Magazine Cultura

Il tea party di Monti

Creato il 29 febbraio 2012 da Albertocapece

Il tea party di MontiLe bugie sono come le barzellette: bisogna saperle raccontarle. Invece questa non sembra una specialità del governo, come raccontare  storielle divertenti non era quella del tycoon di prima. Solo il fatto di essere riusciti a spaventare le “pecorelle” italiane le rende sopportabile e accettabile una via completamente lastricata di annunci e passi indietro, di iperboli salvifiche e di topolini, di equità sospette come le cure del dottor Mabuse.

Fino a due settimane fa i ministri e il premier dichiaravano che si sarebbe abbassato il prelievo sul primo scaglione dell’Irpef dal 23% al 20% grazie ai proventi dell’evasione fiscale. Ma poi non si è fatto perché non c’erano le risorse, cosa del resto evidente anche prima. Tuttavia dopo due o tre giorno di silenzio si è passati a una cantilena uguale, anche se più generica e vaga: con i soldi dell’evasione ridurremo le tasse.

Molti italiani ci hanno messo quindici anni a sgamare Berlusconi, vediamo quanto ci metteranno a capire che la seriosità non è affatto una garanzia di verità. E se è per quello nemmeno di serietà. Dunque si diceva i soldi dell’evasione: anche questa è una palla, peraltro uguale a quella che raccontava Tremonti. La lotta all’evasione è solo marginale  nella dozzina di miliardi ripescati: il grosso deriva dal recupero crediti di Equitalia, vale a dire di somme variamente composte, ma che con l’evasione non hanno nulla a che vedere.

La lotta all’evasione non si fa con i blitz, che infatti non avvengono in nessuna parte del mondo perché i sistemi sono diversi e ormai dovunque ci si serve di sistemi informatici. Ma forse non la si vuole nemmeno fare. Bel bello il premier oggi se ne è uscito con il vero piano: ”Il peso delle tasse da dirette e indirette. Serve riequilibrio del sistema impositivo. Ridurre effetti distorsivi”. Dal momento che questo è esattamente il programma del tea party, si suppone che l’effetto distorsivo a cui si vuole rimediare è la progressività della tassazione.

Le tasse indirette cioè  tutte quelle che non riguardano in via diretta il reddito, sono infatti uguali per tutti. Il 20% di Iva – tanto per dirne una – la paga l’operaio come il supermanager. E così le accise sulla benzina o uno degli infiniti bolli o  i ticket sanitari. Se spendo il 40% del mio salario di 1200 euro netti per il cibo, avrò pagato  96 euro di Iva, vale a dire quasi l’ 8% della mia retribuzione totale. Ma se avessi un guadagno di 10 mila euro netti, magari potrò spendere il doppio o anche più in alimenti, diciamo pure 1000 euro. A quel punto avrò pagato 200 euro di imposta sul valore aggiunto che sono tuttavia il 2% del mio guadagno mensile.

Questo gap è ora in parte compensato dalla progressività dell’Iperf . Ma se per esempio viene diminuito del 3% l’importo di ciascuno scaglione dell’Irpef e viene aumentata l’Iva, diciamo del 2% in modo da compensare la perdita di gettito, pagherò il 4, 5% circa  in meno di tasse sul lordo del mio salario che salirà vertiginosamente a 1250 euro mensili , ma in compenso il mio esborso  in tasse alimentari sarà di 105 euro. Il mio alter ego dei 10.000 euro di reddito mensile risparmierà invece il 15% di tasse, mentre l’ esborso in Iva per i cibi sarà di 220 euro. Come suggerisce l’aritmetica il risultato è che mentre l’incidenza della spesa cibo sul mio salario  si riduce a circa il 7%, quelle del mio”doppio” ricco scende clamorosamente a circa l’1%.

Questo naturalmente vale per qualsiasi imposta indiretta e non si fatica a capire perché il passaggio da una tassazione diretta progressiva e una tassazione indiretta è uno dei cavalli di battaglia delle destre wordwide. E nemmeno perché l’azzimato Monti non manca mai a un tea party: sarebbe maleducato.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il compagno Monti

    compagno Monti

    Devo fare ammenda: ho sempre detto che le manovre del governo Monti oltre ad essere imposte dall’esterno, erano la quintessenza dell’iniquità e della volgarità... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Monti ed il "Rigor Mortis"

    Monti "Rigor Mortis"

    A..Mazzoleni arte-foto digitaleCon buona pace dei pochi irriducibili filomontiani, ciechi ad oltranza, le critiche di economisti di fama mondiale tra cui due... Leggere il seguito

    Da  Controcorrente
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il bugiardologo che vien dai dai monti

    bugiardologo vien monti

    Bugia, falsità, falso, fandonia, favola, frottola, finzione, messinscena, panzana, simulazione, bubbola, fola, invenzione, palla, cazzata, balla, mendacio,... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Monti, il suonatore di Sachs

    Monti, suonatore Sachs

    “Non c’è alcun conflitto di interessi e lo vedrete nei fatti”. Also sprach Passera e così parlò pure Monti : “Non ci sono conflitti di interesse nella mia... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Monti e il Bilderberg Group

    Monti Bilderberg Group

    Ci siamo ormai abituati a definire quello di Monti un governo tecnico. E tutti da nove mesi ripetiamo la stessa cosa. Poco ci interessa la sottigliezza di... Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il buon cristiano Monti

    buon cristiano Monti

    Stamattina abbiamo appreso che la produzione industriale ha avuto un drammatico crollo, assieme ovviamente a quello del Pil. Ma per fortuna il Wall Street... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il governo Monti

    Le dimissioni di B. (se fossero vere) potrebbero essere la fine di un inizio (la famosa rivoluzione liberale) oppure l'inizio della fine (se questa situazione d... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ

Magazines