Magazine Cultura

Il tempo diventa spazio

Creato il 25 luglio 2012 da Tizfrat65

25/07/2012

Il tempo diventa spazio

debora fede,immaginaria arti visive gallery,firenze,toscanaA Firenze, presso Immaginaria Arti Visive Gallery in Via Guelfa 22/r, viene inaugurata la mostra personale dell'artista DEBORA FEDE venerdì 27 luglio alle ore 18.30. Segue alle ore 20,00 un concerto dei Thoreau set. Sarà presente l'artista. L'esposizione resta aperta fino al 3 settembre 2012.

Breve profilo dell'artista:

Debora Fede nasce a Roma (1965), ha vissuto, lavorato ed esposto in molti paesi europei e non: Italia, Spagna, Germania, Turchia, Stati Uniti e Cuba, facendo diventare cosi' il viaggio un tema costante, quasi uno stile di vita. L'opera di Debora Fede, ogni volta piu' pulita e nitida e' una miscela di sentimenti e atmosfere. La sua pittura sempre emozionale e lacerante ha sofferto una trasformazione nel confrontarsi con il temperamento e la cultura tedesca, i quali hanno apportato quiete, serena malinconia e una perfezione tecnica. La sua concezione dell'arte di origine platonica e' sempre prometeica; si muove sulla direttrice della primordialita' cosmica per mezzo della pittura informale. Debora Fede ha fatto del silenzio un posto, uno spazio, una forma simbolica di abitarlo, quando tutti e tuttosi avvolgono di silenzio, una specie di estasi delle piccole cose si appropria del suo sguardo, in quel momento e solo in quell'attimo, il mondo o il suo riflesso, si convertono in una stanza tutta per se', imprescindibile per la creazione. Rivendicare il silenzio, nel suo caso e' un omaggio a Virginia Woolf. Con lei condivide una soggettivita' radicale; analitica in un modo distinto, anche questa efficace, cosi' come una estranea e paradosale poetica bipolare pienamente coerente. La pittura di Debora Fede obbedisce all' impulso, all'istante, eccede come un'illuminata titanica. Dopo pulisce l'idea, cerca la perfetta luce, la trasparenza esatta. (scripsit Jose' Romera Diaz).

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il bucaneve

    bucaneve

    C’era una volta in una foresta incantata degli alberi ricoperti di neve. La nebbia vorticava intorno ad essi e il gelo aveva ornato di cristalli tutto intorno... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Il giudizio

    giudizio

    C’è sempre chi è al di sopra di noi. Che lo vogliamo o no, dobbiamo sempre rendere conto a qualcuno di  ciò che facciamo . Mia figlia adolescente che in questo... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Il silenzio

    Flannery O’Connor scriveva che se si è sopravvissuti alla propria infanzia si possiedono abbastanza informazioni sulla vita per il resto dei propri... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI
  • Il gretto

    Uno, nessuno, centomila. L’immagine che noi abbiamo di noi stessi, quella che proiettiamo all’esterno e quella che viene percepita dagli altri raramente... Leggere il seguito

    Da  Unarosaverde
    CULTURA, LIBRI
  • Il mandolinista

    mandolinista

    Quando ho cominciato a studiare seriamente la musica al Conservatorio ho scoperto che uno dei mandolinisti più famosi al mondo era sardo. Si chiamava Giuseppe... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Il coraggio

    coraggio

    Il coraggio Nel 2006 un giornalista della Stampa di Torino, aprì in internet un sito titolato “Torinolimpiade2006” e mi chiese di tenere una pagina di questo... Leggere il seguito

    Da  Fernando
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il motivetto

    Chissà quante volte vi è capitato di ascoltare una canzone e canticchiarla anche mentalmente tutto il giorno. A me è successo ieri con la canzone scritta da... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA

Magazine