Magazine Politica

Il terzo segreto dell’Imu

Creato il 01 dicembre 2013 da Albertocapece

fatimaMentre il beato Saccomanni vede moltiplicarsi i segni di ripresa e giura che la slitta di Babbo Natale è già in viaggio dal polo nord, deve riconosce però che non ci sono coperture per togliere l’Imu, memmeno per la prima rata: pare che la letterina inviata al grande vecchio nella Lapponia finlandese sia stata intercettata dall’elfo di Goldman Sachs, Olli Rehn.

Scusate ma proprio non si può rimanere seri di fronte al vaudeville fornito gratuitamente dal governicchio Letta che annaspa, arranca ad ogni passo e si dimostra fino in fondo ciò che è: un esecutivo di palazzo formato da dilettanti della realtà e intriganti del politicantesimo. Tanto che si sono andati a cacciare dentro un assurdo: hanno tolto l’Imu, senza avere la copertura per l’operazione, al solo scopo di compiacere Berlusconi e tenerlo dentro il recinto della stabilità, ma adesso sono costretti ad andare avanti su questa strada con Berlusconi che è passato all’opposizione.

Tutto nasce dalla presunzione degli apparati di partito e del Quirinale che se ne è dimostrato un prolungamento istituzionale, di poter governare una fase drammatica del Paese con i logori strumenti delle manovre di corridoio, dei patteggiamenti e delle spartizioni, gli unici del resto praticabili da un sistema politico ormai dedito quasi solo alla propria sopravvivenza.  L’idea condivisa era quella di prendere un “esterno” come Monti per fargli sottoscrivere il capestro europeo e gestirne le conseguenze senza impegnare direttamente alcun partito, ma solo una maggioranza di emergenza; poi il professore, palesemente inadeguato anche al compito di commesso svenditore, ha voluto scendere in campo e  il Colle ha dovuto trovare l’escamotage delle larghe intese, anche a costo di ignorare completamente non solo gli umori del Paese, ma persino i dati di realtà.

E il risultato è questa batracomiomachia di balzelli, messi, tolti, rimessi, ribattezzati, aumentati come manco accadeva negli stati del centroafrica appena fondati (adesso sarebbero un modello di buona amministrazione), mentre al lavoro e al welfare vengono date bastonate e spiccioli di conforto. Però se appena qualcuno alza il dito e dice che tutto questo è intollerabile, ecco che il governicchio Letta diventa indispensabile e addirittura una diga contro il diluvio. Mentre invece sono proprio le logiche nel quale è nato a costituire la massa d’acqua che avanza con le sue scorie, i tronchi marci, le alghe in putrefazione.

Tuttavia qualcuno vede prodigiosamente moltiplicarsi i sintomi della ripresa, così che probabilmente avremo i tre segreti dell’Imu rivelati a Letta, il pastorello di Novara: ”Non aver timore, caro piccolo. Sono la Cancelliera di Germania, che ti parla e ti domanda di rendere pubblico il Messaggio”.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il vino della discordia

    vino della discordia

    New York - Giorni fa entro nel solito negozio di vini e liquori del quartiere per comprare una bottiglia di vino rosso. Dopo aver speso una buona mezzora... Leggere il seguito

    Da  Wally26
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Il caimano ed il Pd

    caimano

    La possibile ascesa di Daniela Santanché alla vicepresidenza della Camera ha scosso comprensibilmente il Transatlantico, scatenando scompiglio in maniera... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Lombardo
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Il cordoglio dei lupi

    cordoglio lupi

    Anna Lombroso per il SimplicissimusAi tempi del fascismo non sapevo di vivere ai tempi del fascismo. La frase di Hans Magnus Enzensberger pesa come un macigno... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Renzi, il “solito noto”

    Renzi, “solito noto”

    Contate su di meMentre il marito finge di usare la bicicletta (fino all’angolo dove è celata l’auto blu) perché fa politico vicino alla gggente, la moglie del... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Il concorso

    concorso

    “Marco Alcina?! Ma di chi cazzo è Marco Alcina?”. Il professore Lucio Guidoni strabuzzò gli occhi e strinse i denti in un ghigno rabbioso. Leggere il seguito

    Da  Domenico11
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Il ruolo di Renzi

    ruolo Renzi

    Renzi Letta secondo Luca Peruzzi Come interpretare l'improvvisa accelerazione che ha portato nel giro di poche settimane alla staffetta Letta-Renzi per la... Leggere il seguito

    Da  Veritaedemocrazia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il presepe della xenofobia

    presepe della xenofobia

    C’è un partito che fluttua, cambia casacca e bandiera ma è pervicace nelle sue convinzioni e nell’ideologia che lo muove. Passa dalla Lega al Movimento 5 stelle... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    POLITICA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines