Magazine Cultura

Il viaggio di Arlo

Creato il 07 gennaio 2016 da Lo Sciame Inquieto
Il viaggio di Arlo Poniamo che l'asteroide che milioni di anni fa, colpendo la terra, ha fatto estinguere i dinosauri l'avesse solo sfiorata... I dinosauri non sarebbero spariti dal pianeta e – chissà – magari si sarebbero evoluti, mentre gli umani sarebbero rimasti dei selvaggi, in netta minoranza.
È questa l'idea geniale che sta alla base de Il viaggio di Arlo.
Arlo è un giovane dinosauro, spaventato dal mondo, che viene alla luce in una famiglia di dinosauri agricoltori ed è destinato, insieme ai suoi fratelli, a occuparsi dell'azienda agricola di famiglia. Un giorno però suo padre muore in circostanze tragiche e, in seguito a una tempesta, Arlo si trova lontanissimo da casa e incapace di ritrovare la strada.
Inizia così il suo viaggio, presto affiancato da Spot, un cucciolo di uomo, che lo difenderà dai pericoli e lo aiuterà a crescere e ad affrontare le sue paure.
Il viaggio farà incontrare ad Arlo e Spot tante creature, in parte nemiche e pericolose, in parte amiche e collaborative, e spetterà a loro non solo capire di chi fidarsi, ma anche sostenersi a vicenda nella strada verso casa.
Il nuovo film della Pixar è incentrato su alcuni temi chiave della filmografia per bambini: l'avventura, il viaggio, l'amicizia, la famiglia, e si configura come un classico romanzo di formazione che trasformerà un cucciolo pauroso e insicuro in un adulto dotato di sensibilità e senso di responsabilità.
L'avventura di Arlo e Spot è una gioia per gli occhi e per il cuore: le scene nei prati con le lucciole e lungo il fiume con lo stormo degli uccelli sono di grande effetto scenografico; l'amicizia dei due protagonisti, accomunati dalla solitudine e dalla perdita delle persone amate, è in grado di smuovere anche il cuore più insensibile e di suscitare lacrimoni e singhiozzi anche nell'anima più dura.
Ancora una volta, insieme ai personaggi creati dalla Pixar, tutti - grandi e piccini - ci emozioniamo e allarghiamo il cuore alla bellezza del mondo e dei sentimenti.
Personalmente ho trovato perfetta la prima parte del film, un eccellente mix di narrazione, sentimenti, azione e personaggi. La seconda parte tende invece, secondo me, a sfilacciarsi un po' e a disperdersi in troppi rivoli e, pur alzando il livello emotivo, si avvia verso un finale convenzionale che sinceramente mi ha lasciata un po' interdetta.
Mi sarei aspettata e avrei tanto voluto che i creatori di Arlo osassero un po' di più e portassero la riflessione sul concetto di famiglia - attraverso i loro due bellissimi personaggi – un po' più in là di quella idea tradizionale e rassicurante che invece alla fine un po' ridimensiona le premesse del film, nonché le promesse di un mondo in cui – come recita il trailer – un piccolo gesto può cambiare le cose.
Ciò detto, andare a vedere il film di Natale della Pixar con i miei nipoti rimane per me uno dei momenti più belli delle festività.
Voto: 3,5/5

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il futurismo

    futurismo

    A trentacinque anni o poco più, Filippo Tommaso Marinetti ha concretizzato la sua idea di “arte nuova” della quale aveva esposto i canoni nel primo dei... Leggere il seguito

    Da  Signoradeifiltriblog
    ARTE, CULTURA

Magazine