Magazine Cinema

Il simbolismo dello specchio in Shining

Creato il 29 gennaio 2014 da Elgraeco @HellGraeco

1-The-Shining

Sì, ieri sera hanno ritrasmesso Shining.

E quindi l’ho rivisto.

È come guardarlo da sempre, come fossi Jack Torrance nella foto del Gran Ballo del 4 Luglio. Sono lì da sempre, a guardarlo. Ogni volta che passa in TV.

Insomma, Shining si deve guardare. Impossibile farne a meno. Ogni volta si colgono dettagli diversi e inquietanti. Ieri ne ho scorti alcuni, e così ne ho approfittato per mettere insieme un’analisi del simbolismo dello specchio, che Kubrick utilizza ripetutamente per sottolineare, più che le didascalie che segnano il trascorrere del tempo, i momenti in cui nel film avviene una variazione sostanziale.

Ma non solo, qualche tempo fa guardai un video su youtube, del quale non vi posso fornire il link perché nel frattempo è stato rimosso: era un esame approfondito delle gemelline fantasma, e traeva conclusioni interessanti.

Ho tentato di ricordare e cogliere gli stessi elementi e devo ammettere che la teoria regge. Qual è questa teoria? Che le gemelle dell’Overlook Hotel non siano le figlie di Delbert Grady, il precedente custode che ha ucciso moglie e figlie, appunto, ma… qualcos’altro.

Vediamo un po’:

Piccola premessa: queste teorie appaiono plausibili se e solo se si ammette un presupposto, che Kubrick avesse il pieno controllo su ciò che stava inquadrando. In sostanza, se e solo se si ritiene ogni dettaglio presente in ciascuna inquadratura del film come intenzionale.
Ammettendo questo, allora il messaggio assume corpo e sostanza.

Lo Specchio

Lo specchio riflette la realtà, la duplica. Si collega direttamente al mito del doppio, o doppelganger. È considerato porta verso una dimensione parallela, identica, ma opposta. Ciò che è nello specchio è malvagio. Oppure è la nostra anima (tant’è che i vampiri, quelli veri, non riflettono la propria immagine, ché mancano di anima); insomma una creatura altra, dotata di poteri anomali.

Danny ci viene presentato con una strana sequenza, che lo mostra in bagno, in piedi su uno sgabello, mentre dialoga con se stesso usando una doppia voce, quella di Tony: un disturbo da personalità multipla da manuale.

Subito dopo lo vediamo riflesso nello specchio. Il vero Danny è di spalle, noi vediamo il volto di Tony, il suo alter, che si esprime con voce chioccia e attraverso il movimento del dito indice.

shining1

Dal suo doppio, nello specchio, Danny vede la verità sull’Overlook: la cascata di sangue dagli ascensori.

È il primo stacco.

***

shining2

Adesso siamo nell’Overlook Hotel, Danny gioca a freccette, si sente osservato, si volta: le gemelle sono sulla porta, a fissarlo. Sopra di loro, c’è un’insegna luminosa, con la scritta EXIT, uscita.

I gemelli sono, al di là del semplice specchio, incarnazione fisica del doppio. Inoltre, le due, prima di andare via mano nella mano, si voltano a guardarsi l’un l’altra, come fa Danny nello specchio.

Alle gemelle ci torniamo tra poco.

***

Mentre Danny ha il suo primo incontro, Jack aspetta Mr Ullman nella hall dell’Overlook, per effettuare poi con lui un giro dell’albergo.

A noi interessano le coppie di donne che, di volta in volta, incrociano il cammino del gruppo. Jack è presente ogni volta, sempre intento a guardarle. Proprio come Danny quando guarda le gemelle.

Sono quattro coppie, a stretta distanza. Donne diverse, di altezza diversa. Come diverse sono le gemelle, ricordiamo infatti che vennero scritturate due sorelle di otto e dieci anni rispettivamente.

La prima coppia, Jack è sulla destra, seduto in poltrona, fuori inquadratura. La sua presenza verrà rivelata di lì a poco.

La prima coppia, Jack è sulla destra, seduto in poltrona, fuori inquadratura. La sua presenza verrà rivelata di lì a poco.

shining18

Anche qui è presente l’insegna con la scritta EXIT

shining5
shining4

Tra l’altro, due coppie abbandonano l’albergo, ma le altre due rientrano. Cosa strana, se si considera il fatto che l’Overlook è in fase di chiusura. Come sempre, c’è un bilanciamento perfetto. Se si pensa agli incontri di Danny con le gemelle, il fatto che Jack sia sempre, sistematicamente rivolto verso queste coppie, diventa inquietante.

***

shining6

Lo specchio stavolta è all’inizio del secondo stacco. In esso si riflette Jack, che dorme. Al suo fianco compare Wendy, che porta la colazione al marito. Solo che quello non è il marito, ma il riflesso di Jack. Il suo doppio. Può essere considerato anche questo simbolo, come Danny nella prima inquadratura, della doppia personalità di Jack, che prende il sopravvento sull’uomo mite incontrato fino a quel momento.

Di fatti, è dopo questa scena che Jack comincia a mostrare segni di squilibrio, fissando il plastico del labirinto e immaginando (o forse vedendo davvero), esattamente come fa Danny (ciò indicherebbe che anche Jack condivide col figlio lo Shining, la Luccicanza), il figlio e la moglie che passeggiano al centro di esso.

***

shining9

Danny e le gemelle, nella sequenza simbolo di Shining, oltre quella della cascata di sangue.

Interessante notare che il piano in cui Danny le incontra è lo stesso dove è ubicata la stanza occupata dai Torrance, come dimostra la carta da parati identica, alle spalle di Wendy.

shining8

Altro dettaglio inquietante, le gemelle compaiono ancora una volta sotto l’insegna EXIT (come Wendy, nell’inquadratura qui sopra). Cosa che può indicare l’uscita di sicurezza, ma anche la vera e propria FINE. Un presagio di morte, insomma.

shining10

E infatti, di lì a poco, le gemelle (che sono la rappresentazione dello specchio), esattamente come ha fatto Tony con Danny, mostrano qualcosa: se stesse coperte di sangue, morte, in quello stesso corridoio.

Ed ecco il dubbio, circa la natura delle gemelle, che tutti considerano le figlie massacrate da Delbert Grady.

Le gemelle, in realtà, potrebbero essere solo e soltanto un messaggio di Tony (cioè della doppia personalità di Danny) che vuole rappresentare con la loro morte, la futura (probabile) morte di Danny e di Wendy. Danny e Wendy che si tengono per mano, nel labirinto di siepi, proprio come si tengono per mano le gemelle.

Persino l’ascia che giace davanti ai corpi martoriati è identica a quella che userà Jack verso la fine del film. Anzi, sembra essere proprio la stessa ascia.

Anche Wendy ha il suo incontro con le gemelle. Non sono la coppia di fantasmi, ma due gemellini in una foto d’epoca, nel locale caldaie.

shining17

***

shining12

Ancora lo specchio a rafforzare l’idea del doppio e della scissione della personalità:

Danny al centro tra Jack e il riflesso di quest’ultimo. È il riflesso che tenterà di uccidere Danny. Qui il vecchio Jack assicura di amare Danny e Wendy.

***

La donna nella vasca della stanza 237.

A parte la visione sepolcrale che ella genera fin da subito, Jack, che a questo punto supponiamo impiegare la luccicanza, scopre la verità sulla donna, ovvero il suo aspetto reale, proprio nello specchio della stanza, che ne rivela la natura di cadavere.

Ancora una volta, la verità viene rivelata tramite il suo riflesso.

***

shining15

Di nuovo lo specchio, a segnare l’ultima svolta brutale. Danny anticipa, usando la voce di Tony, la furia omicida di Jack scrivendo la parola “redrum” sulla porta del bagno. Wendy, svegliata di soprassalto da Danny che pronuncia la stessa parola in continuazione, legge la verità, ossia “murder”, omicidio, attraverso lo specchio.

Link utili:
Dietro le quinte di Shining


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Dietro le quinte di Shining

    Dietro quinte Shining

    Nei giorni scorsi hanno trasmesso Shining in TV. E come sempre non ho potuto fare a meno di guardarlo. Tra l’altro, ora che viene trasmesso in 16:9, la potenza... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • Il padrino

    padrino

    (The Godfather) Regia di Francis Ford Coppola con Marlon Brando (don Vito Corleone), Al Pacino (Michael Corleone), James Caan (Santino Corleone), Robert Duvall... Leggere il seguito

    Da  Nehovistecose
    CINEMA, CULTURA
  • Shining di Stephen King vs Shining di Stanley Kubrick

    Shining Stephen King Stanley Kubrick

    Dopo aver letto Guerra e Pace non c’è niente di meglio che cambiare totalmente genere e periodo e, per non rischiare di rimanere straniti dopo cotanta bravura,... Leggere il seguito

    Da  Linda Ferrando
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Il dormiglione

    dormiglione

    (Sleeper) Regia di Woody Allen con Woody Allen (Miles Monroe), Diane Keaton (Luna Schlosser), John Beck (Erno Windt), Mary Gregory (Dottoressa Melik), Don Keefe... Leggere il seguito

    Da  Nehovistecose
    CINEMA, CULTURA
  • Il pretore

    pretore

    Tutto girato e ambientato nei luoghi cari allo scrittore, tra Luino e il varesotto, il film è una riflessione amara e divertita su come il potere e la sua... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Il Conformista

    Conformista

    Spesso si sceglie di descrivere il regime fascista come un'ombra che ha avvolto e sottomesso l'Italia per decenni, limitandosi a racchiudere in questa metafora... Leggere il seguito

    Da  Mattia Allegrucci
    CINEMA, CULTURA
  • Il Poeta, il Pittore ed il Fotografo

    Poeta, Pittore Fotografo

    Francesco Paolo Michetti e il MuMi a FrancavillaNel Museo Michetti di Francavilla il respiro si allarga. Negli spazi ampi, rivestiti di pietra bianca, le opere... Leggere il seguito

    Da  Artenellavita
    ARTE, CULTURA