Magazine Cultura

Il silenzio degli alberi, Eduard Marquez, Keller

Creato il 19 gennaio 2012 da Atlantidelibri
Flag Yugoslavia

Image by erjkprunczyk via Flickr

Pensare al massacro che si è consumato a poche centinaia di chilometri da qui, nella ex Yugoslavia degli anni Novanta, fa venire i brividi. Nelle nostre case guardavamo le immagini dei tg, mentre dall’altra parte dell’Adriatico si moriva con la sola “colpa” di appartenere ad una etnia anziché all’altra. Sarà per questa antica “colpa” che trovo notevoli molti dei libri che fanno rivivere quei giorni?
E’ora il turno de Il silenzio degli alberi, in cui il luogo è solo percepito anziché denunciato. Un libro essenziale quanto toccante, sulla miseria umana e sulla capacità e la necessità di resistervi con la parola, con l’arte. Un ottimo libro che ci fa toccare con mano le sofferenze ma anche la possibilità di trovare rifugio nella musica, nei libri, per costruire un diverso modo di vivere.

Il silenzio degli alberi, Eduard Marquez, Keller

In guerra tutti i giorni sono uguali. Nelle cantine, al buio, e nei palazzi, il tempo sembra fermarsi, scandito solo dai colpi delle granate e dai racconti di musica e di vita di Ernest Bolsi, un liutaio capace di riaccendere luce e speranza tra le stanze vuote del vecchio Museo della musica. Nella città assediata giunge anche il noto musicista Andreas Hymer, per tenere un concerto e ritrovare Amela Jensen, amore sospeso a causa dell’egoismo e della paura, ma mai dimenticato. Il viaggio e il concerto diventano per lui un tuffo nel passato, l’occasione per confrontarsi con la vita della madre, sparita misteriosamente quando era ancora un bambino, e per affrontare le conseguenze delle proprie scelte. Al ritmo di una partitura preziosa quanto la vita, ne “Il silenzio degli alberi” si alternano il suono delle lettere di chi è rimasto a lottare e si aggrappa a ogni cosa per sopravvivere e il silenzio del passato di quattro destini uniti dalla musica e dall’amore.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • L'addio alla mente di Marquez

    L'addio alla mente Marquez

    La notizia è di quelle che farà sobbalzare ogni lettore: Gabriel Garcia Marquez ha l'Alzheimer e già non riconosce più nessuno. Leggere il seguito

    Da  Marcodallavalle
    CULTURA, LIBRI
  • Lo scrittore nel labirinto di ogni giorno: intervista a Gabriel Garcia Marquez

    scrittore labirinto ogni giorno: intervista Gabriel Garcia Marquez

    L’intervista non è mia, bensì di un giornalista cocciuto che per quattro anni ha perseguito questo obiettivo quasi impossibile, senza mai arrendersi. Si può... Leggere il seguito

    Da  Tiziana Zita
    CULTURA
  • Il Buono il Matto il Cattivo

    Buono Matto Cattivo

    "Il Buono il Matto il Cattivo" è un action movie orientale in piena regola che fa del citazionismo la sua anima. Kim Jee-woon si è cimentato nella... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Il buono il matto il cattivo

    Kim Jee-woonSe qualcuno ancora non credesse che il cinema d'azione del Far East non ha proprio niente da invidiare a Hollywood, anzi semmai è il contrario, gli... Leggere il seguito

    Da  Giorgioplacereani
    CINEMA, CULTURA
  • Il buono il matto il cattivo

    buono matto cattivo

    Regia: Jee Woon KimOrigine: Corea del SudAnno: 2008Durata: 139' La trama (con parole mie): dietro l'assalto ad un treno che pare proprio una comune rapina si... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Il nuovo

    nuovo

    Come ogni 31 dicembre, penso all’anno nuovo e a come sarà. La novità è che per la prima volta in vita mia non lo vedo come una prosecuzione di quello vecchio. Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il monaco

    monaco

    Questa storia vede come protagonista un monaco Ambrosiosoprannominato il "Santo" orgoglioso della sua rettitudine e critico degli altrui difetti, viene insidiat... Leggere il seguito

    Da  Chiara Briccone
    LIBRI