Magazine Cinema

Il segreto dei suoi occhi

Creato il 24 giugno 2010 da Filmdifio
Il segreto dei suoi occhi
"Il tipo può cambiare di tutto, di faccia, di casa, di famiglia, fidanzata, di religione, di Dio, pero c'è una cosa che non può cambiare Benjamin..., non può cambiare di passione."

Un bel film noir come non ne vedevo da tempo. Tipo "La ragazza del lago" o "L.A. Confidential" o i film di Chabrol. Ma la location è totalmente diversa. Non il freddo nord Italia, non la borghesia della provincia francese, meno che mai la Hollywood scandalosa degli anni'50. Siamo in Argentina e nonostante non vi siano folcloristici richiami, se ne sente lo spirito e l'anima. Protagonista di questo noir che però dice molto anche dell'epoca in cui è ambientato (inizia negli anni '70 quando l'Argentina vive il golpe militare, fino ai giorni nostri) è Benjamin Esposito (il bravo e, diciamolo, affascinante Ricardo Darìn) , un funzionario del tribunale ormai in pensione, che decide di scrivere un romanzo su un caso di omicidio con stupro di una ragazza, che gli ha cambiato, inevitabilmente, la vita. Il libro è solo i pretesto per il regista e per il protagonista per ricordare il drammatico evento e per fare il bilancio di una vita non vissuta totalmente, sommersa di rimpianti e paure. Inutile dire di più della trama che è giusto che venga assaporata "live" dallo spettatore. Bella messa in scena, ottimo montaggio, forse un po' troppe inquadrature "inquadrate" e "oblique " che invece di portare al plauso per la tecnica usata dal regista, sembrano artificialmente richiamare il "quanto sono bravo". Eccezionali gli attori. Meravigliosa Soledad Villamil, una sorta di Anna Galiena argentina, soprendente Guillermo Francella, noto in patria come comico.Premio Oscar come miglior film straniero nel 2010

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il regno di Ga'Hoole

    regno Ga'Hoole

    Prendete 300. Fatto? Sostituite a piacere barbagianni, civette e gufi a spartani, persiani e greci vari. Fatto? Girate dieci minuti di scene ed estendetele a... Leggere il seguito

    Da  Jackragosa
    ANIMAZIONE, CINEMA, CULTURA
  • “Water – Il coraggio d’amare”

    “Water coraggio d’amare”

    2005: Water di Deepa Mehta Candidato all’Oscar 2007 come miglior film straniero, vincitore del Toronto International Film Festival, patrocinato da Amnesty... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Il rifugio

    rifugio

    Anche Il rifugio conferma, nel bene e nel male, la cifra cinematografica degli ultimi film di Ozon, soprattutto se si pensa a Ricky (2009) e 8 donne e un mister... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • “Il dubbio” (1961)

    dubbio” (1961)

    1961: The Naked Edge di Michael Anderson Uno dei più riusciti «gialli» degli anni 60, impreziosito dalla presenza di due massime star. Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Il senso di Draquila

    Ieri con un blitz a Marcianise sono andata a vedere Draquila, perchè, considerando che ormai è uscito da 2 settimane, mi è venuto in mente che forse non... Leggere il seguito

    Da  Faith
    CINEMA, CULTURA, SOCIETÀ
  • Il «poliziottesco» anni 70

    «poliziottesco» anni

    In tempi di crisi, il revival è sempre più in auge. Dal 25 Giugno al 5 Settembre 2010 al Museo di Roma in Trastevere la mostra “Cinema di Piombo. Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • “Il rifugio”

    rifugio”

    2009: Le refuge di Francois Ozon Più amato in patria che all’estero, il regista è noto per la sua poliedricità e per dividere i critici. Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA

Magazines