Magazine Cucina

Il solito, baby!

Da Baba
Il solito, baby!Non so voi, ma quando ogni tanto mi capita di vedere il bar di un hotel mi immagino appollaiata su uno sgabello a sorseggiare qualcosa di fichissimo. Magari un Martini, come James Bond oppure un Cocktail Champagne come Cary Grant e Deborah Kerr in "Un amore splendido" o un Vodka Tonic come Scarlett Johansson in "Lost in Translation".
Ma sono astemia. E per di più allergica alla frutta. Quindi non solo posso scordarmi i drink fichissimi di cui sopra, ma anche la scelta tra le varianti analcoliche non è delle più vaste.  E così, per parecchio tempo, le mie olive agli happy hour sono state accompagnate dall'analcolico biondo che fa impazzire il mondo. Fino a quando un barman illuminato mi ha detto: "Al posto dell'analcolico alla frutta posso farti uno SHIRLEY TEMPLE".
Lo ammetto: l'ho guardato un po' perplessa quando mi ha allungato un bicchiere contenente del liquido ambrato - che sembrava tè - e decorato con delle ciliegine.
Sono tornata al tavolo con il mio cocktail e quando i presenti mi hanno chiesto cosa fosse, alla risposta "Uno Shirley Temple", sono rimasti ugualmente perplessi e, incuriositi, mi hanno guardato prendere il primo sorso del misterioso cocktail.
"Di cosa sa?"."Eh, di Big Babol".E anche se può sembrare strana l'idea di bere un chewing gum, vi dirò che io l'ho adorato.
Da quel momento in poi, lo Shirley Temple è diventato il mio cocktail ufficiale. E ha sempre funzionato. Tranne quella volta che l'hanno preparato con la Soda al posto del Ginger Ale...
Ho riprovato a farlo a casa, ma il problema è che il Ginger Ale non l'ho mai trovato da nessuna parte. L'ho sostituito con il Ginger biondo, che in effetti non è proprio la stessa cosa, ma il risultato non è male.
Ingredienti:
Ginger Ale 9/10;
Granatina 1/10;
Ghiaccio;
Scorza di limone;
Ciliegine.
Occorrente:
1 bicchiere;
1 stirrer, ma sono sicurissima che anche un cucchiaio andrà benissimo;1 cannuccia.
In un bicchiere versate qualche cubetto di ghiaccio. Aggiungete il Ginger Ale e la granatina e mescolate. Decorate con la scorza di limone e le ciliegine. Mi raccomando, non dimenticate la cannuccia!
Visto che la ricetta è super veloce, ecco un po' di storia: questo cocktail è stato creato negli anni '30 apposta per la giovane attrice Shirley Temple da un barista del Chasen's Restaurant di Hollywood, noto locale in cui si ritrovavano molto di frequente gli attori. L'attrice bambina, che ai quei tempi era sicuramente astemia, non sapeva cosa ordinare, da qui l'invenzione del cocktail che porta il suo nome.
L'abbinamento: Shirley Temple e "Riccioli d'oro", con Shirley Temple.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il castagnaccio

    castagnaccio

    Dall'ottima farina di Rita preparo il castagnaccio. Sapori rustici, ma, allo stesso tempo, delicati che rievocano tempi antichi in cui le nostre nonne che... Leggere il seguito

    Da  Barbara70
    CUCINA
  • Il grano vestito: il farro!

    grano vestito: farro!

    Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum,rappresenta la più antica tipologia di frumento coltivato, utilizzata dall'uomocome... Leggere il seguito

    Da  Matteoghigino
    CUCINA, RICETTE
  • Il tè nel piatto

    piatto

    Ogni domenica da un anno a questa parte, pubblico una ricetta a base di tè o che si abbini alla nostra bevanda preferita. Ultimamente ho notato che ci sono... Leggere il seguito

    Da  Fiveoclock
    CUCINA, LIFESTYLE
  • Il velo

    velo

    Le donne si dividono in due categorie, quelle che adorano il velo e quelle che lo detestano. Io personalmente non riesco ad immaginare una sposa senza il velo. Leggere il seguito

    Da  Biancheggiando
    CUCINA
  • Il Vino Merlot: il Re dei Re

    Vino Merlot:

    Friuli Venezia Giulia - MerlotDico merlot e dico amore eterno, penso merlot e penso al vino coltivato dal mio paziente nonno, pronuncio merlot e sorrido del... Leggere il seguito

    Da  Maurov
    CUCINA, VINO
  • Il Rosso di Montalcino, il vino dell’amore

    Rosso Montalcino, vino dell’amore

    Montalcino - ToscanaVoglio proprio sfatare la leggenda metropolitana secondo la quale sarebbe il brunello di montalcino il vino romantico per antonomasia ed... Leggere il seguito

    Da  Maurov
    CUCINA, VINO
  • Il coniglio Pasquale

    coniglio Pasquale

    Occorrente: Pasta speziata* Glassa reale* Uovo di cioccolato rivestito di zucchero Carta trasparente Forbici Stampino a forma di uovo Carta d'alluminio *Pasta... Leggere il seguito

    Da  Patiba
    CUCINA