.alessandronapoli.eu/page.php?42.7. I dati sono di fonte Eurostat e si riferiscono al 2008.

(Alessandro Napoli, collaboratore di questo blog, è un economista, esperto di Est Europa).


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il tacon e il buco

    tacon buco

    Il sempre lucido Zucconi dà corpo scritto alle quelle che sono anche le mie personali opinioni.Il tacon e il buco: "Temo che il vero, micidiale difetto di quest... Leggere il seguito

    Da  Scalposcarno
    MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ
  • Il Cesarone

    Cesarone

    Saranno pure quattro pensionati sfigati come li chiama Cesare, però, a sentire le intercettazioni (beate intercettazioni) i contatti erano frequenti, soprattutt... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    SOCIETÀ
  • Il riconteggio per il Piemonte

    Il TAR da parzialmente ragione al ricorso contro l'elezione del leghista Cota."Slitta invece al 18 novembre la discussione del ricorso più controverso, quello... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il caffè

    caffè

    Al bar si fa presto ad ordinare "Un caffè!", ma ci sono tanti modi di berlo in Italia! Li conoscete tutti?In a bar is easy to order "Un caffè!", but there are... Leggere il seguito

    Da  Scuolasara
    SOCIETÀ
  • Il moralista

    moralista

    Pippo e Carlo si dimenticano di essere in Italia e chiedono le dimissioni di Formigoni, che faceva pressioni su chi poteva fare pressioni sui giudici, per... Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Notte criminale: quelli della Magliana e gli affari della banda mai interrotti

    Notte criminale: quelli della Magliana affari banda interrotti

    Il blog Notte criminale pubblica un reportage datato 10 dicembre 2007 pubblicato dall’Unità: È una storia degli anni Settanta. Un gruppo di ragazzi che teneva i... Leggere il seguito

    Da  Antonellabeccaria
    SOCIETÀ
  • Il ritardato

    Bello il discorso di Fini eh. Solo che, dice Casini, lui quelle cose le aveva dette due anni fa. Solo che, dice Di Pietro, lui quelle cose le aveva dette due... Leggere il seguito

    Da  Demopazzia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ

Magazine