Magazine Salute e Benessere

Il rituale

Creato il 20 luglio 2013 da 19stefano55

Dopo quasi 20 mesi che non lavoro (inteso come retribuito socialmente) anche se gli ultimi saldi li ho avuti a dicembre e quindi con i soliti 12 mesi di ritardo (con la causa indiretta della lentezza della P.A.) e con i pagamenti Irpef, Inps come se avessi lavorato anche quest’anno, mi sono ormai abituato a diversi ragionamenti e abitudini.
Penso a fare lavoretti domestici (giardino e manovalanza di casa) e valorizzare le cose con maggior impiego, magari adottando una maggior lentezza (che mi posso concedere) come usando la bici, i piedi o la vecchia Pandina di 22 anni.
Ma ciò ha determinato anche una certa riottosità a lavori inutili anche se sono pagati e li ho fatti per tanti anni.

Da 2 anni non faccio più parte della rappresentanza (commissioni, tavoli, gruppi di lavoro, ecc..) che spesso gratuiti o con modesti gettoni (25-30€ lordi) segnavano il mio modesto impiego intelligente. Mi hanno, recentemente, invitato ad un incontro semi-pubblico sul nuovo Fondo Sociale Europeo (FSE) per presentare le nuove linee guida 2014-2020, la voglia di concertare da parte della Regione. Che dire , ringraziare ancora chi si ricorda di me, verificare cosa dovevo tralasciare a casa, spendere 5€ di gasolio, vestirsi un po’ meglio e andare.

Incontro previsto ore 9, iniziato ore 10, parlato Assessore, dirigente reg.le, funzionario della società terza che ha vinto (son parecchi anni) il bando di gara per la valutazione ex ante, comunicazione, grafica e altro.

Alle 12 non ne potevo più, pensavo a casa, ai pomidori che maturavano, al sole e ai vasi da spostare, alla spesa con le offerte (indispensabili per mangiare qualche prodotto delle cosiddette marche, non la Regione!)

I temi trattati:

  • inclusione sociale
  • creazione d’impresa
  • donne, giovani
  • occupazione

Tanti soldi europei, come spenderli, a chi andranno, come rendicontarli. Voi direte ma allora che ti lamenti?

La platea fatta da funzionari pubblici, enti, sindacati, associazioni, ognuno , grazie a Dio, pagati a fine mese , pertanto dentro un contesto noto con le solite lamentele e promesse.

Ma per avere quei soldi (le nostre tasse) ci sono :progettisti, ragionieri, corrispondenti in lingue estere, lobbisti, presidenti, borsisti. Tutti a scrivere le cose più mirabilanti, a fare poi modifiche, a decurtare le spese,ecc..

Se ho un’idea per creare un piccolo lavoro , con qualche attrezzatura da comprare, un esperto per orientarmi…non c’è una lira. Vorrei fare il falegname….lo faceva anche Giuseppe (extra-UE!)

jesus1

 



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog