Magazine Psicologia

Il Web crea dipendenza nei giovani come sesso e gioco d’azzardo

Da Renzo Zambello

Il Web crea dipendenza nei giovani come sesso e gioco d’azzardoOgni tanto ritorna questa vicenda: secondo una recente inchiesta condotta ovviamente da una serie di esperti, il web avrebbe raggiunto sesso e gioco d’azzardo come fonte di dipendenza più pericolosa per i più giovani. Di più: “La trasversalità sociale, culturale, generazionale del nuovo trend, testimonia ampiamente la sua pericolosità
 
Subito dietro – ma non di molto – troviamo altri focolai come ad esempio l’abuso di tecnologia soprattutto di cellulari e di videogames e per le femminucce (e pure qualche maschietto) dello shopping. Lanciano l’allarme gli esperti della comunità scientifica psicoterapeutica a Firenze.

Nel capoluogo toscano si sono riuniti i massimi esponenti della psicoterapia in occasione del 26esimo Congresso Internazionale del Sepi – acronimo di Society for the Exploration of Psychotherapy Integration – insieme alla Scuola di Psicoterapia Comparata.  
Chi abusa del web soffre di problemi sociali e comportamentali, ha difficoltà a relazionarsi e può presentare un rapporto distorto con il mondo reale. Il target più sensibile è quello dei giovanissimi ossia dei teenagers visto che secondo l’Istat il 35.2% dei bambini/ragazzini tra 11 e 13 anni possedeva un cellulare nel 2000, nel 2008 l’83.7%, oggi oltre il 90 di sicuro.

http://www.tecnocino.it         

Commento del Dott. Zambello

Una mamma mi diceva l’altro giorno, parlando di suo figlio: “… Sta  davanti al cumputer anche otto ore al giorno. Rimane alzato fino a ora tarda. Io non lo so, forse è meglio così che uscire. Chi sa chi troverebbe  fuori.  Non si droga. Lei cosa dice?” Premesso che non avevo niente da dirle, non eravamo li per lui  ma certamente questa donna proiettava su suo figlio la sua difficoltà a diventare grandi, adulti  ad uscire dal guscio.

E’ vero che anche la droga, l’alcool e tanto altro possono dare dipendenza. Possono essere surrogati di un  mai risolto rapporto con ”una madre ideale”. Ma se questa dipendenza la vivi non solo nel  fantasmatico, in una ricerca interna di ideali che trovi mai ma,  realmente,  vicino ad una madre che mai si stacca, allora la situazione é quasi impossibile da risolvere.

Ad un ragazzo di 35 anni che viveva una situazione simile e che era  venuto a chiedermi  una analisi,   gli dissi: ” Ad una sola condizione, che i suoi genitori rimangano   fuori dallo studio. Non solo fisicamente, é ovvio,  ma nel senso che non dovrà  dare a loro  spiegazioni  del suo cammino terapeutico”. E’ sparito.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :