Magazine Cultura

Il sogno della disoccupazione

Creato il 08 marzo 2012 da Carlo_lock
Confessioni anarchiche di marzo.
Confesso che l'argomento di questo post è in controtedenza al clima psicologico di questi ultimi tempi ed anche un po' irriverente utilizzare la parola "sogno".
Spesso la disoccupazione fa rima con disperazione non c'entra niente col sogno. Siamo tutti individui adulti, dobbiamo mantenerci, mantenere una famiglia, però ecco quello che possiamo fare da disoccupati.
Possiamo affacciarci e guardare le stelle, contarle fino allo sfinimento; prendere un appuntamento da un medico, un dentista senza limiti, qualunque giorno va bene; possiamo governare e curare la nostra casa, fare da mangiare come cuochi; possiamo andare al cinema di pomeriggio, quando costa meno; possiamo andare in giro senza una meta e correre dietro alle sottane delle donne, se si profila un'occasione non dobbiamo rinunciarvi, possiamo dilatare il tempo, nessuno ci aspetta, non abbiamo nessun obbligo; se ci va possiamo anche vivere di notte, cancellare la mattina, che è così triste, fredda; in alternativa possiamo anche alzarci prestissimo la mattina, fare jogging; possiamo dedicarci ai nostri figli, fargli fare i compiti, andare a prenderli a scuola; possiamo occuparci anche dello stato dell'automobile, lavarla a mano; possiamo chiuderci giornate in biblioteca o nei supermercati ed infine...ogni tanto per non sentire il senso di colpa verso i nostri simile cercare lavoro.
....Fin quando il sogno s'interromperà. S'interromperà. I soldi finiscono e comincerà l' Inferno (o la vita, se preferite). Ma bene o male qualcosa di straordinario abbiamo vissuto e non potremo mai raccontare la nostra soddisfazione, perché il copione dell' inferno ci vuole preoccupati e depressi. Ma nell'atroce sofferenza, il nostro habitat della vita nella quale siamo scagliati, ci siamo comunque persi nella nuvola rosea di un sogno. Poi i doveri chiamano, puntano la pistola e minacciano. La scelta è poi quella se farsi uccidere o sopravvivere.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il cuore

    E’ il sole che ci scalda quello che non tramonta mai perchè  sappiamo tornerà a risorgere che ci tiene vivi… E’  l’acqua  che ci nutre quella che riteniamo un... Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il cielo

    Time Lapse - il cielo from Nicola Rogna on Vimeo.Ecco un altro splendido video in tecnica time lapse, tutto made in Italy. Lefoto e il montaggio sono di Nicola... Leggere il seguito

    Da  Cavaliereoscurodelweb
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il buio oltre il lupanare

    buio oltre lupanare

    Anna Lombroso per il SimplicissimusSi, ha ragione il Simplicissimus, le escort altro non sono che il sipario, anzi il lenzuolo, che ci sta meglio, dietro al... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il collezionista

    collezionista

    *Ho qualche soldo messo da parte. Una vita di lavoro. In fondo, ho fatto tanti sacrifici, soprattutto per gli amici (degli amici). I soldi, insomma, me lo sono... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il poeta

    poeta

    [Unknown, Man Ray agendas and related materials, ca. 1926. The Getty Research Institute, Los Angeles.]Si bùccina che viva dando ad altrila procura, la delega o... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il progresso

    progresso

    "Non si persegue il progresso per costruire belle fabbriche ma per fare belle persone. A che serve il progresso se fa poveri, schiavi, morti? Il capitalismo... Leggere il seguito

    Da  Cavaliereoscurodelweb
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il becolino

    becolino

    Giorgio Caproni, Il seme del piangere, 1952-1958 in Tutte le poesie, Garzanti, Milano 1999 Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ

Magazines