Magazine Cinema

Il Solista

Creato il 03 ottobre 2013 da Mattia Allegrucci @Mattia_Alle
Il SolistaAmante della narrazione teatrale quasi per obbligo visti i suoi natali anglosassoni, l'autore Joe Wright firma la regia di una pellicola ispirata a fatti realmente accaduti a Los Angeles, la città degli angeli citata più e più volte dal co-protagonista Jamie Foxx, il quale impersona Nathaniel Ayers Jr., senzatetto con un grande talento musicale ma dalla mente un po' disturbata. A scoprire la sua storia è il colonnista Steve Lopez, interpretato da Robert Downey Jr., che decide di trasformare Nathaniel in una notizia importante e in un simbolo per il problema degli homeless nella città californiana. Fortuna che nella realtà Steve Lopez ha avuto una capacità di scrittura migliore di quella della sceneggiatrice Susannah Grant, riuscendo a smuovere le coscienze di molte persone benestanti nella città degli angeli, perché lo script del film cerca troppo spesso di sfruttare la lacrima facile e l'ammiccamento verso il pubblico, stendendo una trama dal ritmo e dagli sviluppi piuttosto scontati (a parte un ottimo finale) e cercando di colpire lo spettatore in maniera non così profonda.
Sarebbe stato, quindi, il classico film tratto da una storia vera dedicato ad un problema sociale da non trascurare ma del quale ci saremmo subito dimenticati se non fosse per la preziosa regia dell'inglese Wright, che aggiunge quel tocco di stile personale e interessante alla storia, narrandola tramite piani sequenza e carrelli in movimento completamente al servizio della trama e della personalità dei suoi personaggi e dando un'anima ad essi, profondi grazie alle loro performance riprese dai primi piani piuttosto che alle parole che vengono esclamate. La cura estetica del film e la particolare voglia di ingannare lo spettatore meglio che si può permette al film di apparire a tratti quasi un teatro filmato: più volte, infatti, sembra quasi che le scenografie siano state realizzate tutte in un unico teatro di posa e l'inganno creato dall'autore offre al film e alla trama quel qualcosa di nuovo e originale che permette al prodotto di distinguersi rispetto ai suoi numerosi simili. Oltre agli attori protaognisti, bravi e in un certo senso addirittura stupefacenti (l'intensità di Jamie Foxx raggiunge picchi rari per la sua filmografia e Robert Downey Jr. non è così intenso da tanto, troppo tempo) a rendere più invitante la visione c'è il cast di contorno, in cui troviamo la brava Catherine Keener e l'ottimo Tom Hollander (Cutler Beckett della saga Pirati dei Caraibi). Ben orchestrate le musiche di Dario Marianelli, il quale dà il meglio di sé proprio nei momenti più significativi della regia, ovvero quei piani sequenza che accompagnano i personaggi o che descrivono i sobborghi californiani, realizzando dei temi che si affiancano molto bene con le musiche classiche scelte per questo film. Altrettanto intensa è la fotografia di Seamus McGarvey, forse la cosa migliore del film, perché riesce a offrire dei sensazionali giochi di luce ed ombra e, allo stesso tempo, riesce a mettere in risalto le performance degli attori, le scenografie e, soprattutto, il particolare piano di regia pensato da Wright, enfatizzato alla stessa maniera dal montaggio di Paul Tothill, il quale cerca sempre di sottolineare nel migliore dei modi l'atmosfera e l'emotività di ogni sequenza, spesso con un montaggio abbastanza scolastico ma rispettoso del ritmo della storia. In sostanza una pellicola che sarebbe potuta uscire come tante altre, ma che la mano delicata di Wright e il suo amore per il cinema e per la narrazione riescono a trasformare in qualcosa di più interessante rispetto al solito, edulcorato compitino americano.
Il Solista

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il mattatore

    mattatore

    Un carcerato mentre guardava questo film alla convocazione in parlatorio per la visita della moglie rispondeva: “digli che nun ce stò! Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA
  • Il Gargano

    da "Il vento racconta..." Bastogi editrice 2007 Il Gargano Certe zone del pianeta hanno scelto per prime. Quando il Creato si dispose sul globo, plasmando... Leggere il seguito

    Da  Fernando
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il predatore

    predatore

    DELLA PSICHE È LA SCONFITTA DEL PARITISMO ? di Roberto RossiSituazione terribile quella che stiamo vivendo in Europa. Una crisi economica che si allarga e... Leggere il seguito

    Da  Paritismo
    CULTURA, PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Il mio, il vostro, il nostro...Kaos

    mio, vostro, nostro...Kaos

    Dopo gli ultimi e passati eventi politico-economici l'unica possibilità è contattare #PadreAmorth e tentare un esorcismo di massa. Leggere il seguito

    Da  Mark
    CULTURA, TALENTI
  • Sabato duo impro & domenica chitarra solista

    Sabato impro domenica chitarra solista

    SABATO ALLE 21:30 GENERAL PURPOSE Fabio Sartori: pianoforte, fender rhodes, elettronicaLuigi Marino: zarb, cimbali, metalli, dispositivi elettronici portabili,... Leggere il seguito

    Da  Empedocle70
    CULTURA, MUSICA
  • Il weekend

    weekend

    Peter Cameron è un autore americano e questo è il suo secondo romanzo, pubblicato negli Stati Uniti nel 1994... quasi vent'anni fa. Leggere il seguito

    Da  Carlo Deffenu
    CULTURA, LIBRI, RACCONTI, TALENTI
  • Il sonnellino

    sonnellino

    Rubrica ScarabocchiMattino. Mi attedia da qualche giorno uno stato malinconico, triste e sonnolento. Direi :>, se non fossimo a maggio. Leggere il seguito

    Da  Philomela997
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, LIBRI, STORIA E FILOSOFIA